Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Un romanzo che fa ridiventare bambini. “Il cielo non è per tutti” di Barbara Garlaschelli

Un romanzo che fa ridiventare bambini. “Il cielo non è per tutti” di Barbara GarlaschelliHo letto e recensito anche un altro testo di Barbara Garlaschelli, Non volevo morire vergine, edito da Piemme nel 2017: un libro che affronta un tema spigoloso come il rapporto tra sesso e disabilità e che, lo ricordo perfettamente, viene raccontato in modo serio e ironico allo stesso tempo, generando una mescolanza di stili e di emozioni che mi hanno fatto apprezzare da subito l’autrice milanese. E che, sono certo, in futuro mi porterà a leggere anche tutti gli altri volumi pubblicati dalla stessa scrittrice.

È con questo spirito che mi sono avvicinato a Il cielo non è per tutti, pubblicato da Frassinelli: con la voglia d’immergermi nuovamente in un mix di suggestioni e assaporare ancora quell’arte fine della narrazione che contraddistingue il suo modo di scrivere. E invece non è stato così: ho letto tutt’altro! Mi sono ritrovato davanti un testo semplice, fatto di vocaboli spontanei e frasi genuine; un volume colmo di naturalezza, perfetto per la trama e per i protagonisti della storia raccontata. Un testo capace di catapultare il lettore indietro nel tempo, agli anni dell’infanzia. Un libro realizzato quindi in maniera differente da quello precedente, ma che raggiunge ugualmente il suo scopo: far tornare il lettore un po’ bambino, facendogli quasi riviere un’età dimenticata. E in effetti, sulla quarta di copertina si legge: «Siamo stati tutti bambini, solo che molti hanno abbandonato l’infanzia nel garage degli attrezzi dimenticati, tra la polvere e la vernice seccata dentro bidoni di plastica, e non ricordano nulla, nemmeno di avere ricordi».

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

La storia si svolge in un’afosa città della pianura padana. Una di quelle città dal sapore inconfondibile di vuoto; un vuoto generato dal periodo, in cui sono tutti in vacanza, tranne «chi non ha abbastanza soldi per andarsene, chi è troppo vecchio e chi è troppo piccolo».

Un romanzo che fa ridiventare bambini. “Il cielo non è per tutti” di Barbara Garlaschelli

Incastrati in situazioni simili ci sono anche Giacomo e Alida, due bambini vittime – ciascuno a suo modo – dell’estate e degli eventi che li circondano. Giacomo, ad esempio, sta per affrontare il lutto per la scomparsa di suo nonno, un signore irascibile e odiato da tutti. Alida, invece, non sopporta più sua madre, iperprotettiva ai limiti dell’ossessione. Così un pomeriggio, si conoscono per caso ai giardini e decidono di scappare assieme. Giacomo in sella a Freccia, la sua stupenda bicicletta rossa, e Alida con in tasca il suo inseparabile smartphone. Giacomo scappa dalla colpa: si sente un assassino per aver ucciso il padre di suo padre; Alida fugge da una madre troppo attaccata al denaro, che la porta a lavorare spesso di notte e a lasciarla sola.

Scompaiono quella notte stessa e gettano nel panico i famigliari: la mamma e il fratello di Giacomo, e la madre e lo zio di Alida, in primis.

Il libro parte piano, in maniera quasi troppo confusionaria. Si passa da Giacomo ad Alida, da un capitolo all’altro, e si fa quasi fatica a seguire le due storie. Ma è una sensazione che dura poco. Presentati i personaggi principali e i loro famigliari, si entra in sintonia con tutto il meccanismo pensato dall’autrice e, anzi, si apprezza ancora di più la struttura narrativa scelta. Una struttura snella, fatta di capitoli brevi, sormontati dal nome del protagonista interessato.

Un romanzo che fa ridiventare bambini. “Il cielo non è per tutti” di Barbara Garlaschelli

I personaggi sono costruiti in maniera sapiente e precisa, e ciascuno ha caratteristiche peculiari dettagliatissime e ben definite. Ogniqualvolta si passa da un paragrafo all’altro, infatti, si entra subito in sintonia con le emozioni provate da chi è al centro del capitolo. Tant’è che ciascuno dei personaggi potrebbe benissimo essere considerato come un protagonista della storia.

La trama è lineare, cronologica per quanto concerne l’evolversi della storia: non sono quindi presenti salti temporali; a parte qualche digressione utile a raccontare meglio i background dei personaggi. Non vi sono artifici narrativi complessi: l’autrice – e il lettore se ne rende conto sin dalle prime pagine – ha solo inserito alcuni periodi che, a tratti, aiutano la suspense. Non sono presenti nemmeno grandi colpi di scena, ma il ritmo incalzante dei fatti raccontanti e i protagonisti ben strutturati rendono davvero piacevole la lettura delle 266 pagine che compongono l’opera.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

A mio parere, a parte i dettagli narrativi tecnici, Il cielo non è per tutti di Barbara Garlaschelli ha soprattutto un grande pregio: quello di far riscoprire al lettore sentimenti e pensieri sopiti nei ricordi. Ricordi che, purtroppo, sono spesso sbiaditi o dimenticati. E mi riferisco anche a un modo di ragionare prettamente legato all’infanzia o all’adolescenza: un modo di vedere il mondo con occhi puri e ingenui, a volte maturo ma senza filtri.


Per la prima foto, copyright: Hugues de BUYER-MIMEURE su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 3.7 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.