14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Tomas Tranströmer, ovvero un Premio Nobel scopre la lettura

Tomas Tranströmer, ovvero un Premio Nobel scopre la letturaI ricordi mi guardano di Tomas Tranströmer è il viaggio autobiografico di uno dei poeti svedesi moderni più riconosciuti dalla critica internazionale. Nel 2011, anno del conferimento del Nobel per la Letteratura, Iperborea pubblica queste pagine – la cui prima edizione è datata 1993 con il titolo originale Minnena ser mig – tradotte da Enrico Tiozzo.

In relazione aperta con il mondo, gli affetti, le esperienze sin da bambino, il poeta svedese diventa scrittore di una vita: quella che dalle prime battute del libro sottolinea essere «La mia vita», presentata nel suo lungo evolvere in una sintesi perfetta di immagini condensate.

«Quando penso a queste parole mi vedo davanti una scia di luce. Guardando più da vicino, la scia di luce ha la forma di una cometa, con una testa e una coda. L’estremità più luminosa, la testa, è l’infanzia e l’adolescenza. Il nucleo, la parte più densa, sono quei primissimi anni in cui vengono definiti i tratti fondamentali della nostra esistenza. Cerco di ricordare, cerco di arrivare fino a là. Ma è difficile muoversi in quelle regioni compatte, è pericoloso, mi dà come la sensazione di avvicinarmi alla morte. Poi la cometa si dirada – è la parte più lunga, la coda. Diventa man mano più rarefatta, ma anche più ampia. Ora sono a uno stadio avanzato della coda, ho sessant’anni quando scrivo queste righe.»

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Così, di sensazione in sensazione, Tranströmer compie prima tre, poi cinque, poi sette, poi nove anni. In questo primo periodo di ricordi tocchiamo, attraverso la poesia della sua prosa, una storia familiare lunga due generazioni, la Stoccolma degli anni Trenta, l’emozione della scoperta del museo nazionale di Storia Naturale, nel sobborgo di Frescati, con «quelle volte odorose di ossa dove le balene pendevano dal soffitto», la paura dell’evacuazione dalla città – durante il primo anno di scuola elementare – a causa della guerra, la primavera del 1940 e la curiosità politica di un bambino di nove anni «magro e mingherlino che stava chino sulla carta delle azioni militari pubblicata sui giornali, dove l’offensiva delle divisioni corazzate tedesche era raffigurata con frecce nere. Le frecce penetravano nel cuore della Francia e vivevano come parassiti anche nel nostro corpo di nemici di Hitler. Non mi sono mai più impegnato con tanta passione in politica!»

Tomas Tranströmer, ovvero un Premio Nobel scopre la lettura

Ma occorre aspettare due anni ancora prima di veder germogliare in Tomas quello che sarà l’impegno più grande, la passione che lo guiderà verso il ricordo più caro: la lettura. A soli undici anni infatti lo scrittore scopre un «grosso cubo in mezzo al quartiere di Söder»: è la Casa del Cittadino, costruita negli anni Quaranta, che ospitavala biblioteca comunale.

«Passavo in biblioteca quasi ogni giorno. […] Questa era muro a muro con i bagni pubblici. All’entrata si respiravano i vapori delle vasche, l’odore di cloro che penetrava dagli sfiatatoi e si sentivano le voci lontane echeggiare nelle piscine. C’è sempre un’acustica meravigliosa nei bagni pubblici. Il tempio della salute e i libri erano vicini, mi sembrava meraviglioso.

Rimasi fedele alla filiale della Casa del Cittadino per molti anni. La ritenevo chiaramente superiore alla biblioteca centrale di Sveavägen – dove l’ambiente era più pesante e l’aria ferma, senza vapori di cloro, senza eco di voci. L’odore dei libri era diverso lì, faceva venire il mal di testa.»

 

E così Tomas seleziona letture di saggistica, storia e soprattutto geografia lasciandosi rapire dalle immagini dell’Africa su cui sogna a occhi aperti spedizioni come esploratore della foresta di Ituri o come entomologo alla ricerca di nuove specie di insetti.

I libri diventano il mezzo per conoscere il mondo, scoprirlo, analizzarlo, controllarlo, come fa uno scienziato con la sua materia. Il bambino e l’adolescente si formano sull’attenzione che diviene osservazione matura negli anni adulti. Nei suoi ricordi rileggiamo tutte le scoperte che lo hanno accompagnato nei passaggi iniziatici più importanti della vita, e che il poeta è riuscito a custodire dentro di sé come gli insetti che amava collezionare. Due in particolare sembrano segnarlo: «la prima esperienza della morte» e la scoperta della poesia:

«Una volta, verso la metà degli anni Trenta, sparii in pieno centro di Stoccolma. Io e la mamma eravamo andati ad un concerto della scuola. Nella ressa all’uscita dell’Auditorium persi la mano della mamma e venni trascinato via dalla corrente umana ed essendo così piccolo nessuno se ne accorse. C’era buio fuori nella piazza Hötorget. Rimasi lì defraudato di ogni sicurezza. C’era tanta gente intorno, ma erano tutti presi dalle loro faccende. Non c’era niente cui aggrapparsi. Fu la mia prima esperienza della morte.»

Tomas Tranströmer, ovvero un Premio Nobel scopre la lettura

Con la stessa essenzialità Tranströmer guarda al secondo ricordo, quello liceale, della metrica classica come scoperta della “Forma” che innalza la sostanza, pur essa banale, fino al sublime:

«Nel secondo anno di liceo cominciai a scrivere le mie prime poesie moderniste. Al tempo stesso ero attirato dalla poesia antica e quando le lezioni di latino passavano dai testi storici su guerre, senatori, e consoli ai versi di Catullo e Orazio, mi lasciavo volentieri scivolare nel mondo poetico […] Erano i presupposti della poesia. Attraverso la forma (la Forma!) si poteva elevare qualcosa. Le zampette del bruco erano sparite, si aprivano le ali. Non si doveva perdere la speranza!»

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Nasce il poeta di Det vilda torget (La piazza selvaggia), una, delle quattordiciraccolte di poesie la cui prima uscita risale al 1954, quando Tranströmer ha ventitré anni. E sono tutte “meditazioni attive” a partire da questi ricordi.

«Ci si sente sempre più giovani di quanto non si è. Dentro di me porto tutti i miei volti passati come un albero i suoi cerchi. La loro somma sono «io». Lo specchio vede solo il mio ultimo volto, io sento tutti i miei precedenti».


Per la prima foto, copyright: Ben White.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.