Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Interviste a scrittori

Curiosità grammaticali

Un giallo avvincente e appassionante. “Voci nella nebbia” di A. E. Pavani

Un giallo avvincente e appassionante. “Voci nella nebbia” di A. E. PavaniUn giallo nel quale realtà, ricordi d’infanzia e proiezioni oniriche si fondono e confondono.

Autrice di romanzi d’avventura sotto pseudonimo, A. E. Pavani (veneta di origine) esordisce per la Narrativa Italiana Mondadori con Voci nella nebbiaRomanzo giallo, pubblicato nel gennaio di quest’anno e inserito nella collana Omnibus.

Scenario da The Blair Witch Project, mistery/ horror psicologico (regia di E. Sanchez e D. Myrick) del 1999: cinque bambini dai sei ai dieci anni si lanciano all’avventura. Meta: un misterioso isolotto nel bel mezzo di un lago. I bambini si arrischiano a camminare in un bosco, ma presto si ritrovano in un’atmosfera cupa, ombrosa e ai loro occhi terrificante. I ragazzi urlano, corrono, scappano. Sono certi di aver visto qualcosa di orrendo: un cadavere!

Ombre scure. Spettri. Voci nella nebbia li rincorrono. Alla fine, dei cinque della spedizione iniziale, nel momento di risalire sulla barca, una ragazzina non torna. Tutto il ristretto paese e i suoi abitanti la considerano deceduta, sebbene il corpo della bambina non sia mai stato trovato dalla squadra dei ricercatori. Nessuna autorità e nessun paesano ha mai creduto alla deposizione dei quattro bambini rimasti. E per quasi vent’anni il tormento dei genitori di non poter celebrare il rito funebre con le spoglie della bambina e il mistero ivi connesso restano senza spiegazione.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Passano esattamente diciannove anni. Il luogo del triste accaduto tace. Nessuno vuol più ricordare cosa accadde quel giorno. Ma la detective della squadra omicidi di Londra Lisa Harding (una delle bambine presenti a quella gita funesta) è implicata in un caso, che le procura una lesione importante al cranio: trauma grave. È stata infatti aggredita brutalmente in un parcheggio della sua zona. Il difetto più inopportuno del post trauma è la dimenticanza di avvenimenti recenti. Una mancanza non da poco, per chi, come lei, si trova a lavorare sull’ennesimo caso di serial-killer. Ma, come spiegato scientificamente da una delle voci del libro, spesso in questi casi i ricordi più distanti riaffiorano nei sogni o incubi. Grazie al lavoro continuo dell’inconscio. Detto-fatto.

Sarà proprio un ricordo ossessivo – gli occhi fotografati – a riportare l’indomito detective sulla strada del proprio passato…

Un giallo avvincente e appassionante. “Voci nella nebbia” di A. E. Pavani

Ambientato per la maggior parte nello splendido paesaggio pittoresco del freddo e montagnoso del Trentino, Voci nella nebbia di A. E. Pavani mette in azione l’infermabile “agente” Lisa Harding. Forgiata sul modello della razionale Kay Scarpetta di Patricia Cornwell, la protagonista porta in sé tutti i segni del detective donna: coraggiosa, lucida sempre, osservatrice e testarda. Anzi incosciente. Ribelle nell’agire. Donna di impulso e intuizione. O meglio sensazione. Lei stessa si autoritrae come indipendente e solitaria, sebbene agli occhi degli altri sia più introversa e asociale.

Di contro, come per Adalgisa Caligaris di Uno strano caso per il commissario Calligaris di Alessandra Carnevali, si rispecchiano in lei i difetti dell’agire nel mondo del crimine: poco sensibile, romantica quasi mai, cinica e insicura sul piano sentimentale. «I miei ex – non che fossero molti, anzi – avrebbero detto che ero incapace di mantenere una relazione stabile nel tempo, che finivo sempre per respingere chiunque provasse ad avvicinarsi troppo, probabilmente avrebbero avuto ragione».

Una donna-poliziotto in tutto e per tutto! Di quelle tipiche affascinanti che ritroviamo nelle serie TV americane o italiane.

Ma indagare su vicende di un passato lontano comporta un viaggio anche nel proprio subconscio. L’aspetto irrazionale e quello razionale a confronto. Non sarà soltanto un mix di omicidi (presunti o veri), visioni fantasmagoriche e inseguimenti al cardiopalma. Bensì sarà anche una vasta e impressionante e sconcertante analessi narrativa. E un percorso a ritroso nella propria vita.  

E l’inconscio diventa un tormento o un’intuizione che può riportare a galla sensi di colpa e vittimismi. Il viaggio in Trentino della donna italo-britannica sarà anche un confronto con la Lisa bambina, quella adolescente e quella adulta.

Un giallo avvincente e appassionante. “Voci nella nebbia” di A. E. Pavani

Con una voce narrante in prima persona, A. E. Pavani propone un giallo molto avvincente e appassionante. I tocchi descrittivi del misterioso paesaggio locale non ledono mai il ritmo narrativo. Lo accompagnano e lo contornano. Pochi tocchi di cromatografia e pochi aggettivi. Nulla di ridondante o fastidioso.

Il ritmo del libro è tambureggiante e persistente. Di pause non ce ne sono. L’infaticabile Lisa Harding trascina con sé tutti i personaggi e tutto l’excursus storico del lago. Non c’è mai tempo per fermarsi a riflettere. Il romanzo scorre a pieno ritmo. Attrae in un vortice il lettore, senza dimenticare ovviamente il sale e pepe del giallo: piste false, indizi, indagini e dichiarazioni sibilline.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

C’è poca modernità. C’è poca rete. C’è poco web.

L’ambientazione trentina obbliga la scrittrice ad adeguarsi al proprio soggetto. Ne esce fuori, così, una trama da romanzo anni Ottanta o Novanta. Fatto di un messaggio chiaro e limpido. Senza troppe escursioni linguistiche verso l’alto o verso il basso del linguaggio odierno. Nonostante la compresenza con il trauma, Lisa Harding – A. E. Pavani non entra mai nei dettagli e nei meandri della psicanalisi. Non annoia mai il lettore e non lo invischia in sezioni scientifiche e pedanti.

È una delle qualità migliori di questo giallo che arricchisce la trama intricatissima con capitoletti in cui non mancano anche stregonerie e maledizioni da film horror. Giusto per non farci mancare nulla.


Per la prima foto, copyright: Jakub Kriz su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.