Perché è importante leggere

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Un romanzo entusiasmante. “Una questione di tempo” di Alex Capus

Un romanzo entusiasmante. “Una questione di tempo” di Alex CapusUn altro entusiasmante romanzo dell’autore bestseller tedesco Alex Capus. S’intitola Una questione di tempo, pubblicato da Keller Editore e tradotto da Franco Filice, è uscito in Italia e presentato di recente al Festival della Letteratura di Mantova.

Già dall'incipit l'autore ci proietta nell'avventuroso cuore della savana africana. Anton Rüder sta fuggendo, stremato dalla fatica. Si ciba rapido di pappa d'avena direttamente dal pentolone, scivola, cade e ricomincia a fuggire. Si nasconde e lecca il cibo sparso sulla sua pelle, poi si addormenta. Ma è vivo. È un sopravvissuto. Il romanzo parte dalla fine. Da quale avventura proviene questo personaggio? È il novembre del 1913. La piccola nave Götzen viene smontata per essere trasportata dal Mare del Nord fino al lago Tanganica nell'Africa orientale. Anton Rüder coordina i tre operai incaricati di questo lavoro sperando in un futuro migliore. Ma la vita africana si fa coinvolgente soprattutto quando i tre manovali si trovano di fronte, esattamente nella sponda opposta del lago, l'originale comandante Spicer che dall'Inghilterra è stato incaricato di trasportare i due obsoleti cannonieri dal buffo nome Mimi e Toutou.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Appena inizia la Prima guerra mondiale, che in Africa perviene a scoppio ritardato, i due rottami navali inglesi ricevono l'ordine di mettere fuori gioco la nave tedesca. Questo crea grossi scompensi tra gli animi e in modo ironico Capus evidenzia come venga combattuta in maniera assurda una guerra che dista dall'Africa migliaia di chilometri sia per fatti che per principi.

Un romanzo entusiasmante. “Una questione di tempo” di Alex Capus

Tra le riflessioni e le perplessità emerge chiaramente l'atteggiamento conflittuale del colonialista che può guardare in faccia il male e affrontarlo o voltarsi dall'altra parte. Ma non per questo è meno colpevole:

«Ogni giorno mi vedo costretto a compiere azioni cattive se voglio evitare il declino, mio e della colonia, che l'imperatore mi ha affidato, e con ogni azione cattiva divento sempre più tutt'uno con il ruolo che mi è stato assegnato. Questo, signori miei, è il destino dell'uomo coloniale: dover sempre scegliere il disprezzo di sé e lottare contro la morte.»

 

Quest’atteggiamento è spesso in contrasto con il pragmatismo degli operai:

«Guarda dritto nell'obiettivo con piglio tranquillo e volitivo, come è nell'indole di un meccanico per il quale non esistono problemi irrisolvibile. È abituato a vedere le cose per il verso giusto. Se emerge una difficoltà non c'è motivo di agitarsi, ma è uno stimolo per attivare l'ingegno.»

Un romanzo entusiasmante. “Una questione di tempo” di Alex Capus

In quest’Africa lontana tutti i canoni si sovvertono e i lavoratori indigeni diventano amici degli operai, e addirittura è il distinto guerriero Masai ad avere parole di conforto per Anton Rüder:

«Lascialo piangere. Ogni giovane guerriero dopo la prima battaglia è addolorato per aver perso l’innocenza.»

 

Alex Capus ci pone di fronte non solo a un romanzo storico ma anche a storie di vita, di gioie, di amori, di delusioni, il tutto in chiave sapientemente umoristica e non priva di un certo pathos.

Lo sfondo coloniale poi viene descritto con acuta dovizia di particolari che portano il lettore ad atmosfere lontane e dai colori cangianti dell'Africa:

«Tra buganvillea e arbusti di ibisco gli ospiti si muovevano con i loro vestiti estivi, i completi di lino bianchi, le voci animate. Dalla veranda si vedeva lo scintillio scuro delle acque dell'Oceano Indiano. Un vento lieve, fresco, mitigava il caldo opprimente e dalla spiaggia che luccicava nel suo biancore saliva il fragore ritmico del mare. In alto sopra il tetto, sotto il bagliore delle stelle, si cullavano chiome nere delle palme.»

 

Questo romanzo conferma l'appartenenza di Capus alla ristretta cerchia degli scrittori più amati dai lettori di Germania. L'interesse particolare dell’autore per l'animo profondo dei suoi personaggi e per le atmosfere esotiche e avventurose rimandano a Cuore di tenebra di Conrad. Anche in Capus come in Conrad i personaggi sono combattuti dentro il proprio cuore tra la sfida di volersi battere sul campo di battaglia e la verità della rassegnazione e della fuga.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

In Una questione di tempo, Capus mette in atto la capacità privilegiata della parola di indagare profondamente l'animo umano anche attraverso storie che per epoca o personaggi sembrano essere così lontane da noi. Difatti Capus, come tutti i grandi scrittori, narrando intorno all'uomo sa immaginare le pulsioni che poi si potranno concretizzare nel futuro. La realtà esterna spesso coincide con lo scenario interiore dei personaggi.

Una questione di tempo è un testo coraggioso per la scelta delle ambientazioni lontane e di altri tempi ma i suoi personaggi avventurosi e pieni di forza vitale regalano una lettura straordinaria.


Per la prima foto, copyright: Harshil Gudka su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.