Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Un mistero tutto da svelare. “La vita segreta degli scrittori” di Guillaume Musso

Un mistero tutto da svelare. “La vita segreta degli scrittori” di Guillaume MussoÈ un romanzo che si fa ricordare l’ultimo di Guillaume Musso dal titolo La vita segreta degli scrittori (La nave di Teseo, traduzione di Sergio Arecco) per il semplice motivo che è un concentrato di emozioni, suspense e colpi di scena a profusione, che lo scrittore ha magistralmente disseminato nelle 275 pagine del libro.

Il protagonista della narrazione è Nathan Fawles che fa, o meglio faceva, lo scrittore. E pure di successo grazie ai suoi tre romanzi divenuti di “culto” prima che, nel 1999, decidesse di dare un taglio alla sua carriera, fino ad allora contraddistinta da fama e gloria.

Sta di fatto che dopo aver letto questo libro, dai contorni di thriller-noir, probabilmente il lettore vedrà sotto un occhio diverso la professione di scrittore, magari quella stessa di Musso come rappresentante di questa categoria professionale. La vicenda si svolge nell’autunno del 2018 nell’isola di Beaumont, luogo immaginario e, al contempo, immaginifico e misterioso al largo delle coste mediterranee francesi, dove si è ritirato Fawles, lontano da tutti e da tutto, nella mega villa-eremo chiamata Croix du Sud, senza né tv n*é wifi, in compagnia del golden retriever Bronco. Da questo “posto che non c’è” si dipana tutta la trama, costellata da tanti segreti che sembrano essere racchiusi in una serie di matriosche. Alla vita dello scrittore e al motivo per cui abbia lasciato le scene letterarie all’acme della carriera a soli 35 anni (vincendo anche il premio Pulitzer nel 1995 con Una piccola città americana) si interessano Raphael Battaile, un giovane aspirante scrittore, e Mathilde Monney, una giornalista svizzera dal passato misterioso. Il primo arriva sull’isola, accettando il lavoro part time nell’unica libreria del posto, la Rose Ecarlate, gestita dal proprietario Gregoire Audibert e in procinto di chiuderla, allo scopo di far leggere il proprio manoscritto, La timidezza delle cime, al suo idolo letterario, la seconda per far luce su accadimenti di qualche decennio prima che afferiscono alla vita di Fawles.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

Un mistero tutto da svelare. “La vita segreta degli scrittori” di Guillaume Musso

In questo contesto si consuma anche un delitto efferato perché il cadavere di una donna uccisa viene rivenuto sull’isola, ma quello che più colpisce è la macabra modalità con cui il corpo della vittima viene ritrovato dalla polizia locale. Il mistero si infittisce, la tranquilla isola cade sotto i riflettori di stampa e tv e da qui il romanzo si trasforma in una vera e propria miniera di storie intrecciate, tutte connesse tra loro, dove vari personaggi, legati a Fawles e Monney, entrano di prepotenza con vari flashback che ci riportano a venti anni prima.

La trama risulta avvincente grazie alle brillanti trovate di Musso che lasciano spiazzato il lettore, che non può non cadere ammaliato dal suo stile e dalle riflessioni sul senso dello scrivere e della letteratura in generale. Del finale chiaramente non parleremo e né ci addentreremo nei particolari della storia, in quanto rischieremmo di fare opera di spoiler, ma è imprescindibile menzionare l’abile gioco di specchi creato da Musso, in cui si muovono i personaggi del romanzo, per tenere incollati alle pagine il lettore, che deve essere attento per non farsi spiazzare dall’abile scrittore francese.

Un mistero tutto da svelare. “La vita segreta degli scrittori” di Guillaume Musso

Tutti i personaggi di Musso sembrano far parte di una tragedia greca, dove è palpabile il pathos da loro vissuto. Quello che più colpisce è come Musso abbia saputo trovare la quadratura del cerchio, facendo leva su tutta una serie di dettagli all’interno della storia. Svariati sono gli interrogativi che afferiscono alla vita dei personaggi, che, man mano, quando sembrano essere risolti, il buon Musso estrae l’asso dalla manica per mandare in tilt il lettore, lasciandolo in bilico tra verità e finzione.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Il romanzo è inoltre pieno di citazioni che l’autore illustra nei riferimenti bibliografici. Per quanto concerne la trama è impossibile non fare il parallelo con il riferimento a J.D. Salinger, l’autore americano de Il giovane Holden, o a Philip Roth, che hanno in comune con il protagonista il ritiro dalle scene in splendida solitudine dopo la scrittura di capolavori. Come messaggio finale del libro, crediamo che l’autore sia fortemente convinto del potere di redenzione della scrittura («Per sopravvivere bisogna raccontare storie», l’ipse dixit di Umberto Eco, come da citazione), al quale nemmeno Nathan Fawles sa sottrarsi per ritrovare se stesso e il senso della vita, una vera e propria ancora di salvezza a cui il protagonista fa riferimento nei bailamme degli accadimenti.


Per la prima foto, copyright: Debby Hudson su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.9 (34 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.