Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Un noir in cucina. “Il tortellino muore nel brodo” di Filippo Venturi

Un noir in cucina. “Il tortellino muore nel brodo” di Filippo VenturiEsce per Mondadori l’ultimo romanzo di Filippo Venturi, Il tortellino muore nel brodo. Tra manicaretti tipici della tradizione bolognese e un folto susseguirsi di coincidenze, si dispiega la vita di un uomo che non ritrova più la moglie e quella di un uomo a cui sono mancate le occasioni per poter spiccare il volo e che ora, spinto da un impeto irrefrenabile di rivincita, fa un gesto a dir poco inconsulto. Spettatore, ma anche elemento essenziale nello snodare il bandolo della matassa, è Emilio Zucchini, ristoratore legato alla tradizione, fatto a modo suo e guidato da uno stretto legame tra ciò che è e ciò che fa. Quando la pasta per i tortellini fa le bizze, lui capisce che c’è qualcosa che non va. Occorre essere vigili.

Con uno stile ironico, Filippo Venturi, penna nota grazie alla rubrica che cura per «La Repubblica» e in cui recensisce gli avventori di La Montanara, in centro a Bologna, intrattiene il lettore con una storia piacevole e scorrevole.

In occasione dell’uscita del libro, l’autore ha gentilmente svelato alcuni retroscena che lo hanno portato a scrivere il romanzo.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Il tortellino muore nel brodo: un titolo singolare. Come nasce la scelta?

Mi piaceva l’idea di ingannare, in un certo senso, il lettore. Potrebbe essere benissimo il titolo di un libro da cucina, di ricette. E, invece, mentre lo si sfoglia, si scopre un noir che ha per protagonista un ristoratore la cui perspicacia lo porta a risolvere il caso in questione. L’ho scelto perché contiene sia la parola morte sia cucina, quindi un abbinamento che ben risponde alle esigenze del romanzo. Inoltre, è anche un gioco di parole, un modo di dire tipico bolognese. Infatti, quando con Carlo Carabba e Andrea Delmonte stavamo discorrendo di narrativa e cucina, mi fu chiesto come andava servito il tortellino, secondo la tradizione. Dissi loro che col ragù fa fatica, con la panna si riprende, ma il tortellino muore nel brodo. Ecco, da tutta questa serie di situazioni, si è arrivati a convincerci che era il titolo giusto per il romanzo.

Successivamente, curiosando nel web, ho scoperto che in un’intervista dello chef Barbieri con Carlo Lucarelli, quest’ultimo, in uno scambio di battute, suggeriva al primo, come titolo del prossimo libro, proprio questo Il tortellino muore nel brodo. La coincidenza mi è sembrata di buon auspicio.

Un noir in cucina. “Il tortellino muore nel brodo” di Filippo Venturi

Un romanzo degli opposti. In che modo gli opposti coesistono nella vita, in generale, e in quella dei suoi personaggi?  

Il romanzo, così come la vita, si fonda sull’incontro dei contrasti. E, in ultima analisi, mi piace molto giocare con i contrasti, confondere i confini tra bene e male. Mi piace soprattutto creare personaggi strampalati che all’apparenza risultano malvagi. Dei balordi dal cuore d’oro. Spesso ci si ritrova davanti l’incarnazione della giustizia e invece si rimane delusi perché così non è. Se pensiamo allo stesso commissario, Iodice, egli non rispecchia affatto la tradizione. È un insieme di opposti anche lui. Infatti, in questo senso mi inspiro molto al crime story contemporaneo americano. Ingrediente indispensabile, in questo incontro degli opposti, è l’ironia. E l’autoironia. Con il sorriso sulle labbra è più facile scalare le montagne.

 

Quasi tutti i personaggi sembrano muoversi seguendo un progetto, ciascuno il proprio, ma, in questa costellazione di eventi prestabiliti, l’accidentalità si manifesta senza tante cerimonie. La domanda è: nella vita quanto incidono i progetti e quanto l’accidentalità? 

L’accidentalità incide moltissimo sulla nostra vita. Questo non significa che i nostri progetti siano futili. Servono per darci la direzione, gli obiettivi, la nostra linea. Il percorso prestabilito però viene arricchito poi dall’accidentalità. In questo senso, il romanzo è un festival delle coincidenze. La medesima nascita di questo romanzo potrebbe benissimo rientrare in una serie di fortunati eventi. Anzi, di occasioni.

 

LEGGI ANCHE – In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

 

Bologna viene descritta in modo inusuale, attraverso la sua cucina tradizionale, come i tortellini per esempio. In che modo la storia delle città italiane incontra la storia delle loro cucine? In che modo l’una racconta l’altra?

Di Bologna si dice che sia la Dotta e la Grassa. La Dotta perché possiede la più antica delle università, la Grassa perché a Bologna siamo delle buone forchette. E questo ce lo confermano anche i turisti che apprezzano moltissimo i nostri piatti, certe volte migliori che a casa loro. In un certo senso, Bologna si racconta con i suoi piatti, racconta la sua storia e la vita di chi l’ha vissuta.

Un noir in cucina. “Il tortellino muore nel brodo” di Filippo Venturi

Emilio riflette sulla tradizione e sulla nuova era digitale. Anzi, quotidianamente prova a mantenere in equilibrio questi due estremi. Secondo lei, cosa ha portato di positivo l’era digitale alla tradizione?

Sebbene io non sia la persona più tecnologica del mondo, dalla mia posizione di ristoratore non posso fare a meno di cogliere la grande invasione della tecnologia nella vita di tutti i giorni delle persone. Se un tempo sedere a tavola era una buona scusa per parlarsi, oggi è molto più probabile che i commensali stiano sì chiacchierando, ma non con chi sta loro di fronte. È l’abuso, quindi, il problema, come per ogni altra cosa. Se usata in modo intelligente, può essere una risorsa. Sempre sposando il punto di vista del ristoratore, per esempio, applicazioni come Tripadvisor possono essere una ricchezza, ma certe volte le critiche vengono elargite gratuitamente e senza l’occasione di trarre un insegnamento. Per una questione di contrappasso, un po’ di tempo fa mi è venuto in mente l’idea di recensire i clienti. Ritornando all’accidentalità e quindi alle occasioni, su «La Repubblica» ho iniziato a tenere una rubrica in cui, con ironia e senza rancore, recensisco i miei clienti. All’inizio temevo che si potessero sentire a disagio sapendosi nel mirino del ristoratore, invece ho scoperto che si divertono molto.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Emilio Zucchini, sebbene non sia uno chef, è uno che di cucina se ne intende. Anzi, è uno che ha imparato tutto dalla migliore maestra, la nonna. Ma pensarlo semplicemente come il gestore di una certa trattoria a Bologna è a dir poco riduttivo. Cosa rappresenta Emilio, in verità?

A dire il vero, come Emilio anche io faccio il ristoratore. Gestisco e non cucino, e questo ci differenzia in modo particolare. Quando parlo di lui, scivolo poi a parlare di me perché vi è una simbiosi molto profonda che ci unisce. Per esempio, Emilio è un grande ascoltatore, io invece sono più propenso alla chiacchiera, ma mi piacerebbe moltissimo imparare ad ascoltare di più. Infatti, ci sono momenti e aspetti in cui vorrei essere più come lui.


Leggi tutte le nostre interviste a scrittori e scrittrici.

Per la prima foto, copyright: Ali Yahya.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.