Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Tra memoria e oblio, un weekend all’insegna della letteratura

Tra memoria e oblio, un weekend all’insegna della letteraturaSi avvicina l’estate e le belle giornate invitano a trascorrere del tempo fuori e lontano dal web e dai social network. Allora perché non trascorrere (per chi ne abbia la possibilità, ovviamente) del tempo unendo bellezza a bellezza?

Oggi vi proponiamo un fine settimana lungo in cui coniugare la passione per l’arte e i paesaggi all’amore per la letteratura, magari approfittando anche per una gita al mare portando con sé un buon libro.

Vi portiamo infatti a Cagliari, dove dall’8 all’11 giugno 2017 si svolgerà Leggendo Metropolitano, il Festival Internazionale di Letteratura giunto quest’anno alla sua nona edizione.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Il Festival si svolgerà in due dei luoghi più incantevoli della città sarda: i Giardini Pubblici e il Teatro Civico di Castello, dove si alterneranno 50 eventi che vedranno la partecipazione di 70 personalità del mondo scientifico e culturale, tutte invitate dal direttore artistico Saverio Gaeta per confrontarsi sulla facoltà alla base della conoscenza: la memoria:

Tra memoria e oblio, un weekend all’insegna della letteratura

«Uno strumento a volte fallace, inaffidabile, come lo sono i ricordi, reminiscenze ricreate nel tempo dal nostro cervello, fino a diventare stereotipi, forme collaudate di esperienza. Di quale e di quanta memoria c’è dunque bisogno? A osservarne gli abusi in campo privato e pubblico, online e offline, sembra lecito domandarsi se l’oblio non sia meglio del ricordo. A partire da queste riflessioni, Leggendo Metropolitano 2017 affronta, in un programma denso e interdisciplinare, le grandi questioni poste dalla ricerca storica e scientifica, dalla letteratura e dal giornalismo, dalla rivoluzione digitale, dalla pedagogia e dall’economia».

 

E di memoria si parlerà attraverso quattro percorsi tematici dedicati a Scienza e Tecnologia, Mafia, Letteratura, Storia e False memorie.

A svelarci i meccanismi alla base della memoria e della conoscenza così come lo strutturarsi e il modificarsi dei ricordi nella costruzione delle identità collettive e individuali ci penseranno i neuroscienziati Costanza Papagno e Alberto Oliverio, che si alterneranno con il premio Leibniz Hannah Monyer e l’astrofisico Andrea Possenti. Di nutrizione e di come questa incida sulla memoria parlerà invece Andrea Poli, direttore della Nutrition Foundation of Italy, mentre Derric de Kerckhove, l’erede di Marshall McLuhan, ci parlerà dei rischi connessi a una memoria condivisa in rete.

Tra memoria e oblio, un weekend all’insegna della letteratura

A discutere di Mafia invece ci saranno Pietro Grasso, ex Procuratore Nazionale Antimafia e attuale Presidente del Senato autore di Storie di sangue, amici e fantasmi. Ricordi di mafia (Feltrinelli), e Lirio Abbate, caporedattore del settore inchieste del settimanale «L’Espresso» e da poco in libreria con il suo La lista (Rizzoli), dedicato alla figura di Massimo Carminati, arrestato nell’ambito dell’inchiesta Mafia Capitale.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

A discutere di Memoria e Letteratura ci penseranno, tra gli altri, il Premio Strega Edoardo Albinati (tra poco in libreria con Un adulterio, edito da Rizzoli), Carmine Abate, Caterina Soffici che ha da poco pubblicato Nessuno può fermarmi (Feltrinelli), Gianni Biondillo ed Helena Janeczek.

Tra memoria e oblio, un weekend all’insegna della letteratura

Storia e False memorie sarà infine al centro di numerosi incontri che vedranno la partecipazione di Franco Lo Piparo con un intenso intervento su Antonio Gramsci, Maurizio Bettini attraverso un viaggio tra memoria e oblio nella cultura greca e romana, il filosofo Maurizio Ferraris su archivi e telefonini nella odierna società della registrazione, lo studioso di storytelling Christian Salmon, l'antropologo Adriano Favole, Marco Belpoliti con la lectio su Primo Levi a trent’anni dalla scomparsa, la scrittrice ed ebraista Elena Loewenthal in una riflessione controcorrente sulla Giornata della Memoria.

Insomma, non resta altro che attendere l’inizio di Leggendo Metropolitano per un giro tra cultura, arte, paesaggio e mare in un weekend estivo d’inizio giugno.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.3 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.