Corso online di editing

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Corso online di scrittura creativa

Umberto Boccioni, a 100 anni dalla scomparsa nuove fonti e una mostra

Umberto Boccioni, a 100 anni dalla scomparsa nuove fonti e una mostraMilano accoglie con entusiasmo una mostra che approfondisce e racconta l’arte di Umberto Boccioni (1882 - 1916), giovane maestro del Futurismo italiano. Umberto Boccioni. Genio e memoria: questo il nome dell’esposizione ospitata a Palazzo Reale fino al 10 luglio 2016, che nasce da un lungo lavoro di ricerca dei curatori Francesca Rossi ed Agostino Rontò e dalla vincente collaborazione tra i musei civici di Milano (Museo del Novecento, Galleria d’Arte Moderna, Palazzo Reale, Pinacoteca di Brera e Castello Sforzesco). La mostra raccoglie ben 280 opere, tra disegni, dipinti, sculture e documenti autografi, che provengono da collezioni private e musei italiani e internazionali.

Il titolo della mostra nella sua essenzialità descrive perfettamente i due principi che hanno guidato i curatori nel proprio progetto di ricerca: la genialità dell’artista – racchiusa in primo luogo nel tratto distintivo della sua arte, il disegno – e la memoria, affidata a illustrazioni, ritagli di giornale e appunti giovanili, che sono stati rinvenuti per puro caso nel 2009 nella biblioteca civica di Verona e che arricchiscono in maniera importante il profilo dell’autore.

Umberto Boccioni, a 100 anni dalla scomparsa nuove fonti e una mostra

La mostra commemora l’anniversario della morte di Boccioni, ma tale ricorrenza non è un semplice pretesto per ripercorrere le fasi salienti della breve e intensa vita dell’artista. Al contrario, si vuole dare a questo progetto espositivo un nuovo taglio critico, diverso dai soliti percorsi monografici, volto a far emergere un’immagine nuova e più ampia dell’artista. Scopo dei curatori è, infatti, chiarire alcuni equivoci diffusi intorno alla figura di Boccioni e mostrare al pubblico le nuove testimonianze emerse sulla sua concezione dell’arte e sulle relazioni artistiche che animarono le fasi della sua formazione nel periodo pre-futurista.

 

LEGGI ANCHE – Domare l'uomo, partorire il genio: i diari di Paul Klee

 

I documenti scoperti a Verona vengono definiti dai due curatori della mostra l’Atlante della memoria di Boccioni. Si tratta di un album in cui l’artista sin dalle prime fasi della sua carriera ha confezionato un vero e proprio diario visivo: fatto di ritagli, illustrazioni, cartoline, biglietti di esposizioni e annotazioni che hanno permesso agli studiosi di confermare le vecchie fonti dei suoi modelli e di individuarne di nuove. Tra queste, oltre ai già noti Dürer, Balla, Segantini e Previati, ritroviamo alcuni pittori nordici, come l’impressionista svedese Anders Zorn, che influenzò Boccioni soprattutto nella sua fase divisionista, ma che fu definitivamente superato in seguito all’incontro con la pittura cubista.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Se l’Atlante costituisce il punto di inizio di questo viaggio nell’arte di Boccioni, il filo conduttore dell’intero percorso è rappresentato dal ruolo fondamentale del disegno. Esposti al pubblico vi sono, infatti, 60 disegni che ripercorrono l’intera carriera dell’artista, dalle fasi giovanili agli anni precedenti la scomparsa. Tali disegni, conservati nel Castello Sforzesco di Milano, sono stati esposti soltanto una volta in passato, nel 1979, e vengono finalmente riproposti e arricchiti dai nuovi dati provenienti dall’Atlante della memoria. Nella concezione artistica di Boccioni, il disegno è la linfa vitale di ogni creazione. Tutto passa attraverso il disegno, che rappresenta il nucleo propulsore e il linguaggio trasversale a tutte le sperimentazioni grafiche e scultoree dell’artista.

Umberto Boccioni, a 100 anni dalla scomparsa nuove fonti e una mostra

Altro obiettivo della mostra, inoltre, è sfatare un luogo comune legato alla figura di Boccioni. Il giovane artista partecipò con grande slancio al Futurismo ed è per questo che, come Marinetti, Balla, Severini e Sironi, egli viene in genere considerato avversario e distruttore dell’arte tradizionale. Questo, tuttavia, è un grande equivoco. Nella ricerca di un suo percorso artistico Boccioni ha, infatti, guardato molto all’arte del passato e l’Atlante, a conferma di ciò, rivela che a influenzare il suo stile grafico e scultoreo vi furono oltre ad Albrecht Dürer, altri autori rinascimentali, quali Michelangelo e Raffaello.

 

LEGGI ANCHE – Henri Matisse e il suo odio per Raffaello. Un’intervista possibile

 

Emerge, quindi, con chiarezza che col Manifesto dei pittori futuristi del 1910 Boccioni e gli altri non combatterono tanto la tradizione in sé, quanto piuttosto quell’arte accademica, pedante e votata alla riproposizione di modelli antichi e stantii, che, per i futuristi, non era più in grado di rappresentare un reale modello per un Paese come l’Italia proiettato verso le novità del progresso. Ecco, non a caso, quanto Boccioni scrive in un suo diario dell’epoca: «Sento che voglio dipingere il nuovo, il frutto del nostro tempo industriale». Ed è proprio questo il tempo – fatto di città che crescono e si espandono sempre più in altezza (La città che sale, 1910-1911) e di una vorticosa dinamicità, che rende il movimento protagonista in tutto, persino nelle immote sculture (Forme uniche della continuità dello spazio, 1913) – che ritroviamo impresso nei disegni e nei dipinti esposti nelle diverse sezioni della mostra.

Umberto Boccioni, a 100 anni dalla scomparsa nuove fonti e una mostra

Sono dunque numerose le ragioni che rendono questa esposizione un evento imperdibile per gli amanti dell’arte e non solo. 

Passeggiando per Milano, dunque, non perdete quest'evento. Segnate in agenda il prezioso appuntamento con l’arte di Umberto Boccioni.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.