In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Un’italiana in Corea del Sud, tra paure e pregiudizi

Un’italiana in Corea del Sud, tra paure e pregiudiziDi Anna Maria Mariani è uscito da pochi giorni, per le edizioni Exorma, collana Scritti Traversi, il piccolo saggio autobiografico Dalla Corea del Sud: tra neon e bandiere sciamaniche.

Si tratta di uno spaccato di vita vissuta raccontata da una giovane laureata che trova in un impiego come insegnante di lingua italiana presso un college nella campagna sudcoreana, una parentesi esperienziale della durata quattro anni, che si rivela in qualche modo straordinaria per la protagonista, una fonte di arricchimento professionale e di crescita personale davvero unica. Il testo si presenta in una forma che si avvicina al diario, che tale però, secondo l’autrice, non vuole essere. Infatti, la ricostruzione degli eventi si sviluppa a partire dalle mail inviate ad amici e conoscenti per dare notizie di sé, ma anche per mantenere un legame con il mondo familiare e sociale di provenienza. Sono il racconto delle giornate scandite dagli impegni lavorativi, l’incontro con i ragazzi suoi allievi, la sistemazione nella stanza del dormitorio, la relazione con i colleghi, quasi tutti, come lei, stranieri. Così, tra le righe emerge la storia delle difficoltà, delle scoperte, dei problemi che la protagonista deve quotidianamente affrontare nell’impatto con una civiltà così profondamente diversa da quella di provenienza.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

E attraverso le diverse vicende personali, l’autrice lascia filtrare un mondo che per una occidentale è pregiudizialmente e realmente alieno ma che, con il trascorrere del tempo, diventa sempre meno tale.Una realtà culturale nella quale la tradizione più atavica si mescola con lo scintillio del progresso tecnologico, per dare luogo a una contaminazione che è il vero paradosso di quelle terre.

L’impatto, che all’inizio dell’esperienza è disorientante, ha a che fare con il clima, freddo glaciale d’inverno e scandito dai monsoni nella stagione estiva, con le paure, che con il tempo e la consuetudine saranno superate, legate a presunte malattie endemiche o alla presenza di specie animali che, in realtà, lì non esistono, con il fatto di doversi adattare alle tradizioni culinarie locali.

Un’italiana in Corea del Sud, tra paure e pregiudizi

Ma il vero, primo e principale problema da affrontare è costituito dalla lingua. Così strutturalmente diversa, senza alcuna assonanza che possa anche lontanamente venire il soccorso per consentire una pur minima comprensione. Così, suppliscono la gestualità, le foto sul cellulare, lo sguardo, la mimica, tutto ciò che, in qualche modo, possa compensare la mancanza di un simbolismo linguistico comune. Si concretizza allora una essenzialità comunicativa che può diventare alienante, una vera fonte di disagio, tanto estraniante da condurre alla decisione, per alcuni, del ritorno a casa. Poi, nel tempo, si esercitano le poche espressioni linguistiche via via acquisite, fino ad arrivare a una abilità comunicativa che, peraltro, non sarà mai piena padronanza. Attraverso il racconto, si coglie il graduale approccio della protagonista e dei suoi colleghi, tra i quali anche un’altra italiana, alle usanze, alle tradizioni, alle festività e alla cultura locali. Fino alla scoperta di consuetudini impensabili, come la sorprendente statistica che vede la Corea del Sud al primo posto nel mondo quanto a numero di interventi di chirurgia plastica.

Un’italiana in Corea del Sud, tra paure e pregiudizi

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Il racconto, a metà tra il diario di viaggio e la narrazione del vissuto personale ed emozionale dell’autrice nella relazione con un mondo per certi versi inafferrabile, si presenta in uno stile semplice e fluido, con poche increspature. Gli episodi di vita quotidiana scorrono e trasmettono con immediatezza il contesto ambientale e culturale nel quale si svolgono gli eventi. E questo, nonostante qualche metafora azzardata e alcune licenze lessicali a volte non proprio pertinenti e utilizzate come a voler impreziosire un testo che non ne avrebbe affatto bisogno. Perché la ricchezza di questo “non diario” sta proprio nella schiettezza, nella possibilità di cogliere aspetti e contenuti di una cultura lontana e atavica, con l’approccio semplice e diretto di una giovane ricercatrice, con un dottorato in tasca e la necessità di andare altrove per poterlo spendere.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.