Interviste a scrittori

Curiosità grammaticali

Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Un romanzo che parla degli ultimi. “La parte del fuoco” di Marco Rovelli

Un romanzo che parla degli ultimi. “La parte del fuoco” di Marco RovelliPuntata n. 113 della rubrica La bellezza nascosta

 

«Quando tornate a casa tu vai a innaffiare l’orto nella piana. Hai piantato melanzane, insalata, pomodori, zucchine, insomma l’orto classico italiano, che hai imparato a curare. Non arrivi a farti le mani nere come la vecchia signora che ama Puccini, ma anche a te capita già di parlare alle piante come cose vive. Vedi Elsa che gira intorno alla casa: tasta la consistenza della materia, sente la porosità dei muri, segue le forme, gli angoli. Lo fai anche tu a volte, è questione d’intimità, di farsi amici con lo spazio d’intorno, abitarlo come si abita il proprio corpo.»

 

A volte si cerca un appiglio, si cerca una mano che possa sostenerci, che possa tenerci a galla quando tutto intorno a noi inizia ad affondare, e a volte quella mano è salvezza, è qualcosa di sconosciuto eppure molto uguale a noi, qualcosa di alieno che compie però i nostri stessi movimenti, che possiede i nostri gesti, i nostri modi di restare al mondo. Ma due persone sul filo, insieme, si salvano o rischiano di perdere l’equilibrio più facilmente?

Un romanzo che parla degli ultimi. “La parte del fuoco” di Marco Rovelli

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Il tempo che passi con una persona è molto relativo, è superficie, è come polvere che può volare via alla prima folata di vento; conta quanto intenso è il passaggio che si apre in un contatto tra due persone, conta quanto forte può essere un abbraccio e quanta disperazione vive nello spazio d’aria che separa due corpi vicini.

Marco Rovelli è nato a Massa nel 1969, il suo romanzo La parte del fuoco è stato nuovamente pubblicato da TerraRossa edizioni.

Un romanzo che parla degli ultimi. “La parte del fuoco” di Marco Rovelli

Elsa entra ed esce dalle cliniche, la sua è una vita al limite, è sempre tutto troppo o troppo poco; Karim è un clandestino, immigrato in Italia, vive alla giornata cercando di non finire negli agguati delle forze dell’ordine e provando a guadagnare i pochi soldi che gli potranno permettere di mangiare e pagare un affitto. Il loro incontro è il contatto primigenio, è qualcosa che rende deboli le loro riserve, che li spinge ad abbandonare i loro fortini e a cercare approdo dentro l’altra persona.

 

LEGGI ANCHE – Tutte le puntate di La bellezza nascosta

 

La parte del fuoco è un romanzo che riesce a scuotere, lo fa con una scrittura armoniosa, fluida e con un ritmo veloce che ci porta in maniera precisa dentro le esistenze ai margini di Elsa e Karim, ci fa esplorare le loro paure e le loro rabbie, ci fa sperare con loro e ci fa sentire addosso un po’ della loro disperazione, una disperazione che si aggrappa ai loro corpi e cerca di pesare quanto più possibile su ogni singolo movimento di speranza.

«Guardati come fossi un altro, e chiediti chi sta soffrendo adesso. Non sei tu. C’è solo un insieme disordinato di sensi e memorie che nessuno può ordinare. Guardati all’esterno e sottraiti alle sbarre che ti circondano. Hai articolato le parole del sangue per gridare presenza al mondo, per dire al mondo che là fuori tu esisti.»

Un romanzo che parla degli ultimi. “La parte del fuoco” di Marco Rovelli

Marco Rovelli ha scritto un romanzo che parla degli ultimi, un romanzo che prova a raccontarci i drammi e le angosce delle persone che ogni giorno sono costretti a prendere parte a una guerra, a odiare se stessi e gli altri, singolarmente o contemporaneamente. Un libro da leggere per cercare di comprendere quanto sottile e labile possa essere il confine tra salvezza e miseria, tra vita e morte, tra amore e abbandono.

«Vi voltate, il mare adesso comincia ad essere agitato. Una lama di luce taglia l’atmosfera, si dispiega sulla superficie delle acque, sulla spuma della onde che la luce espone in una bianchezza di furore. Poi si allarga fino a riva, alla baracca di lamiera del bar sulla spiaggia, e lì riverbera, e acceca. Questa affilatezza fa vibrare le cose dell’abbaglio che gli è proprio. Camminate con lo sguardo fisso su questo svelamento, sul gesto della luce che fa segno alle labbra spalancate delle cose.»

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

A volte pensiamo di essere forti, di non aver bisogno di nessuno e restiamo chiusi dentro prigioni visibili solo a noi stessi, vere solo per la nostra pelle, per la nostra mente, per i nostri occhi; ma poi arriva qualcuno che somiglia a qualcosa di già visto, che odora di un profumo che già abbiamo sentito molto volte, che si sposta sulla terra nello stesso modo in cui facciamo noi, e allora non resta nient’altro da fare se non riprendere a respirare.


Per la prima foto, copyright: Etienne Boulanger su Unsplash.

Per la quarta foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (4 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.