In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

“Un figlio” di Alejandro Palomas: fra Mary Poppins e il coraggio dell’infanzia

“Un figlio” di Alejandro Palomas: fra Mary Poppins e il coraggio dell’infanziaNel romanzo Un figlio di Alejandro Palomas (pubblicato da Neri Pozza e tradotto da Irene Abigail Piccinini, bravissima a mantenere intatta la freschezza dello stile di Palomas) c’è un bambino, Guille, che da grande vuol diventare qualcuno in particolare: Mary Poppins. Così dichiara alla maestra Sonia, durante una normale giornata scolastica. Nessuno in classe sa ancora troppo di lui, infatti Guille è nuovo a scuola e molto riservato, e per il momento è riuscito a fare amicizia solo con Nazia, la sua compagna di banco pakistana con cui passa i pomeriggi a far merenda, giocare e progettare un numero per la recita di Natale (duetteranno come Mary Poppins e lo spazzacamino Bert; Guille infatti possiede il grande piacere del travestimento).

Molte cose non vanno nella vita di Guille: la madre è una hostess che all’improvviso ha scelto di lavorare a Dubai, per garantire alla famiglia un buon reddito, e da molto tempo non si fa né vedere né sentire. Suo padre Micheal vive male questa separazione ed è cambiato, trasformandosi in un uomo riluttante, che cela qualcosa e rimane sveglio tutta la notte davanti a un computer spento. Di nascosto, si aggrappa a un quaderno segreto dove sarebbe riposta tutta la verità sulla madre di Guille. Anche la sua amica Nazia è in difficoltà: i genitori vorrebbero riportarla in Pakistan, per farla sposare, ma nessuno lo sa…

Questi primi elementi del romanzo di Alejandro Palomas potrebbero far pensare al grande mondo dei romanzi di formazione. Ma nel libro c’è di più e leggendo scopriamo presto che gli interlocutori privilegiati siamo noi adulti, oltre che, forse, i ragazzi (potrebbe essere un middle grade?).

«Guille trascinava suo padre, ma non come fa un bambino quando trascina un adulto perché è impaziente o entusiasta di fare qualcosa, o quando ha fretta di arrivare a casa. No, non era per quello. Guille trascinava suo padre come un piccolo rimorchiatore trascina una nave stanca e alla deriva verso il porto».

“Un figlio” di Alejandro Palomas: fra Mary Poppins e il coraggio dell’infanzia

Non è un caso allora che Guille sia così attratto da Mary Poppins, fino a volerne vestire i panni: è noto che l’eroina di Pamela Lyndon Travers è un mito dell’infanzia. Abile, misteriosa governante che si presenta laddove v’è bisogno, soprattutto se gli affetti familiari sono nel caos. E possiede una parola magica che ci aiuta quando siamo in difficoltà. Un’espressione misteriosa quanto nota: supercalifragilistichespiralidoso.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Come in ogni narrazione fiabesca (perché tale è l’andamento del romanzo di Palomas), ci sono dei mentori. In particolare, Marìa, psicologa scolastica, vera custode d’anime e di storie di bambini, messa in allerta dalla maestra Sonia.

«Credo che Guille, il Guille che vediamo, sia solo un pezzo di puzzle. E credo che sotto questa felicità... ci sia un mistero. Un pozzo da dove forse ci sta chiedendo di essere tirato fuori».

 

A questo punto parte una vera e propria ricerca della verità “su” Guille. Attraverso le sue parole, ma soprattutto i suoi disegni. Non è così semplice interpretarli, il bambino nasconde bene le tracce, eppure al tempo stesso, fornisce tutte le chiavi.

“Un figlio” di Alejandro Palomas: fra Mary Poppins e il coraggio dell’infanzia

Alejandro Palomas, fine traduttore spagnolo di letteratura inglese (Katherine Mansfield, Jack London, Gertrude Stein etc.), sceglie di consegnare la trama a un racconto quasi corale, diviso per capitoli, in cui ciascun capitolo vede parlare un personaggio. Pagina dopo pagina, queste voci ci portano sempre più vicino al cuore della storia.  Questo cuore, del resto, non è altro che quello di Guille e della sua capacità di immaginare alternative alla perdita e alla minaccia di un futuro poco desiderabile.

Un figlio di Alejandro Palomas parla della saggezza dei bambini, delle simbologie del dolore e del suo superamento. Della capacità dei fanciulli di proteggere gli adulti, anche da sé stessi. Dove la sua abilità? Nel condurre proprio noi grandi in quel luogo misterioso dove coraggio, bisogni, speranza e immaginazione si mischiano, in una danza leggera.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.