14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Un romanzo senza certezze. “Asimmetria” di Lisa Halliday

Un romanzo senza certezze. “Asimmetria” di Lisa HallidayAsimmetria (Feltrinelli, traduzione di F. Aceto), romanzo d'esordio dell'americana Lisa Halliday, è un libro che può dirsi fortunato. Infatti, in un contesto in cui la sfortuna o la fortuna di un manoscritto dipende sempre più dall'attenzione mediatica del web e dei giornali, Lisa Halliday è stata "benedetta" da una moltitudine di critiche positive.Dando una rapida scorsa emerge, per esempio, l'apprezzamento di un'autrice come Zadie Smith, che arriva ad affermare che il romanzo in questione è «una meraviglia», dando così il suo beneplacito a un libro già circondato da una certa curiosità.

La struttura, e più in generale tutto il romanzo, si basa su un progetto ardito e rischioso. Contrariamente alle classiche narrazioni, la Halliday decide infatti di esordire suddividendo il romanzo in tre sezioni, intitolate rispettivamente Follia, Pazzia e Desert Island Discs, del tutto indipendenti tra loro. Il risultato di questa scelta è la produzione di un testo frammentario; un esperimento letterario che priva il lettore delle certezze accumulate in anni di egemonia romanzesca e lo porta a chiedersi che cosa sia un romanzo.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Nelle prime due sezionipare che la scrittrice si diverta quasi a giocare con il lettore, come a volerlo depistare – ci si perdoni la metafora. Anche solo considerando gli elementi formali, balzano subito agli occhi delle differenze mascroscopiche, che impediscono di praticare una lettura che sia continuativa. Per chiarire, citiamo solo qualche differenza. Follia è scritto in terza persona, il ruolo di protagonista spetta a una donna americana, la temporalità segue una linea rigorosamente cronologica e il tema è una relazione, una relazione amorosa per l'esattezza; Pazzia è l'opposto: in prima persona, un tempo discontinuo giocato su continui flashback del protagonista maschile e, infine, la politica in primo piano.

Un romanzo senza certezze. “Asimmetria” di Lisa Halliday

 

Così, nel passaggio dalla prima alla seconda parte, il lettore si trova sbalzato dal mondo di Mary-Alice, giovane redattrice, a quello di Amar, economista medio-orientale alle prese con discriminanti controlli aereoportuali.

Il nesso tra queste due realtà di carta sfugge. Del resto, già il titolo dichiara la natura asimmetrica e scostante di un romanzo che non vuole dare certezze, ma presentare delle sfide: un nesso è davvero necessario alla narrazione? Se sì, deve essere esplicitato dall'autore o può essere frutto dell'interpretazione del lettore? E ancora, considerando quanto detto di sopra, che cosa differenzia un romanzo come questo da una serie di racconti?

Un romanzo senza certezze. “Asimmetria” di Lisa Halliday

Sono domande destinate a rimanere aperte, naturalmente. Ogni lettore potrà reagire a una tale provocazione letteria storcendo il naso o accogliendo il ribellismo insito in questa scrittura d'esordio. Di certo, dopo aver scritto per vent'anni in segreto, Lisa Halliday tiene a far sentire la sua presenza nel mondo editoriale, non più come editor, lavoro che svolge da anni, ma come autrice. Un'autrice cherivendica il diritto di rappresentare su carta un mondo distorto, asimmetrico e frammentario che sia il riflesso di quello reale. Al bando continuità e ordini fittizi, dunque, per accogliere la caotica polimorfia del reale, fatta di relazioni dissonanti.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

La prima è descritta in Follia: storia d'amore fra un anziano scrittore, Ezra Blazer, e Mary-Alice, alter-ego, rispettiavamente, di Philip Roth e della stessa Halliday in gioventù. L'autrice trova così modo di esternare il rapporto, asimmetrico e tuttavia produttivo, di "un amore che fu" reale.

Quella tra lo scrittore e la protagonista è infatti sì, una relazione sbilanciata da fattori quali l'età e le possibilità economiche dei due, ma ricca di risvolti positivi,"platonici", in altri termini, migliorativi per entrambi i personaggi. Mary-Alice fornisce a Blazer la joie de vivre tipica della giovinezza, mentre lui la educa in qualsiasi campo (dalla letteratura, al cinema, alla musica), con una relazione che cala la pederastia pedagogica greca nella modernità.Un rapporto basato sul disequilibrio, sembra dirci la Halliday, che tuttavia funziona e si legittima nei risultati che ottiene. Che si possa dire lo stesso anche della struttura dissonante di Asimmetria? Ai lettori l'ardua sentenza.


Per la prima foto, copyright: Chris Barbalis.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.2 (5 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.