Corso online di Editing

Corso online di Scrittura Creativa

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Un ricordo d'aeroporto

 

Aeroporto di CataniaLa trasformazione dei colori, la densità diversa della luce. In primavera, sono feroci. In Sicilia, forse, sono più feroci ancora. C'è un momento, collocabile grossomodo a metà marzo, in cui, in un giorno come un altro, prendi la macchina per andare in facoltà, e qualcosa è diverso. Ti accorgi che le cose che ti scorrono attorno, oltre il parabrezza, sembrano cambiate, in una sola notte. Cambiate completamente. Dovresti chiederti com'è possibile, ma non te la fai più, quella domanda. Sai che è così, ogni anno, e questo ti basta. Ti consola l'ineffabilità del ciclico.

È in giorni come quello che ogni anno vivo a metà marzo, che si stabiliscono connessioni inaspettate; ricordi, odori, momenti, movimenti e stasi si incastrano. Nel più recente di questi giorni “magici” mi è capitato di ripensare a quando accompagnai un anziano all'aeroporto. C'era almeno un'altra persona con me, oltre l'anziano e sua moglie.

Il ricordo procede a scatti, per sequenze significative, esemplificative, si dipana come in un montaggio. Aveva difficoltà a camminare, quindi bisognava parcheggiare la macchina il più vicino possibile. Accompagnarli, lui e la moglie, attendere l'imbarco, salutarli e tornare a casa. Il piano era semplice. Sosto davanti all'ingresso principale, giusto il tempo di farlo salire.

Lentamente lo vedo arrivare, con la moglie accanto. Metto le frecce d'emergenza (per puro scrupolo), faccio il giro, vado ad aprirgli lo sportello. Mentre, non senza difficoltà, salgono in macchina, prima il bastone che lo sostiene, e poi lui, l'anziano mi ringrazia con uno sguardo.

Via Vittorio Emanuele II era una lunga e leggera discesa, all'epoca. Poi hanno modificato i sensi di marcia. Saranno state le 12. Alla fine di quella lunga strada arriviamo in Piazza dei Martiri, che confina con la ferrovia che confina col mare, e certe volte si vede passare il treno, da destra a sinistra, come se stesse per conficcarsi nella città. I miei passeggeri stanno conversando, io li sento ma non capisco bene cosa si dicono; sembra una conversazione vivace. Giù verso il porto, costeggiandolo, attraversando la luce del sole e sentendo un po' caldo, del resto siamo a maggio, ci immettiamo nell'Asse dei servizi ma subito lo abbandoniamo, diretti allo scalo.

L'imbarco è tra un po', dunque decidiamo di pranzare. Siamo in quattro al tavolo; da qui si vede la folla che, paziente, scorre verso i controlli di sicurezza. Attorno a noi molta altra gente che mangia, guarda nel vuoto, sorride, beve, si agita, si rilassa. Il discorso cade sulla mia tesi, l'anziano mi chiede di cosa mi sto occupando e io, non senza qualche imbarazzo, dico che sto facendo uno studio comparato su Fosca di Tarchetti e il film che Ettore Scola ne ha tratto nel 1981: quante volte avrò ripetuto questa cosa, eppure questa volta il mio interlocutore mi sembra interessato. Rimane per un attimo a guardare il piatto, poi aggiunge che lui si è occupato in passato anche di Tarchetti, in qualche modo, e che ricorda uno scritto nel cui titolo c'è la locuzione «coperto dei figini»; e io aggiungo che sì, è Paolina. Misteri del Coperto dei Figini. Il pranzo scorre via come in sogno, leggero ma con la consapevolezza di averlo vissuto.

Si è fatta l'ora. Tutto pronto. Non avevo detto che lui è su una sedia a rotelle. Non era un dettaglio importante, tante e tali sono la vitalità, la curiosità, la forza che emana e di cui ci sentiamo partecipi in un modo che non comprendiamo. È ora. Un attimo prima di superare il varco di sicurezza, aiutato dal personale dell'aeroporto, con sua moglie al seguito, ci saluta e ci rivolge ancora un sorriso, come un nonno che saluta temporaneamente i nipoti, in attesa di rivederli poco tempo dopo. Come in un film di Chaplin, lo vediamo scomparire lentamente in direzione del gate.

Quell'anziano uomo dagli occhi chiari, lo sguardo pronto e la risata generosa si chiamava Edoardo Sanguineti.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (5 voti)

Commenti

Che bel racconto, Alessandro. Intenso, evocativo. Degno della poeticità di Sanguineti.
Debora Vagnoni

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.