Tre tipi di lettori secondo Hermann Hesse

I paesi in cui si legge di più

Bob Dylan è un poeta? La risposta di Kurt Vonnegut

5 cose sul nuovo romanzo di Stephen King

Torna nelle sale “La morte corre sul fiume” di Charles Laughton

Torna nelle sale “La morte corre sul fiume” di Charles LaughtonLa morte corre sul fiume verrà riproposto al cinema dal prossimo 7 novembre, nella versione restaurata dalla Cineteca di Bologna. Il titolo è stato inserito nel ricco calendario de «Il cinema ritrovato», che nei mesi scorsi ha presentato capolavori come I cancelli del cielo di Michael Cimino o Freaks di Tod Browning.

Vale la pena di recuperare questo piccolo gioiellino cinematografico di Charles Laughton, tratto da The night of the hunter di Davis Grubb, pubblicato in Italia da Adelphi, con il titolo La morte corre sul fiume, appunto. Il personaggio di Harry Powell è «lo psicopatico più seducente e abominevole che si ricordi»: l'uomo ha quattro lettere tatuate sulle dita della mano sinistra (“hate”) e quattro su quelle della destra (“love”). Il suo volto sullo schermo fu quello di Robert Mitchum, in una delle sue più memorabili interpretazioni (un'altra fu ne Il promontorio della paura, dove l'attore vestì i panni del sadico Max Cady).

Fortemente influenzata dal Cinema Espressionista Tedesco (soprattutto nell'uso delle luci), la pellicola è ambientata nel sud degli Stati Uniti. Tutto inizia con il predicatore Powell rinchiuso in prigione, insieme a Ben Harper. Quest'ultimo è stato condannato alla pena capitale in seguito a una rapina e alla morte di due uomini: prima di venire arrestato, Harper era riuscito a nascondere il bottino, confessando il nascondiglio solo ai due figli, Pearl e John. Powell riesce a intuire che i due bambini sono i custodi del segreto del padre e, una volta uscito di prigione, riesce a sposare Willa (Shelley Winters), la vedova di Harper, avvicinandosi così pericolosamente a Pearl e John. Willa fa una brutta fine, mentre i ragazzini riescono a fuggire da Powell, il quale, però, non abbandona la caccia.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

La morte corre sul fiume è stato definito una fiaba noir, un film teso e inquietante. Indimenticabile è la scena della morte di Willa, dove il Cinema Espressionista Tedesco venne visivamente citato in maniera importante. I lunghi capelli della donna si confondono con la vegetazione del fiume, nelle cui profondità il cadavere è stato nascosto, legato a un'auto; l'atmosfera delle immagini è irreale, sospesa tra sogno e realtà.

Torna nelle sale “La morte corre sul fiume” di Charles Laughton

All'uscita nelle sale, a metà degli anni Cinquanta, il film non fu particolarmente apprezzato. Solo in seguito, come spesso accade, l'opera fu rivalutata, diventando un cult per numerosi cinefili. Grazie allo splendido lavoro di conservazione e di restauro compiuto dalla Cineteca di Bologna e dal suo laboratorio, «L'immagine ritrovata», il pubblico potrà godere della visione di un capolavoro assolutamente imperdibile come La morte corre sul fiume di Charles Laughton.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (8 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.