In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Un mondo malato. “Contagiati” di Andrea Mauri

Un mondo malato. “Contagiati” di Andrea MauriDodici sono i racconti che formano il libro di Andrea Mauri,Contagiati, edito da Ensemble. L’ultimo capitolo, Se scriverai non ti accadrà nulla, è un inno che l’autore fa alla scrittura che cita come unica fonte di consolazione e salvezza alla malattia.

«Tra le riflessioni d’inchiostro nero lasciate ad asciugare sulla pagina si fa spazio un buco bianco di vuoto assoluto. L’assenza della scrittura coincide con uno stato di incoscienza in cui precipito senza preavviso. I medici mi spiegano che il virus può intaccare il cervello, e prima di perdere la consapevolezza dell’istante, trascrivo le parole esatte del dottore e ripeto dentro di me il mantra di famiglia: “Se scriverai non ti accadrà nulla”. Ho una paura fottuta che la bestia virale si beva la parte collegata alla scrittura.»

 

Il fil rouge che accomuna tutti i racconti è la malattia. In ogni storia, un virus sconvolge la vita del protagonista e l’autore descrive come questo possa cambiare le persone ma soprattutto come può mutare le relazioni che i soggetti hanno. Mauri infatti parla d’amore, famiglia e amicizia.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Altre volte invece quella che viene analizzata è la mente del personaggio in rapporto alla malattia, rendendoci partecipi così della loro paura e del loro timore. E infine l’autore, ci porta nella mente degli stessi contagiati, sottoposti a continui esami ogni giorno e poi segregati in quarantena; questi sono i momenti in cui si descrive la rassegnazione, il mettersi l’anima in pace, il non avere più contatti con le persone e il non riuscire più neanche a lamentarsi della propria situazione. Tutto quello che resta per questi uomini è il silenzio.

Un mondo malato. “Contagiati” di Andrea Mauri

Le storie non sono state disposte a caso, ma seguono un tempo ben preciso descrivendoci le varie fasi dell’essere contagiati.

Tra i racconti che maggiormente mi hanno colpito ne figurano principalmente due.

Ventuno giorni, in cui viene descritto il periodo di quarantena. Ventuno sono i giorni che la protagonista, la signora Montanari, deve trascorrere nella propria casa senza poter avere contatto con nessuno. Un medico, Saverio Bartoli, è incaricato di controllare che la donna rispetti il protocollo e le farà visita due volte al giorno per tutto il periodo di isolamento. Il racconto è narrato dal punto di vista della donna e con il passare dei giorni vediamo che il rapporto tra il dottore e la paziente diventa sempre più intimo, si spiano, si guardano negli occhi e cercano di spogliarsi dalle maschere che entrambi portano, ma il loro ruolo nel mondo non può essere sconvolto. L’amore non è contemplato.

«Sparì in fretta e inghiottì nel buio Saverio. Ormai non c’era più. La campagna circostante aveva perso ogni riferimento. Si erano perduti alberi, cespugli, giardini, steccati, pullmini. Niente. Il deserto. Il silenzio di una città morta. Faceva freddo sull’ultimo gradino, ma non avevo intenzione di rintanarmi in casa: là dentro mi aspettava la quarantena, ancora più incattivita. Alla fine sono crollata, come addormentata sulla terra nuda.»

Un mondo malato. “Contagiati” di Andrea Mauri

Fossa comune invece parla del rapporto del protagonista nei confronti degli uomini contagiati dalla malattia e ormai morti. Suo compito è quello di scavare appunto delle fosse dove poi saranno seppelliti.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Questa vicenda riesce a catturare il lettore poiché semplice e lineare, tratta principalmente la sfera emotiva e psicologica dell’uomo-protagonista. Èdescritta la paura di poter essere contagiato a dispetto della tuta bianca che indossa, la quale dovrebbe fungere da protezione, e la solitudine che prova; infatti le parole non vengono più usate perché passa tutto il suo tempo con i morti e quindi senza parlare e stando lontano dalla sua famiglia.

«Il cervello è in corto circuito. Mi viene da pensare se la solitudine sia poi così differente dalla morte. Nessuno ti parla. Per gli altri non esisti. Da vivo sei pure d’intralcio. Una persona scomoda. Un untore. Il capro espiatorio perfetto per ripulirsi la coscienza. Un uomo solo è peggio di un morto.»

La cosa però che più colpisce di Contagiati, oltre al tema fortemente originale, è la scrittura. Frasi brevi e a effetto, che vanno dritto al punto lasciando il lettore stupito.


Per la prima foto, copyright: Bret Kavanaugh su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.