Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Corso online di editing

Corso online di scrittura creativa

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Twitter e la promozione della lettura – @CasaLettori e Maria Anna Patti

Twitter e la promozione della lettura – @CasaLettori e Maria Anna PattiUsare i social per fare promozione della lettura? L’obiettivo non è certo nuovo, soprattutto se si guarda a Twitter. Ma è innegabile che in poco tempo @CasaLettori, l’account gestito da Maria Anna Patti, è riuscito a raggiungere un elevato gradimento tra gli utenti del famoso social cinguettante, sfidando anche la crisi che sembra imperversare in casa Twitter.

Tra citazioni, interviste a scrittori, media partnership e hashtag ad hoc, @CasaLettori ha stabilito nel tempo un sistema di interazioni con un pubblico sempre più numeroso.

Di questo abbiamo parlato proprio con Maria Anna Patti.

 

Letteratura e Twitter è un binomio che perdura ormai da anni con diverse iniziative ed esiti altrettanto diversi. Proviamo a tirare un po’ le somme: come giudica il contributo di Twitter alla promozione della lettura?

La promozione della parola scritta su Twitter ha il vantaggio di essere una tecnica veloce ed immediata. Ormai da due anni sperimento a @CasaLettori le emozioni generate dalla letteratura condivisa.

 

Gli editori e Twitter, un rapporto che spesso si traduce solo nella promozione dei libri in scuderia. Cosa si sente di suggerire agli editori per stabilire un rapporto alternativo con i propri lettori/follower?

Il lettore deve mantenere autonomia di scelta senza lasciarsi influenzare da campagne promozionali. Moltissimi editori credono nel dialogo con il lettore e sono certa che questa è la strada per fare un cammino di conoscenza dei nostri gusti e delle nostre aspettative. Mi piacerebbe che si pubblicasse meno, meglio e accompagnando il libro con un'assunzione di responsabilità che vada oltre la prima settimana. Il libro deve ritornare a essere materia viva.

Twitter e la promozione della lettura – @CasaLettori e Maria Anna Patti

Le operazioni di CasaLettori consistono principalmente in citazioni legate a specifici hashtag e accompagnate da foto. In che misura questo può sostenere la promozione della lettura e, perché no, la vendita di un libro?

Troppo riduttivo e sterile in 140 caratteri fotografare la copertina o scrivere un succinto commento. Leggere per me significa entrare in relazione con il testo e con gli altri. I miei # sono simboli-pretesti utili per unire intorno a un argomento. La citazione non vuole essere ostentata conoscenza. Il lettore diventa protagonista scegliendo la frase che rappresenta il suo stato d'animo. Attraverso la foto si crea una interazione tra parola scritta e altre suggestioni artistiche. Nello scambio ognuno trova suggerimenti e proposte.

Ho ideato le letture interattive di testi di narrativa contemporanea che oltre alla citazione prevedono la caratterizzazione dei personaggi e il commento della forma letteraria. Ho proposto con grande successo la rilettura dei classici. Ultimamente abbiamo dedicato una giornata a Cioran, London e Camus. Metto in comparazione diversi testi per stimolare chi mi segue ad avvicinarsi all'autore con scioltezza.

 

LEGGI ANCHE – Cosa possono fare i social per la letteratura? Intervista a Giulia Ciarapica

 

Quest'anno sono stata media partner di Bookcity e del Festival delle letterature migranti permettendo a chi non può viaggiare di partecipare virtualmente. Collaboro con gioia agli eventi culturali proposti da altri account. Voglio ricordare le belle dirette di Circolo Lettori, Scuola Holden e Dieci04. I blogger e i giornalisti hanno la possibilità di far conoscere i loro pezzi. Due anni fa ho proposto la lettura dei giornali culturali ed è ormai un'abitudine scegliere gli articoli da «24Domenica», «La Lettura» e «TuttoLibri».

Tante altre sono le iniziative che vedono protagonisti ogni giorno i lettori. La pagina si arricchisce grazie al contributo culturale e creativo di tutti. Il mio obiettivo è quello di contribuire nel mio piccolo a creare una comunità consapevole che legge meglio non di più.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Un’altra attività di CasaLettori è rappresentata dalle interviste via Twitter agli scrittori. Non si rischia, in questo caso, di restare troppo sul superficiale dati anche i limiti di velocità e numero di caratteri propri del mezzo?

