Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di Scrittura Creativa

Corso online di Editing

Un romanzo di grande pathos. “Non chiudere gli occhi” di Mary Higgins Clark e Alafair Burke

Un romanzo di grande pathos. “Non chiudere gli occhi” di Mary Higgins Clark e Alafair BurkeNon chiudere gli occhi di Mary Higgins Clark e Alafair Burke (Sperling & Kupfer, traduzione di Annalisa Garavaglia) è un capolavoro indiscusso per pathos e coinvolgimento emozionale.

Il romanzo è costruito in modo certosino ed è impreziosito da un lessico e da una struttura narrativa che gira intorno a un caso di cronaca accaduto quindici anni prima.

Inconsapevole e sfortunata protagonista di questa tragedia degli equivoci è una giovane donna del tempo, la quale per uno strano meccanismo a incastro difficile da decifrare e da spiegare è stata accusata di aver compiuto a sangue freddo l’efferato omicidio del suo grande amore, il compagno di una vita, Hunter all’anagrafe.

La coppia era prossima alle nozze, era solida, felice e spensierata, tanto è vero che il fattaccio va giocandosi dopo una divertente e appassionante serata di gala.

I due giovani belli e ammirati rientrano nella loro sontuosa e ben arredata residenza e proprio in quella notte di stranezze Hunter viene freddato con un colpo d’arma da fuoco. E così per Casey si aprono le danze e molto dolcemente si spalancano anche le porte dell’inferno.

Maledetto il destino! Lei era l’unica persona presente nell’appartamento della sventura.

E cosa più grave: durante la serata in questione alcuni testimoni l’hanno vista abbandonarsi ai piaceri dell’alcol, apparendo dunque in condizioni alquanto discutibili agli occhi dei molti presenti.

La polizia non demorde ed effettua indagini assai approfondite in merito all’intera faccenda, spulciando ogni minimo frammento dell’intero caso.

Ma tutto, ogni piccolissima prova e circostanza sembra inevitabilmente far pensare al peggio, ossia che Casey sia l’unica e la sola assassina.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Alla però sfortuna non ci si può sottrarre, addirittura nel suo sangue vengono ritrovate tracce di una sostanza stupefacente, che potrebbe aver giocato un ruolo di primo piano, contribuendo in questo modo a produrre quella sorta di raptus omicida, che l’avrebbe condotta alla soppressione di quel giovane uomo che nel suo piccolo mondo antico rappresentava una specie di idillio e di ancora di salvezza.

La nostra protagonista viene così, a scatola chiusa, condannata. Naturalmente il suo futuro sarà compromesso del tutto, infatti la giovane donna dovrà purtroppo rimanere in carcere per ben quindici anni. E qui, in questo luogo di perdizione, la nostra Casey si sentirà come pesce fuor d’acqua, quasi come se si trovasse in un ipotetico girone dell’inferno dantesco e dovesse espiare una colpa che fondamentalmente non le appartiene affatto.

Una volta uscita da quell’incubo la giovane donna prenderà una coraggiosa decisione, ovvero quella di voler ripulire a ogni costo il suo nome, purificandolo da quella cattiveria gratuita e da tutte quelle nefandezze mal sopportate, dimostrando al mondo intero che lei non è un’assassina, ma una donna per bene e che può davvero camminare a testa alta.

Da qui inizia una sorta di rinascita personale, che coinvolge testa e cuore di un’eroina senza tempo, senza spazio e senza confini.

Un romanzo di grande pathos. “Non chiudere gli occhi” di Mary Higgins Clark e Alafair Burke

Si assiste in questo modo a una narrazione magica, quasi surreale, che in questo romanzo assume quasi una connotazione filosofica, un’evocazione spirituale capace di ammaliare ed emozionare quei lettori per passione, quei lettori di grande volontà che vedono nella lettura non solo il mero divertimento, ma soprattutto l’occasione più ghiotta per guardarsi allo specchio, per guardarsi dentro e comprendere le proprie fragilità e i propri limiti.

Casey si affiderà a una produttrice televisiva,Laurie, e proprio questa donna sarà la causa scatenante per riaprire le indagini giornalistiche e scoprire così cosa sia realmente accaduto.

Ma si tratterà davvero di un’altra verità o a volte la spiegazione più semplice è anche la più reale?

Attorno alle due donne si può tranquillamente affermare che girano come satelliti moltissimi altri personaggi.

Infatti a favore di Casey ci saranno la madre e Angela, la cugina, le quali l’hanno sempre difesa a spada tratta; mentre contro di lei altri personaggi tramano nuove tele oscure: si pensi alla famiglia di Hunter, dal padre al fratello.

Ma ci sarà anche un socio di Hunter, la segretaria del padre della vittima e molti altri ancora.

Intricate indagini giornalistiche rendono il genere innovativo per certi versi, lasciando nelle mani dell’informazione pubblica la matassa aggrovigliata, mentre la polizia in questo romanzo è praticamente inesistente, in compenso avvocati e giornalisti sono al centro dell’intricata matassa da sbrogliare:la parte del leone è loro.

Spettacolare è senz’altrola dualità delle due protagoniste, indiscusse eroine del libro: Casey, la donna rimasta nell’ombra per vicissitudini della vita, e Laurie, vedova con un figlio,che deve ritrovare la strada della felicità, sebbene non vi sia niente che materialmente la renda davvero felice. Le corde annodate e ben salde del passato costringono entrambe a una vita in gabbia.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Questo pregevole romanzo di Mary Higgins Clark e Alafair Burke rappresenta l’occasione propizia di avvicinarsi con passione e interesse a un thriller capace di toccare a pieno emozioni e paure.

È senza ombra di dubbio un manufatto ben concepito, ben scritto, una traduzione magnifica senza alcuna crepa, un libro che nonostante la piacevole lentezza ti prende, ti conquista e ti avvolge.


Per la prima foto, copyright: Allef Vinicius su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.