Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Un libro di rara forza. "La terra originale" di Eleonora Rimolo

Un libro di rara forza. "La terra originale" di Eleonora RimoloPuntata n. 91 della rubrica La bellezza nascosta

 

«Ci hanno detto di uscire il meno possibile,/solamente se urgente: polveri sottili,/smog, troppe sirene moleste. Mi difendo/così dai batteri, dalle spore, dai sorrisi/che non avrei incontrato. Trascorro i giorni/della malattia respirando la stessa aria/di sempre, osservo la sua caparbietà/la comparo alla mia penso a chi andrà via/per prima. Intanto la plastica fonde/cerca asilo nei polmoni dei superstiti,/con la pioggia non si piò deglutire, brucia/l’ipotesi della resistenza, acre carità.»

 

La terra può essere patria o prigione, la terra spesso somiglia a un corpo, un corpo che può diventare luogo oscuro o pozzanghera di luce. Nasciamo dove capita, veniamo al mondo dove non scegliamo, dove siamo costretti ad accettare il fiato delle case, il passo degli abitanti, le cicatrici e le emorragie delle strade; nasciamo e dobbiamo raccogliere tutta la forza e tutta la nostra storia per cercare di scappare, di rincorrere un posto che sia nostro per scelta e non per costrizione.

Ci sono delle bufere private che gelano e portano a un passo dall’ipotermia, mareggiate personali che non la smettono di affogarci lo stomaco e ci sono rabbie di bambino che si sommano alle rabbie adulte e diventano massa, diventano ostruzione e l’unica cosa che ci resta per chiedere aiuto è la parola, una voce ferma e calma, una voce che possa tagliare e ricucire, una voce come la voce dei poeti.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Poetessa è Eleonora Rimolo, nata a Salerno nel 1991, e voce ferma e calma è quella della sua raccolta di poesie La terra originale, edita da Lietocolle.

«A mani nude gli studiosi scavano le fondamenta/piegati sul fossato: dicono vi siano tracce/di una civiltà antichissima, credono a quanto c’è/dietro la superficie, pure se la pioggia impasta la pietra,/li sporca di melma, complica l’esercizio della ricostruzione./ È triste questo nostro bisogno di ordine,/lo strappare la radice e non trovare il seme:/è un franare senza poter bloccare la discesa,/precipitare a brandelli privi del termine caduta.»

Un libro di rara forza. "La terra originale" di Eleonora Rimolo

Poesie nude queste di Eleonora Rimoli, poesie che si trascinano dietro la terra, la polvere, l’aria cattiva dei fuochi accesi nelle campagne, dei fuochi sporchi, saturi di veleno.

La terra originale è un libro di rara forza, fa uso dei posti che ci vivono intorno e dentro, si aggrappa alle terre dove veniamo a vedere la luce e dove facciamo i primi incontri, dove nascono le prime incomprensioni verso gli altri e verso noi stessi. Ogni poesia è un cumulo di immagini, è una escavazione, Rimolo si concentra sul corpo della natura e sul corpo umano, sugli addii e sulla malattia organica e di vivere; ogni poesia possiede la stabilità della prosa e come la prosa è dotata di incipit accattivanti.

«Forse è per esercizio o per necessità/che ci procura un dispiacere,/e se almeno leccarlo servisse/a pulire la stanza, a inumidire/la scorza delle tue ossa, allora/lascerei le ginocchia sanguinare/lascerei ai rapaci tutta la carne.»

Un libro di rara forza. "La terra originale" di Eleonora Rimolo

LEGGI ANCHE – Tutte le puntate di La bellezza nascosta

 

La materia di cui sono fatte le cose, il sangue che ci scorre nel corpo o la corteccia di un albero, un mazzo di fiori, l’erba infestata e la terra chimica, Eleonora Rimolo mette le mani nel fango, s’immerge fino ai gomiti, forse fin quasi alle spalle e cerca di tirare fuori tutto quello che vive sotto la superfice; lo fa con maestria e con sicurezza, lo fa con un’abilità stilistica invidiabile e così facendo riesce a raccontarci la sua personale visione dell’origine, della terra natia, con urgenza; e questa urgenza, questa fretta di mostrarci i suoi luoghi, attraverso parole che diventano diapositive, somiglia a una cascata, a un fiume in piena che ci mette sotto e ci costringe, prima dell’immersione, a ingoiare grossi bocconi di aria per riuscire a non affogare.

«Sono rimasta dove mia hai posato/mai spostata oltre la linea di contorno/di là della cinta muraria che protegge/i segreti dei vicini. Litigano nel buio,/le loro colpe conquistano l’appartamento/con un movimento sottinteso, inutile:/nell’intervallo tra una risposta e l’altra/gli affetti sono in erosione, la lesione/si apre in un fiore ostinato a riprodursi./Spio il detto, il non detto; la vita/in granuli è spaventosa, la paura/di assumerla mi spinge a vomitarla,/spegne i circuiti minimi dell’esserci/dentro le pozze fredde delle tue guance.»

Un libro di rara forza. "La terra originale" di Eleonora Rimolo

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Le forme al buio spariscono, come spariscono i segni tratteggiati sul cemento per seguire il sentiero. Le forme al buio vanno assecondante con il tatto, con le mani che ne cercano i contorni; ci si orienta con il suono, cercando gli angoli familiari dove i passi fanno sempre lo stesso rimbombo. Ci si racconta raccontando altro, ci si cerca facendo finta di non cercarsi.


Per la prima foto, copyright: Sabine van Straaten su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.