Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Tutti colpevoli, nessuno innocente. “La Camera Azzurra” di Simenon e Sinigaglia

Tutti colpevoli, nessuno innocente. “La Camera Azzurra” di Simenon e SinigagliaArticolo di Valeria Nobile

Il 17 ottobre è andata in scena al Teatro Carcano di Milano la prima nazionale de La Camera Azzurra, pièce teatrale tratta dall’omonimo romanzo di Georges Simenon del 1964, e qui rimarrà fino al 27 ottobre per poi partire per una tournée in giro per l’Italia che si protrarrà fino al prossimo 31 gennaio. L’adattamento teatrale è stato curato da Letizia Russo e ha un cast di tutto rispetto, che vede come protagonisti Fabio Troiano, Irene Ferri, Giulia Maulucci e Mattia Fabris. Le redini della regia, invece, sono affidate ad una magnificaSerena Sinigaglia che con questo allestimento non può che confermarsi figura dominante nel panorama teatrale italiano.

Nel 1925 il pittore surrealista Joan Mirò realizza un dipinto dal titolo Ceci est la couleur de mes rêves – in italiano Questo è il colore dei miei sogni – in cui una macchia di blu-azzurro intenso spicca su uno sfondo bianco, regalando all’osservatore un attimo di serenità e quiete. L’azzurro, lo capiamo già dal titolo, è il colore dominante anche di questo spettacolo ma, a differenza del quadro di Mirò, qui non c’è spazio per la quiete. Maria Spazzi ha sapientemente costruito una scena estremamente funzionale alla vicenda: l’ampio palcoscenico del Carcano viene solo parzialmente sfruttato nella costruzione di una stanza, la cui profondità è determinata da un piano inclinato e da una finestra. Uno spazio ristretto, dunque, arredato da pochi oggetti per dare ancora più risalto ai personaggi e a ciò che stanno raccontando. Ed è uno spazio in cui, naturalmente, ogni cosa è azzurra. Sono azzurri gli abiti dei personaggi, gli arredi, le pareti e persino le luci che illuminano e scandiscono lo svolgersi dell’azione scenica. Un azzurro ghiaccio, freddissimo e invadente che conferisce alla pièce un’atmosfera claustrofobica, apparentemente asettica e quasi spettrale.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

L’unico a non avere nulla di azzurro è il Giudice – interpretato magistralmente da Mattia Fabris –, un personaggio chiave e dai risvolti meta-teatrali, in quanto funge da burattinaio-regista nello svolgersi di questa vicenda. I protagonisti sono quattro e non abbandonano mai la scena, ma è l’interrogatorio del Giudice a mettere in moto l’azione; il ritmo è scandito da dialoghi serrati e da una buona dose di ripetitività e circolarità di scene e battute che, talvolta, rallenta lo svolgersi dell’azione, contribuendo notevolmente al senso di asfissia e claustrofobia di cui si è già accennato. È un’asfissia di cui sono vittime gli stessi personaggi, del resto.

Tutti colpevoli, nessuno innocente. “La Camera Azzurra” di Simenon e Sinigaglia

In una piccola cittadina di provincia, popolata da una comunità invadente ed estremamente giudicante, Andrée e Tony (Irene Ferri e Fabio Troiano) – entrambi sposati – vivono la loro appassionata storia d’amore clandestina nella Camera Azzurra dell’albergo del fratello di Tony. Non vediamo mai il marito di Andrée in scena, ma la moglie di Tony, Gisèle – interpretata da una splendida Giulia Maulucci –, è sempre lì, sullo sfondo, così come anche nella mente di Tony. Sono due semplici domande a innescare il vortice tragico che porta tutti quanti alla rovina e fare in conti con il Giudice: «Mi ami?», e poi, «Se mi ritrovassi libera ti libereresti anche tu?».

Nulla è lasciato al caso in quest’indagine che più che essere poliziesca è, essenzialmente, psicologica. Le relazioni amorose che legano i personaggi vengono sviscerate e scandagliate nel dettaglio. Non vi è via di scampo. Nell’azzurro di quella camera d’albergo ci viene mostrato ogni centimetro della personalità di questi esseri umani che sono vittime, in primis, della ristrettezza mentale delle comunità in cui vivono. I personaggi femminili sono, certamente, i più interessanti: l’abilità di Simenon nel delineare al meglio la psicologia del gentil sesso è rinomata e questo testo ne è un’ulteriore prova. Andrée e Gisèle sono personaggi complessi e bellissimi, quasi speculari nella loro diversità. Non si può dire lo stesso, purtroppo, dei personaggi maschili. Non sono carenti in quanto a profondità, ma sembrano incompleti e impreparati se messi a confronto con le loro controparti femminili. Soprattutto in materia amorosa.

Tutti colpevoli, nessuno innocente. “La Camera Azzurra” di Simenon e Sinigaglia

«Amarsi, Giudice, è un po’ come conoscersi», affermerà un illuso Tony, anche se in quell’universo nessuno sembra conoscere a fondo nessuno. Una tematica fondamentale per la storia della letteratura come quella dello scontro realtà/apparenza fa inevitabilmente capolino anche qui, in questa comunità ristretta in cui tutti si impicciano di tutto, ma nessuno fa il minimo sforzo per comprendere l’altro. Simenon ha costruito un intreccio potente ed estremamente complicato da tradurre in scena.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Non è mai semplice adattare un romanzo alla scena, soprattutto se si tratta di un giallo o un thriller psicologico come in questo caso. Gli elementi da tenere in considerazione sono molteplici e si corre il rischio di “tirarla per le lunghe” e andare a perdere quella suspense che, di fatto, tiene le fila del romanzo. Qual è il trucco, dunque? Cercare un focus, un’idea centrale all’interno del romanzo che può fungere da punto di partenza per raccontare la vicenda. Nel nostro caso, la scelta registica di Sinigaglia è evidente: è il concetto di colpa a fare da fil rouge (o forse azzurro, nel nostro caso) nello sviluppo di questa triste e complessa storia di provincia. Una colpa da cui nessuno sembra essere esente. Ne La Camera Azzurra tutti sono colpevoli e nessuno è innocente. Nemmeno noi spettatori che per un’ora e mezza rimaniamo con gli occhi incollati a quel palcoscenico, a volte trattenendo il respiro, a volte sorridendo, e ci troviamo, nostro malgrado, a fare le veci di quella comunità spietata che ha determinato le sorti di Andrée, Tony e Gisèle.

 

Da giovedì 17 ottobre a domenica 27 ottobre 2019

LA CAMERA AZZURRA

Di Georges Simenon

Adattamento teatrale Letizia Russo

Con Fabio Troiano, Irene Ferri, Giulia Maulucci, Mattia Fabris

Regia Serena Sinigaglia

Assistenti alla regia Sandra Zoccolan e Giulia Dietrich

Scenografia Maria Spazzi

Costumi Erika Carretta

Disegno luci Alessandro Verazzi

Scelte musicali Sandra Zoccolan

Foto Laila Pozzo

Produzione Nidodiragno / Coop CMCSara Novarese

Il romanzo La camera azzurra è pubblicato da Adelphi


Per le foto, copyright: Laila Pozzi.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.