Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Un esempio di reality novel. “Talk!” di Linda Rosenkrantz

Un esempio di reality novel. “Talk!” di Linda RosenkrantzNata e cresciuta a New York, Linda Rosenkrantz è autrice di molti libri di narrativa e non fiction.

8tto Edizioni ripropone il suo Talk! (traduzione di Cristina Cigognini), dal 5 novembre in libreria.

Marsha: Ricordati che sono stata a letto con Zeke molto dopo che tu sei stata a letto con Michael Christy.

Emily: Sei pazza.

Marsha: No, invece.

Emily: Sono stata a letto con Michael circa tre settimane fa, quando mi sono ubriacata alla festa. Quindi saranno quattro settimane questo venerdì che sono stata con Michael.

Marsha: Cioè domani.

Emily: Esatto, quattro settimane domani.

Marsha: Be’, per me sono state due settimane ieri, quindi la metà del tempo. A proposito, la cosa che mi hai portato è un dolce o uno spuntino?

Emily: Entrambe le cose.

Marsha: Va bene con il latte?

 

La storia si svolge durante l’estate del 1965, quando Marsha, Emily e Vinnie – tre ragazzi alla soglia dei trent’anni – decidono di trascorrere le vacanze negli Hamptons.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

Un esempio di reality novel. “Talk!” di Linda Rosenkrantz

Linda Rosenkrantz è tra loro e, da quell’esperienza, nasce questa reality novel, predecessore letterario dei reality tv; l’autrice registra le conversazioni dei tre ragazzi, selezionandone poi alcune da inserire nel volume, e ci regala uno spaccato degli anni Sessanta; fotografie della gioventù di allora, di uomini e donne che pericolosamente si avvicinano all’età adulta ma che non sono pronti per affrontarne le conseguenze. Rosenkrantz riporta fedelmente il linguaggio, il modo di parlare e l’intimità di quelle conversazioni donando al lettore qualcosa di vero. In Talk! non c’è spazio per l’immaginazione.

Emily: [...] Quando ti masturbi, come lo fai?

Marsha: Conversazioni da tavola. Va bene, mi stendo a pancia in giù, devo avere addosso dei vestiti.

Emily: Davvero? Perché?

Marsha: Non lo so, non sopporto la mia carne nuda.

Emily: È così dolce. Devi avere addosso una camicia da notte o cosa?

Marsha: Qualsiasi cosa. Alla mal parata, uso il lenzuolo.

Emily: E cosa fai? Sfreghi la clitoride finché non hai un orgasmo? Quante volte puoi farlo in un giorno?

Marsha: Una.

Emily: Io posso farlo fino a dieci volte.

Marsha: Io non riesco a farlo più nemmeno una volta. Mi annoia, mi interrompo. Tranne ogni tanto quando sto leggendo qualcosa di sexy in un libro, devo correre a letto.

Emily: A me succede costantemente.

Marsha: Davvero? Devi avere qualche genere di ispirazione?

Emily: Tipo?

Marsha: Letteratura o cose così.

Emily: Mai. Non uso nemmeno le fantasie, non mi serve niente.

Marsha: Una volta guardavo la foto di Zeke. Come lo fai?

Emily: Lo faccio in qualunque modo.

Marsha: Sì, anche al gabinetto.

Emily: Mi masturbo al gabinetto, quando mi pulisco mi eccito e mi masturbo. Lo fanno tutti, più o meno. Una volta mi sono masturbata a casa dei genitori di Philippe. Ero a una cena a casa loro e a un tratto ero arrapata per nessun motivo, sono andata in bagno e me la sono menata un due tre. In piedi.

Marsha: Le ragazze non se la menano.

Emily: Io l’ho fatto.

 

Nel libro non c’è traccia di narrazione. Il contesto delle conversazioni viene spiegato attraverso i titoli dei vari capitoli: Emily visita la casa estiva di Marsha per la prima volta o ancora, Marsha e Vincent in spiaggia. Questo rende la lettura assolutamente scorrevole. I dialoghi, protagonisti indiscussi, rappresentano a pieno la personalità dei ragazzi. Irriverenti, insicuri, pieni di sogni e speranze.

Un esempio di reality novel. “Talk!” di Linda Rosenkrantz

Le conversazioni toccano qualsiasi argomento: dal sesso alla droga, dall’alcol alle lunghe sperimentazioni psichedeliche e i racconti sulle rispettive sedute di analisi.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Gli Hamptons fanno solo da cornice, in un susseguirsi di parole a volte deliranti, a volte calme, soprattutto reali. Talk! di Linda Rosenkrantz è un’opera semplice e fedele che, come specificato nella nota introduttiva della traduttrice, non ha nessuna pretesa sociologica; la pretesa è quella di raccontare, attraverso tre ragazzi qualsiasi in un’estate qualsiasi, le speranze, le crisi e le paure dei trentenni (trentenni qualsiasi) di quell’epoca.


Per la prima foto, copyright: Ben White su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 3 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.