Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Transmedia storytelling: cosa è?

MatrixSe ne parla, in maniera più o meno esplicita, da molti anni, ma solo dalla metà degli Anni Zero si è giunti a una prima sistemazione teorica, almeno in ambito anglosassone. Transmedia storytelling, transmedia narrative, multiplatform storytelling, sono solo alcune delle espressioni per definire un modo diverso di raccontare e spingere alla fruizione di opere d’arte, e non.

Ma cosa vuol dire transmedialità? Henry Jenkins, che lo usa per primo nel suo Convergence culture, del 2006, parla di convergenza mediatica come di un flusso di contenuti, tra più piattaforme e sistemi, frutto della cooperazione di più settori dell’industria mediatica; concetto non estraneo, nel suo complesso di interazioni, a quelli di cultura partecipativa e intelligenza collettiva, sui quali, tradizionalmente, “poggia” il cosiddetto web 2.0.

 

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: EditorialiWeb ed Eventi.

Seguiteci su FacebookTwitterGoogle+Issuu e Pinterest]

 

Questo tipo di comunicazione ha dato vita a numerosi fenomeni: dai casi dei film The Blair Witch Project e Matrix, entrambi del 1999, che hanno ridefinito gli standard del film di culto, agli alternate reality game, come The Beast e Majestic. In campo “letterario”, Cathy’s Book, Clockwork watch, Fallen Nation, sono solo alcuni esempi di successo.

Il comune denominatore a tutti questi progetti è lo spostamento, anzi la moltiplicazione, dell’asse della narrazione; da una singola direttrice a un ventaglio di racconti diversi, di forme diverse. E, soprattutto, a una serie di canali, ciascuno sempre attivo e “produttivo”. Come si dice in una bella sintesi di Marco Minghetti, un «potenziamento delle occasioni di intrattenimento», realizzato attraverso un passaggio fondamentale: l’«abbandono dell’ancoraggio all’hic et nunc». Ma, in fondo, di qualcosa di simile parlava già Benjamin, nel 1936.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.3 (3 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.