Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Ue, sessant’anni e sentirli tutti

Ue, sessant’anni e sentirli tuttiQual è l’Ue che vogliamo, se la vogliamo? E cosa significa oggi Europa, in un mondo che si avvia a erigere sempre più muri, barriere, ostacoli contro la libera circolazione delle persone? A Roma si sono festeggiati i sessant’anni di un’idea di Europa che non esiste più, smentita nella pratica dai nuovi Stati aderenti e da un vecchio modo di intendere il continente: un campo di battaglia per interessi particolari.

In fondo l’Ue nasce per non ripetere più gli errori del passato, quando i particolarismi hanno affossato la democrazia. L’Ue nasce come mercato comune, come interesse comune, ma con un orientamento egemonizzato da alcuni Paesi non sempre all’altezza del compito, come l’Italia e la Germania. In questo scenario, la rinascita dei populismi, esito politico di un impoverimento culturale di cui sono responsabili proprio i governi europei più forti, è la tendenza più vigorosa in atto. Una tendenza che vuole abbattere i sentimenti unitari e ridare fiato alla rugosa politica dei nazionalismi, che tanto male ha fatto all’Europa del primo Novecento. Tuttavia la via d’uscita non ci sembra quella tracciata dal nuovo trattato siglato sabato scorso a Roma.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Non è con la retorica unitaria che si pratica l’antipopulismo, ma con la ricerca di una ricetta complessa, adatta alla complessità democratica europea. Per esempio innalzando il numero delle giovani persone da accogliere in Europa, perché siamo un continente vecchio e costoso. Servono giovani, il mondo ce ne offre, perché cacciarli? Serve sangue fresco, ambizioso, da inglobare nelle nostre democrazie. Sessant’ani fa non ne avevamo bisogno, perché usciti dalla guerra ci siamo messi a fare figli, a fare economia e società.

Ue, sessant’anni e sentirli tutti

LEGGI ANCHE – A un anno dal Bataclan, l’Ue perde pezzi

 

Adesso che abbiamo smesso, dobbiamo importare e fare nostri i desideri altrui, addomesticandoli con la democrazia, con la pratica dei valori e della laicità. Questo è un argomento valido per erodere alle fondamenta qualunque credo nazionalistico che a lungo andare porterebbe l’Ue ad autodistruggersi.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

La scelta di ringiovanire l’Europa è il primo passo per tenerla in vita e per darle un futuro. Ed è una scelta etica, che segnala anche una differenza rispetto al passato, all’esclusione operata dalle democrazie europee e che ha portato ai recenti fenomeni di radicalizzazione fondamentalista. Dunque, un’Europa accogliente è la risposta. Un’Europa coerente con il suo mandato: essere un seme di pace, di civismo, di apertura e di libertà. Per arrivare ai settant’anni dimostrandone diciotto è necessario fare il lifting dell’apertura dei confini e della concessione dei diritti e delle cittadinanze. Questa l’Ue che ce la può fare.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.