Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Una barca di carta

BoatNon è la prima volta che parliamo di imponenti sculture e installazioni. In particolar modo, non è la prima volta che parliamo di opere fatte con la carta.

 

Anche l’artista cinese Zhu Jinshi, classe 1954, ha utilizzato materiali simili. Per creare la sua monumentale Boat, esposta di recente a ART13 London, ha utilizzato ben 8000 fogli di carta di riso, oltre a 800 aste in bambù, e a una quantità imprecisata di filo di cotone, per tenere in sospensione l’opera stessa.

 

Di certo, il fatto di avere scelto come soggetto una barca contiene in sé numerose risonanze metaforiche: barca come viaggio, trasferimento, ma anche trapasso, morte, percorso ultimo. C’è da dire che Zhu Jinshi nasce, e cresce, come pittore astratto, e nelle sue creazioni la pittura ad olio si accumula, strato dopo strato, fino a proiettarsi fuori dal supporto, creando un preciso effetto volumetrico, scultoreo, molto straniante.

 

Insomma, non si tratta dell’ultimo arrivato, e anche se non sapessimo che ha fatto parte di un gruppo di avanguardia nel quale vi era anche Ai Weiwei, non avremmo comunque difficoltà a capire il valore di questo artista.

 

L’arte contemporanea è vivacissima, forse un po’ come tutta l’arte, quando è “contemporanea” a chi la guarda e ne fruisce; e ci invita a giocare, anche fosse solo intellettualmente. Che si tratti di un cavallo con la testa conficcata in un muro, o di bambini enormi o appesi ad un albero, di una spaccatura o di squali in formaldeide, la cosa più bella e importante è avere recuperato il gioco. E lo stupore.

Nessun voto finora

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.