Come leggere un libro

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Tra fuoco e acqua. “Hamburg. La sabbia del tempo scomparso” di Marco Lupo

Tra fuoco e acqua. “Hamburg. La sabbia del tempo scomparso” di Marco LupoGrazie ad Hamburg, pubblicato da Il Saggiatore nella collana “La Cultura”, Marco Lupo esordisce sulla scena del romanzo con un’operazione ambiziosa: tornare, in maniera innovativa e lontana da ogni abusato cliché tradizionale, a trattare delle atrocità commesse durante gli anni del secondo conflitto mondiale e dei loro effetti sulla psiche, i comportamenti e la memoria delle persone.

L’architettura dell’opera è, infatti, singolare e rivela, per come è governata, una mano sicura o quantomeno decisa a non ricadere nella banalità: al posto di procedere rispettando la cronologia degli eventi o servendosi del flashback come primo motore narrativo (come in gran parte della memorialistica, reale o di finzione), l’autore progetta una cornice, ambientata nella contemporaneità, in cui si muovono alcuni personaggi i quali, con il loro bagaglio di storie, tentano di radunare gli scritti frammentari di M. D., testimone del periodo della guerra e dei successivi –altrettanto terribili – anni della ricostruzione, decidono di leggerne «pezzi scelti in una sera di fine inverno» e di aprire gli argini per far divampare quello che ormai, anche nelle parole del narratore, è diventato un ossimorico «memoriale della demenza». Al lettore decidere se con “demenza” ci si riferisce all’oblio dei contemporanei o alla follia dei totalitarismi. O a entrambe.

Costellatidi elementi che spesso si saldano in immagini evocative – un esempio: «I fuochi esplodono nel buio come luci colpite a morte. Salgono dalle colline e scendono sul letto del fiume argentato»; oppure quei «bidoni fumanti in cui uomini dalla pelle tremante fanno abluzioni a petto nudo» e «I bagliori di un fuoco che resiste alla neve, al centro di un cerchio di uomini che indossano coperte» che tanto ci ricordano la situazione, anche attuale, di molte persone che vivono precariamente, in fuga da paesi funestati dalle guerre e dall’odio: dalla demenza della bestia umana – il primo capitolo e l’ultimo, eloquentemente intitolati Il fuoco e L’acqua, racchiudono, in concreto, le opere di M. D. o quello che ne resta: solo un libro, Hamburg, è intero; di altri (Uomini cavi, Treno di notte, Bahadir) restano solo i lacerti delle prime pagine; Il memoriale della demenza, non pubblicato, è «scritto a mano» e le sue pagine «sono state trovate in una busta di carta».

Tra fuoco e acqua. “Hamburg. La sabbia del tempo scomparso” di Marco Lupo

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

L’ambiziosa operazione letteraria di Marco Lupo, tornando in maniera innovativa e lontana da ogni abusato montaggio tradizionale sulle tracce della nostra memoria storica (e del nostro oblio), oltre a un impianto narrativo originale, mostra, anche a livello di microstruttura, all’interno dei capitoli, dei paragrafi, delle frasi, la consapevolezza di una scelta che, pur richiamandosi direttamente a canoni tradizionali della letteratura (il diario, il resoconto, il memoriale) e del cinema (basti pensare al capitolo Il fuoco: inizia con un campo lungo – «[i fuochi] Crepitano sulle colline e intorno ai centri abitati» - e man mano si restringe prima su molti «uomini», poi su uno in particolare, fino a seguire, con un dettaglio «Le scarpe dell’uomo sulla ghiaia e nel fango del sentiero»), conduce a esiti stranianti.

Tra fuoco e acqua. “Hamburg. La sabbia del tempo scomparso” di Marco Lupo

Sul piano sintattico, per esempio, soprattutto nei punti strategici del testo (incipit, explicit, attacco di un capitolo) l’autore crea un clima di indeterminatezza e di transizione, di trasfigurazione: non precisa i soggetti, li sfoca, li avvolge nella nebbia, nasconde per pagine e pagine i nomi e i tratti dei personaggi; delle volte non si capisce di chi stia parlando in quel momento, se di un uomo o dell’altro uomo; in alcuni punti l’umano trascorre nel fenomeno naturale (si veda questo passo in cui narratore e pioggia paiono fondersi panicamente: «La pioggia crede nel buio e nel vento, pensa il libraio. Protegge se stessa dai processi naturali, dal sole che la evapora e dalla terra che la assorbe. Di notte ascolta e sfiora il ricordo delle piogge a cui ha assistito, vortici potenti di acqua e sabbia […]. Quindi svanisce con le ultime gocce e lascia profumi e odori di sotterranei. Prima che accada, si nasconde dietro la finestra in soggiorno e ringrazia il soffitto per la protezione concessa»).

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Queste scelte non sono peregrine o dettate da imperizia: anzi risultano consapevoli e vivificate appena ci troviamo di fronte a un esergo («Lei è mai vissuto in un’epoca che non fosse di transizione?») grazie al quale, dalle pagine di questo ambizioso e composito romanzo, comprendiamo il valore, nonostante la memoria delle atrocità patite corra, ogni giorno di più, il rischio di sperdersi ineluttabilmente nel deserto del «tempo scomparso» e mai più ritrovato, di una tensione alla conservazione, al salvataggio anche del più insignificante granello di sabbia, del più marginale brandello di carta: la testimonianza in sé, pur infinitesima, mantiene la sua importanza, insita nel gesto del passaggio, della transizione, della condivisione con l’altro.


Per la prima foto, copyright: Laura Fuhrman.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.