In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Un romanzo che racconta di noi. “Eravamo tutti vivi” di Claudia Grendene

Un romanzo che racconta di noi. “Eravamo tutti vivi” di Claudia GrendeneEravamo tutti vivi è il romanzo d’esordio di Claudia Grendene, pubblicato da Marsilio editore.

È un romanzo difficile nella sua formulazione, non nella lettura – anzi, si aggiunge, piuttosto scorrevole e dinamico – perché l’autrice non ha scelto di parlare in prima persona, stilare un’autobiografia romanzata, colorata e picaresca, sollevare i drammi e farsi carico dei suoi sviluppi, né ha scelto di raccontare una storia con una voce narrante che supervisiona le sue creature.

Qui ha osato tirare e attirare il lettore nel labirinto di un romanzo corale e intrecciato come l’ordito e la trama di un tessuto.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

È rappresentata, infatti, la storia di sette ragazzi, sono Max, Alberto, Elia, Chiara, Isabella, Anita, Agnese in una Padova, ricca e confusionaria, snob ed elitaria, parvenu e politicamente impegnata, che attraversa un ventennio, dal 1993 al 2013, di stravolgimenti incontrollabili, di alienazioni inevitabili, di sconfitte e di fallimenti irreparabili, un periodo in cui cambia l’Italia, in cui cambia il mondo.

Padova è il centro di una trasformazione in cui i personaggi sono pedine, vittime, questa volta consapevoli, dello sfacelo cui si va incontro, che si sta attraversando.

Muoiono i partiti, i movimenti di massa, gli ideali e le ideologie scendono a ranghi meschini, o tutt’al più sono tradotti in slogan passeggeri e propagandistici, nella migliore delle ipotesi diventano spunti nostalgici.

Il precariato, occupazionale ed esistenziale, domina l’emergente generazione che scalcia via quegli ideali rivoluzionari sui quali ci si è costruiti la propria identità; che fa passare da slanci libertari a una realtà frustrante e avvilente.

Viene in mente una frase di John Lennon «la vita è quello che ti succede mentre sei impegnato a fare altri programmi».

Un romanzo che racconta di noi. “Eravamo tutti vivi” di Claudia Grendene

Quindi è politica, è società, è costume, è cultura quella che cambia nella Padova bene, nella Padova ricca, a un tiro di schioppo da qualunque altra realtà italiana dove imperversano scontri e contestazioni di ogni natura, espressione di un disagio collettivo piuttosto che un ideale o un diritto offeso.

Dentro questa cornice si sviluppano amori, fughe, tradimenti, i figli, troppi figli, amanti, troppi amanti, abbandoni, troppi abbandoni, rancori, matrimoni non desiderati, famiglie ingombranti e invadenti, responsabilità eccessive, pentimenti, fallimenti, delusioni che come colori di un caleidoscopio si amalgamano conservando sì traccia di una loro autonomia ma inevitabilmente dipendenti l’uno dall’altro.

Poi succede che Max muore. Succede che i protagonisti sono costretti a fare il punto della situazione, perché la vita scivola e vola via lasciandoli solo spettatori degli eventi che loro, prima di tutto, hanno vissuto.

Un romanzo che racconta di noi. “Eravamo tutti vivi” di Claudia Grendene

Le domande incespicano tanto sono numerose e affastellate quasi avessero una scadenza, oltre la quale non è più possibile trovare delle giustificazioni. La vita è qualcosa di diverso, o di più, di un traguardo da rincorrere o da afferrare.

Sono raccolti al funerale di Max gli amici e presente, quel giorno, è il loro passato fatto di legami e di progetti che si destano e si rinfocolano di una nuova energia che li proietta, auspicabilmente, verso un futuro meno ignoto.

Eravamo tutti vivi è un romanzo generazionale, per questo doloroso, vero, per merito del quale – o per colpa del quale – è inevitabile non riconoscersi.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Non vedo possibile non rivedersi in Isabella e la lotta per un posto di lavoro a scuola con gli umori altalenanti di una legislazione che cambia annualmente, né vedo possibile non identificarsi in Anita incinta di due creature e affatto convinta che sia la cosa migliore della sua vita visto che avrebbe dovuto fare altro, curare altri lati della sua individualità.

Dicevo, romanzo generazionale, perché compone una generazione di cui volente o nolente il lettore fa parte, anche laddove si desiderasse, così per indole, tenersi distante dai personaggi letterari, più o meno inventati che siano, e finire la lettura con la locuzione tipo noli me tangere.


Per la prima foto, copyright: John Schnobrich.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.