Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Una biblioteca pubblica in bicicletta?

Books on BikesSe la montagna non viene a Maometto, Maometto... Nel caso di cui ci apprestiamo a parlare, molto più realistico, invece, se il lettore non va in biblioteca (e qui sta il realismo), è la biblioteca ad andare da lui. E per giunta con un mezzo che non inquina.

A Seattle, infatti, qualcuno ha ben pensato di unire due vocazioni importanti e storiche della città: da una parte quella culturale, e nello specifico “libresca”, dall’altra la passione per l’utilizzo della bicicletta. Il risultato è stato il progetto, pubblico, è bene specificarlo, intitolato Books on Bikes.

Di cosa si tratta? Molto semplice: un gruppo di bibliotecari girano per la città su delle bici con una sorta di rimorchio adibito al trasporto di un buon numero di volumi per volta; propongono, aiutano nella scelta, consigliano, promuovono, avvicinano la cittadinanza alla lettura.

Ogni bibliotecario dispone inoltre di un tablet e una connessione Wi-fi a Internet. In questo modo, il servizio offerto moltiplica l’accessibilità culturale, diventa molto più accattivante e si “distribuisce” sul territorio con un vero spirito di delocalizzazione del sapere. Nel “catalogo” dei libri portati in giro, circa quattrocento titoli, compresi libri per bambini e ragazzi, fiction e non-fictionBooks on Bikes rappresenta una bella lezione di senso civico e del progresso culturale, ancora una volta, prima ancora che un’occasione utile e comoda di fruire di una parte del patrimonio librario.

E in caso di pioggia, i libri comunque sarebbero al sicuro, ben coperti.

[Seguiteci su FacebookTwitterGoogle+Issuu e Pinterest]

 

 

 

 

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Ma voi li avete visto certi bibliotecari italiani? In certo biblioteche di quartiere ci sono persone messe lì (probabilmente grazie a qualche santo in paradiso), ma che non sanno neanche fare una ricerca bibliografica, neanche usare un computer... Gli chiedi di un autore (anche famoso, almeno quel tipo di autore che ci si aspetterebbe che un bibliotecario conoscesse) e ti guardano come quella volta il bue al presepe vivente... Insomma, ho visto cose che voi lettori... tanto da porter dire che certe cose qui in Italia forse non le vedremo mai.

Tristemente vero, Anemone. Molti fanno bene il loro lavoro, ovviamente, ma certe volte si vedono delle scene...

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.