In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Corso online di Editing

Corso online di Scrittura Creativa

“Tuff e la sua banda”, la Harlem stravagante di Paul Beatty

“Tuff e la sua banda”, la Harlem stravagante di Paul BeattyTuff e la sua banda (Fazi Editore, 2020 – traduzione di Stefania Bertola) è l’ultimo libro di Paul Beatty, brillante scrittore californiano che negli ultimi anni ha raccontato il variegato mondo afroamericano in una serie di romanzi di grande successo come Lo schiavista, vincitore nel 2016 del Man Booker Prize (il più prestigioso premio letterario in lingua inglese), Slumberland e Il blues del ragazzo bianco (tutti pubblicati in Italia da Fazi Editore).

Anche in questo caso siamo, come sempre nei romanzi di Beatty, nel cuore di una comunità nera e precisamente ad Harlem, lo storico quartiere di New York, dove Winston Foshay, per gli amici Tuff, è un ragazzone imponente che sfrutta la sua mole per fare il picchiatore, barcamenandosi nel mondo dello spaccio per mantenere la giovanissima moglie Yolanda e il loro bambino. Un giorno però gli capita di sfuggire per miracolo alla morte, dopo essersi trovato in mezzo a una furiosa sparatoria tra due bande rivali: lo spavento provato lo induce a fare un tentativo per cambiare la propria vita.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Decide quindi di aderire al programma Fratello Maggiore, che si propone di fornire un supporto psicologico e sociale ai ragazzi che vivono in situazioni svantaggiate e riceve la visita di Spencer, un nero che si è convertito all’ebraismo ed è diventato rabbino, che deve fargli da guida. Attorno a Tuff gravita una specie di corte dei miracoli di amici strampalati e dediti a ogni tipo di traffico illecito per campare, capeggiati da Fariq, un musulmano disabile, e poi ci sono la moglie Yolanda, il padre Clifford, con un passato nelle Pantere Nere, e Inez Nomura, un’anziana signora nippoamericana filocomunista che è per il protagonista una specie di vicemadre. Dopo lunghi scambi di idee con Spencer e con la sua corte, Tuff decide di presentarsi alle elezioni per diventare delegato comunale, sfruttando la sua conoscenza profonda del quartiere e la popolarità di cui sembra godere al suo interno. L’idea sembra in principio parecchio azzardata, eppure i consensi si riveleranno più numerosi del previsto.

“Tuff e la sua banda”, la Harlem stravagante di Paul Beatty

Con Tuff e la sua banda Paul Beatty si conferma ancora una volta come il narratore per eccellenza del mondo afroamericano del ventunesimo secolo, del quale ci racconta con uno stile trascinante tutti i vizi, le nevrosi e i cliché possibili, che sono a volte in qualche modo speculari a quelli degli americani bianchi e benpensanti.

Ci introduce anche in un quartiere di New York che in realtà non è più solo regno esclusivo dei neri come in passato, ma si è trasformato in un mosaico di agglomerati etnici differenti, che spesso entrano ovviamente in conflitto tra loro, ma che in definitiva sono costretti a una sia pur turbolenta convivenza e, se non proprio alla tolleranza, a forme di sopportazione reciproca.

“Tuff e la sua banda”, la Harlem stravagante di Paul Beatty

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Chi ha letto i romanzi precedenti di Beatty ritroverà anche qui uno stile trascinante, caratterizzato da un linguaggio che sicuramente avrà impegnato a fondo la traduttrice (peccato che molte frasi di slang, citazioni di canzoni ed altro non siano state tradotte ma lasciate in una lingua complessa e forse non del tutto accessibile ai lettori italiani), e una visione molto personale del mondo afroamericano. Beatty sembra osservare i suoi personaggi con indulgenza e ironia, raccontandoci anche i loro crimini con una certa dose di leggerezza che porta istintivamente il lettore a simpatizzare con tutti i variegati personaggi che animano le pagine di Tuff e la sua banda.


Per la prima foto, copyright: Julian Myles su Unsplash.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.