Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

“Un romanzo del cavolo” firmato Adrian Suciu

Un roman de rahat«Il libro, il romanzo, il testo, insomma, la prosa che segue non si rivolge agli stupidi. Se sei stupido, non leggere oltre! Siccome esistono persone che non comprendono la differenza tra finzione e letteratura, vorrei, prima che proseguiate nella lettura del testo di cui sotto, che confermiate la correttezza dei seguenti enunciati per evitare future incomprensioni». La premessa è seguita dal Disclaimer.

Un roman de rahat (Ed. Tritonic, 2013), Un romanzo del cavolo si potrebbe tradurre cercando, non senza compromessi, di rendere al meglio l’idea di Adrian Suciu. Il testo originale usa una parola che, sostenuta dall’intero volume, consacra l’autore come un abile giocoliere dei doppi sensi. Rahat è intraducibile. È, al contempo, una deliziosa gelatina dolce d’origine orientale, rahatlocum, una cosa da poco e gli escrementi.

Difficile decidere quale significato adottare come chiave interpretativa del romanzo. È gelatinoso, per la compattezza e la lucidità con le quali tratta il volto della Romania e dell’Europa odierna, in un’ottica alquanto innovativa. Ma è acido, per niente commestibile o digeribile, mentre pone i puntini sulle “i”. E, in una visione ironica, per dirla con un proverbio romeno, la vecchietta si pettina mentre il paese brucia, il romanzo tratta questioni da “poco conto”.

Apre, nel capitolo Lettera aperta per gli europei, un dialogo per discutere di una «presa di posizione individuale, la quale non implica in nessun modo lo Stato romeno, fatto per cui non si verificherà alcun incidente diplomatico» e, in principio, «lascerà indifferenti tutti coloro ai quali è indirizzato». E diventa tagliente, come pochi: «Mio fratello italiano, francese o tedesco o di quale altra nazionalità tu sia, ti parlo qui come a un amico col quale chiacchiero davanti a una birra fresca e andrò a briglia sciolta nell’esporti le mie frustrazioni, per risparmiare i soldi per lo psicologo! Da vent’anni, i tuoi politici, per niente migliori dei miei, mi urlano contro, strabuzzano gli occhi e mi indicano col dito perché discrimino gli zingari». Si infervorisce, Suciu, quando tocca il tasto dolente di coloro che ci governano e dei pregiudizi che fanno scaturire nelle persone: «Politici di merda, perché tali sono in tutto il mondo, accusano me, uomo educato, dallo spirito libero e nella pienezza delle facoltà mentali, di essere razzista! Da vent’anni, i tuoi politici propagano, con obiettivi precisi, la confusione già installata nella tua mente, che gli zingari e i romeni siano la stessa roba. Sai una cosa? Gli zingari e i romeni sono due popoli diversi, con storie diverse e valori diversi. E sai un’altra cosa? Non sono razzista ma per il fatto che i tuoi politici mi proibiscano, in quanto romeno, persino di proteggere la mia identità nei confronti dell’aggressione, ciò mi spinge ad avere un grande motivo di gioia verso l’integrazione della Romania nell’Unione Europea: gli zingari sono anche tuoi ora».

[Seguiteci su FacebookTwitterGoogle+Issuu e Pinterest

Adrian SuciuÈ anche impertinente, provocatorio, il narratore, frutto del disincanto che percepisce nei confronti della capacità della letteratura di plasmare e indirizzare i lettori. Le pagine non sono scritte per entrare nelle grazie altrui, conquistandolo con i buonismi. Le pagine sono lo spazio del narratore che strappa le tende dietro le quali ci si nasconde mossi da finto nazionalismo. Questo va sbrindellato e creato uno vero, autentico, ex novo, sembra di intuire il messaggio tra le righe.

Ovviamente, in conclusione, l’autore tiene a precisare anche il fatto che il romanzo rispetta la direttiva CE2001/37/CEE e il lettore avvisato ha già visto che durante tutti i pranzi o le cene si mangia, si beve e si conversa ma si fuma poco, quasi per niente. La maggior parte dei personaggi sono fumatori, ma «l’autore ha evitato di pubblicizzare un’abitudine profondamente nociva e molto diffusa tra i romeni».

Non serve spiegare perché sia stato il romanzo più venduto in Romania, nel 2013.

 

 

Adrian Suciu (1970) si laurea in Lettere presso l'Università di Cluj. Dagli studi, desidera ricordare le amicizie, i divertimenti e la grammatica della lingua romena – scrive nel suo sito internet. Convinto che grazie alla poesia non si possa vivere, svolge, lungo gli anni, diversi lavori: elettricista, insegnate, giornalista, funzionario pubblico. I suoi testi sono stati tradotti in diverse lingue europee, tra cui inglese, francese, tedesco, ungherese. Ha vinto numerosi premi ai Festival della Lettura sia nazionali sia internazionali, mentre – si legge ancora nel suo sito – uno dei suoi principi di vita è: trovi sempre una mano che ti aiuti alla fine del tuo braccio. Ha pubblicato sei volumi di poesia, un opuscolo politico (Plus) e un romanzo, Sesso con donne (Sex cu femei), premiato dall'Unione degli scrittori romeni come “Libro dell'anno”.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (4 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.