Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Una biblioteca in una provetta

Una biblioteca in una provettaPochi giorni fa Sul Romanzo vi parlava di futuro, in particolare della prima biblioteca pubblica interamente digitale. Pensavamo di avere intravisto il tempo da venire, immaginando ereader e pc in stanze asfittiche e coi suoni tipici delle comode tecnologie contemporanee. Ci eravamo sbagliati, come nei migliori romanzi postcyberpunk, seguaci del connettivismo fra letteratura e bioinformatica, il nadir ha trasceso l’ombra sostituendosi subito allo zenit, capovolgendo le apparenze. 

 

Una biblioteca non digitale ma biologica, nel DNA. Che cosa?

Ieri, 23 gennaio 2013, Nature – una delle più importanti riviste scientifiche – ha pubblicato uno studio che riguarda la conservazione biologica di dati: sono stati “registrati” 154 sonetti di Shakespeare, il discorso "I have a dream" di M.L. King del 1963, l'articolo attraverso cui Watson e Crick descrissero la forma a doppia elica della molecola della vita nel 1953 e una foto ad alta risoluzione dell'European Bioinformatics Institute di Hinxton, in Gran Bretagna, dove è avvenuta l’operazione di registrazione. Per confermare l’esperimento è stata inviata una provetta a un gruppo di biologi, i quali non hanno avuto difficoltà a scoprire quanto vi era contenuto in termini non solo biologici. Una sequenza di basi potrebbe conservare una serie di informazioni che i computer attuali, anche i più potenti, non potrebbero reggere, il confronto sarebbe impari.

 

Sono richiesti strumenti ad elevata tecnologia, eppure sulla durata di conservazione delle informazioni ci sono pochi dubbi: il DNA batte il digitale sei a zero. Per ora siamo ancora nel campo della ricerca, nonostante ciò il futuro si prospetta roseo. Si pensi a una biblioteca di libri contenuta per intero in una provetta. Fantasia fino a pochi anni addietro, ora non più grazie all’avanzamento delle nanotecnologie.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.7 (3 voti)
Tag:

Commenti

Se e' questo il futuro c'è lo spariamo nelle vene così da sapere la divina commedia a memoria senza averlo mai letto prima??? Che trip

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.