14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

“Tutto questo tempo” di Alberto Bellini, un amore a ritroso

“Tutto questo tempo” di Alberto Bellini, un amore a ritrosoTutto questo tempo (Fernandel, 2016) è il secondo romanzo di Alberto Bellini, che si era fatto apprezzare all’esordio con l’interessante thriller Niente che sia al suo posto (Gallucci, 2013), in cui il protagonista, colpito da un’amnesia, si ritrovava costretto a cercare di ricostruire faticosamente i suoi ultimi sette anni di vita.

La vicenda di Tutto questo tempo ruota invece attorno a due soli personaggi, Irene e Daniele, che occupano quasi completamente la scena dalla prima all’ultima pagina. Sono due trentenni contemporanei come ne conosciamo tanti, a lungo sospesi tra lavori non troppo stabili e progetti da realizzare, abituati a muoversi con disinvoltura da un luogo all’altro del pianeta ma, in definitiva, ancora irrisolti e privi di certezze nei confronti del futuro.

Nelle prime pagine ci vengono presentati mentre sembrano trovarsi al principio della loro relazione sentimentale, nonostante incomba sul prossimo futuro l’incognita di una seria malattia da affrontare. Ciò che però colpisce fin da subito il lettore è la sensazione che tra i due esista anche qualcosa d’altro, e di più impegnativo, rispetto alla situazione presente: forse si tratta di un’ombra proveniente dal passato, riguardante un fatto accaduto molto tempo prima e che ha in qualche modo condizionato tutte le loro scelte successive.

Ed è proprio questo che ci racconta il romanzo, procedendo a ritroso nel tempo, per ricostruire a poco a poco, un capitolo dopo l’altro, tutta la lunga storia di Irene e Daniele, che in realtà si erano conosciuti adolescenti, quando erano compagni di scuola. In seguito, nell’arco di circa quindici anni, si sono avvicinati e allontanati più volte, grazie a una serie di incontri fortuiti avvenuti nei luoghi più disparati, da un cinema romano a un grattacielo di Chicago.

Se leggendo le prime pagine le dinamiche di questo rapporto potevano apparire abbastanza oscure, ogni episodio narrato aggiunge un tassello importante alla vicenda, fino a concludere l’opera di ricostruzione con il racconto del momento cruciale: quello che Irene e Daniele hanno sempre cercato, senza successo, di dimenticare, ma che fornisce tutte le risposte alle numerose domande che il lettore è portato a farsi al termine di ogni capitolo del romanzo.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

“Tutto questo tempo” di Alberto Bellini, un amore a ritrosoTipico appartenente a quel genere che gli anglosassoni definiscono come “a boy-meets-girl-comedy”, Tutto questo tempo ci ricorda anche certi film hollywoodiani, come il celebre Harry ti presento Sally, incentrati su storie d’amore fatte di alti e bassi che si protraggono nel tempo. Del resto, nella postfazione, Bellini rivela di aver scritto il romanzo adattando un suo testo precedente, che aveva scritto sotto forma di commedia. In effetti, la suddivisione degli episodi conserva ancora una struttura di tipo teatrale, così come possiamo benissimo immaginarci i due protagonisti a dialogare sulle tavole di un palcoscenico.

L’unica critica che si può muovere al romanzo è che, in definitiva, risulta davvero un po’ difficile accettare che nella vita di due persone possa trovare posto un così alto numero di coincidenze casuali e di incontri francamente improbabili.

Per il resto, possiamo dire che lo stile è accurato, che la vicenda scorre senza intoppi e che la struttura temporale a ritroso si rivela un ottimo espediente narrativo, perché incuriosisce il lettore e lo induce a voler arrivare più in fretta al finale. Il desiderio di scoprire quale sia stato il misterioso punto di svolta nella vita dei protagonisti, quello da cui sembra aver avuto inizio il tormentato tira-e-molla fra Irene e Daniele, crea in definitiva un effetto simile ai romanzi thriller, anche se Tutto questo tempo appartiene a un genere narrativo completamente diverso. 

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.3 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.