Le tweet interviste sono giochi divertenti, non hanno la pretesa di sostituirsi a scambi culturali reali. Permettono a tutti di fare una domanda e di interagire. Lo scrittore è molto più spontaneo, sa che sta vivendo un'esperienza diretta, familiare.

 

Di recente CasaLettori è arrivata sulla carta stampata con uno spazio su «Robinson», il nuovo inserto culturale di «La Repubblica». Questo passaggio sembra il riconoscimento del successo ottenuto sui social, ma non potrebbe un po’ snaturare gli orientamenti originari di CasaLettori?

Vedo la collaborazione con «Robinson» come ulteriore occasione che mantiene lo stile di @CasaLettori. In poche righe racconto provando a incuriosire quel testo che mi ha entusiasmata. Nel passato scrivevo sulla carta stampata, mi è sembrato corretto non parlarne perché su Twitter non sto per promuovere me stessa. Avrete notato che ogni venerdì lancio un # e il tweet più originale viene pubblicato su «Robinson». Io sono una voce, una delle tante voci di @CasaLettori e mi batterò perché a chi legge con amore sia data visibilità e spazio anche sui giornali che di cultura si occupano. Voglio tranquillizzare tutti, @CasaLettori resta uno spazio di libertà.

Twitter e la promozione della lettura – @CasaLettori e Maria Anna Patti

LEGGI ANCHE – Come promuovere i libri sui social. L’esperimento Instagram di Petunia Ollister

 

CasaLettori ha ottenuto molti apprezzamenti ma pure qualche critica. Quali sono i punti di forza e quali gli elementi ancora perfezionabili?

Quando le critiche sono costruttive sono ben felice di accoglierle. Non è stato facile, proprio perché non venivo dall'ambiente letterario, riuscire a superare gratuite cattiverie e attacchi. Mi diverto quando chi non ama la pagina prova a copiare male il mio stile. Sono una siciliana molto determinata e difficilmente mi lascio condizionare dalle difficoltà. Chi si aggiunge a @CasaLettori lo fa perché ha piacere di vivere un modo alternativo di leggere. Tanto ho imparato e imparo ogni giorno dai lettori. A loro sono grata, hanno creduto nel mio progetto e giornalmente suggeriscono letture condivise o temi da sviluppare. Il mio punto di forza è la passione e la libertà di poter proporre i libri che mi entusiasmano. Certamente @CasaLettori non vuole essere uno spazio statico. Mi metto in gioco cercando sempre il confronto con i numerosissimi amici che sono con me protagonisti. Tante saranno le novità nel 2017 che non anticipo per non sciupare le sorprese.

 

Esperimenti social come CasaLettori sono più adatti a coinvolgere ulteriormente lo zoccolo duro dei lettori o si può anche pensare alla capacità di avvicinare alla lettura chi legge poco o non legge proprio?

@CasaLettori non è popolata solo da lettori forti, non sono loro il mio target. Io punto a chi non è incuriosito dai libri, non sente quella gioia indicibile che solo la musicalità e la creatività di una pagina possono regalare. Moltissimi sono i giovani e già lo scorso anno è partito un progetto con un istituto tecnico. Portare in tendenza la poesia, la pittura e la scrittura è una grande gioia. La mia speranza? Che il libro sia volano per il cambiamento del nostro Paese.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (5 voti)

Commenti

Personalmente sono fiera di interagire con @CasaLettori - che sempre ringrazierò - col mio account su Twitter.
Io, @PaolaToogoodxme, adoro condividere gli hashtag con Maria Anna Patti dalla quale ho ricevuto i migliori consigli e la più grande collaborazione.
Chapeau @CasaLettori: se la crescita è costante - dato di fatto oggettivo - un motivo c'è... e, a mio avviso, anche più di uno!

Salve Paola, grazie per la tua testimonianza. Certo, la crescita costante di @CasaLettori è un dato indubbio.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.