Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

“Tra cuccioli ci si intende” di Annamaria Manzoni

Annamaria Manzoni, Tra cuccioli ci si intendeIl saggio di Annamaria Manzoni, Tra cuccioli ci si intende, edizioni Graphe.it, si fonda sull’analisi della relazione, abbastanza nota a tutti, fosse anche solo a livello intuitivo, tra l'educazione dei bambini e dei ragazzi e il rapporto con gli animali. Si sente spesso parlare della pet therapy, ad esempio, ossia una co-terapia da affiancare a quella medica tradizionale, che porta benefici dalla relazione del paziente con gli animali. Si tratta di un'idea che stimola immediata simpatia, al di là del valore strettamente medico o della reale e comprovata efficacia sul paziente; a livello intuitivo, possiamo concordare sul fatto che un benessere a livello mentale è di grande aiuto per la guarigione. Ad ogni modo, in Italia, tranne in alcuni casi, si tratta di una modalità non ancora chiaramente codificata.

Questa idea viene amplificata nel momento in cui passiamo dall'adulto al bambino, per quella innata simpatia presente tra i cuccioli su cui il titolo del saggio, Tra cuccioli ci si intende, fa immediata leva: la comunicazione tra i piccoli, seppure di specie diverse, è immediata, fatta non tanto di un codice di comunicazione ma di un sentimento innato. «I bambini sono gli antispecisti per eccellenza. Per loro non esistono barriere nel rapporto che instaurano con un animale, anzi si può parlare di una vera e propria affinità innata»: così recita, in modo chiaro, la quarta di copertina del libricino, che affronta in un saggio dalla scrittura chiara e distesa la naturale relazione tra bambini e animali, analizzandone sia gli aspetti per così dire terapeutici sia in particolare l'importanza di un'educazione precoce al rispetto per l'animale, che diventa in seguito rispetto tout court.

I bambini dimostrano sin da subito una simpatia per gli animali, che si manifesta ad esempio nella richiesta di un cucciolo da avere in casa; a volte questo bisogno viene surrogato nell'amore per i pupazzi o le rappresentazioni di plastica, oppure nell'ammirazione nei confronti dei cartoni animati che, non per caso, sono «abitati da topi, papere, cani, maialini: tutti antropomorfizzati, capaci di parola e di pensiero umano».

 [I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Annamaria ManzoniSenza seguire tutti i passaggi dell'argomentazione di Manzoni, per cui si rimanda alla lettura diretta del testo, è interessante l'approdo finale delle considerazioni, che lega la precoce relazione di rispetto nel confronto dell'animale a una relazione più sana e positiva nei confronti dell'altro. Cogliere questa relazione è estremamente importante, per genitori, insegnanti ed educatori, perché permette di leggere innanzitutto la violenza e la cattiveria nei confronti degli animali come un segno di disagio da parte del bambino e del ragazzo; inoltre correla l'istigazione alla violenza contro gli animali a un più ampio senso di mancanza delle regole e incapacità di relazione positiva con l'altro.

Non è vero, secondo Manzoni, che la crudeltà verso gli animali è innata nel bambino; essa è piuttosto un segno preoccupante, che deve essere approfondito nelle sedi adeguate. Spiega in modo chiaro l'autrice: «è possibile assistere alla successiva formazione, in età adulta, del Disturbo Antisociale di personalità, caratterizzato dalla violazione dei diritti degli altri e dalla significativa compromissione del funzionamento sociale, scolastico, lavorativo, dall’incapacità a fare proprie le norme sociali di comportamento, a rispettare gli altri nei loro diritti e nei loro sentimenti, all’attitudine a reazioni aggressive, nell’ indifferenza per il sentire altrui». Banalizzare, quindi, oppure sorvolare, non è affatto la strategia adeguata; serve invece maggiore consapevolezza, come mette in evidenza Tra cuccioli ci si intende, e volontà di leggere i segnali prima che si possa andare incontro all'irreparabile.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.