Le abitudini di scrittura di Susan Sontag

Come descrivere le emozioni nel tuo romanzo – 7 suggerimenti

I 5 comportamenti che ci rendono infelici

Come leggere più saggi – 3 consigli

Test di grammatica italiana sui verbi

Verbi, grammatica italianaIl verbo è senz’altro uno degli argomenti più complessi della grammatica italiana e il test di oggi potrebbe mettere in difficoltà più di qualcuno: l’ultima volta le dieci domande riguardavano argomenti generali; oggi, invece, il test è completamente incentrato su questo argomento e, anche se non ne tocca tutti gli aspetti, vi permetterà di scoprirne le curiosità, le influenze esterne e i cambiamenti: la lingua – è risaputo – non è un sistema immobile, ma, al contrario, è un fenomeno sociale sottoposto alle leggi del tempo e dello spazio.

Pensate soltanto al rapporto tra passato remoto e passato prossimo: ormai quest’ultimo è diffuso in tutta la Penisola; è usato sempre in luogo del primo nel Nord Italia, a differenza di quanto accade nel Sud: qui, infatti, il passato remoto sopravvive. Quest’ultimo, per di più, era usato frequentemente nell’italiano antico, tra l’altro assieme al trapassato remoto, che oggi ha sapore sicuramente letterario. I cambiamenti del sistema verbale, insomma, non sono stati profondi, ma non si può certo dire che siano poco evidenti. Veniamo al test sui verbi.

1.      Si dice sparare qualcuno o sparare a qualcuno?

2.      Come si scrive la seconda persona singolare dell’imperativo di dare?

3.      Si dice devìa o dèvia?

4.      Qual è la corretta pronuncia di evaporo?

5.      Qual è il participio passato di eccellere?

6.      Qual è il participio passato di deprimere?

7.      Si dice fa niente o non fa niente?

8.      A meno che: 1. Regge l’indicativo 2. Regge il congiuntivo 3. Regge sia indicativo sia congiuntivo.

9.      Si dice adire le vie legali o adire alle vie legali

10.  Qual è il significato di balcanizzare?

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+ e Pinterest]

Soluzioni

1.      Il verbo sparare è un verbo transitivo; il complemento oggetto, però, è rappresentato non dalla persona, bensì dal proiettile. La diffusione di questa costruzione dipende dalla lingua antica, quando sparare voleva dire anche “sventrare”.

2.      Si scrive da’, e non ci sono eccezioni: è terza persona singolare dell’indicativo, mentre da è preposizione semplice. Come da’, si scrivono anche fa’, sta’ e va’, essendo apocopi delle forme piene dai, fai, stai e vai (e le apocopi si contrassegnano con l’apostrofo, tranne in alcuni casi: piè, per esempio).

3.      La pronuncia corretta è devìa, perché il verbo è composto di –via, la cui pronuncia è nota.

4.      La pronuncia corretta è evapòro, perché il verbo è costruito su vapore.

5.      Il participio passato è eccelso, usato – come in molti altri casi – come aggettivo.

6.      Il participio passato è depresso.

7.      Non si dice fa niente: è sbagliato, perché niente e nulla vogliono la doppia negazione. Il costrutto senza non si è diffuso per influenza di alcuni dialetti: per esempio, Mi so nient.

8.      A meno che regge sempre e solo il congiuntivo: es. A meno che tu non lo voglia davvero, lo lasceremo andare.

9.      Si dice adire le vie legali, perché il verbo è transitivo: adire alle vie legali, dunque, farebbe registrare un accusativo preposizionale.

10.   Dal Sabatini-Coletti: «Ridurre un paese in condizioni di instabilità politica, come nel recente passato nella regione balcanica; dividere uno stato in tante piccole nazioni». Il riferimento è alle vicende dei Balcani nei primi del Novecento

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.9 (11 voti)
Tag:

Commenti

5/10

"Come si scrive la seconda persona singolare dell’imperativo di dare?" In realtà, per come è posta la domanda la risposta data non è quella corretta, la risposta esatta è, semplicemente, "dai".
:)

1) http://www.accademiadellacrusca.it/it/lingua-italiana/consulenza-linguis...
2) Sono d’accordo a metà. Nel senso che riconosco la correttezza dell’uso dell’apostrofo, ma non capisco perché debba obbligatoriamente farlo.
3) Giusto. A proposito di accenti “ballerini”.
4) Io sapevo che, per capire dove far cadere l’accento, si osservava l’infinito del verbo.
5) Eccelso direi. 
6) Depresso, ma solo linguisticamente parlando.
7) Non sapevo di questa regola per cui niente e nulla esigono la doppia negazione. Per cui mi son documentato; e guardate che ho scoperto circa la posizione dell’avverbio: http://www.linkuaggio.com/2011/08/si-dice-fa-niente-o-non-fa-niente.html.
8) Sì, grammaticalmente è il congiuntivo a esser e la forma giusta. Ma sappiamo che nel parlato si opta per l’indicativo.
9) Utile a sapersi.
10) Parole quotidiane che per antonomasia assurgono a descrivere un comportamento generale.

Per la domanda n°2 non concordo completamente.
A seguire, le definizioni corrette desunte da Treccani:
***
Da’, con l’apostrofo, è la 2a persona dell’imperativo del verbo dare (➔troncamento di dai)
Da’ una mano a tuo fratello!
• Dà, con l’accento, invece, è la 3a persona dell’indicativo presente del verbo dare
La sua presenza gli dà sicurezza.
USI
Per la 2a persona dell’imperativo è possibile usare, accanto alla grafia da’, anche la forma piena dai
Lasciale stare tutte queste regole nuove, dai retta a me (R. Petri, Esecuzioni)
La forma dai è l’unica possibile in locuzioni come:
– e dai (anche con ➔univerbazione: eddai)
Eddai che gliela abbiamo ormai fatta (P. V. Tondelli, Altri libertini)
– dai e dai (usata a volte anche come sostantivo: il dai e dai)
Dai e dai ogni giorno con il tuo sudore una pietra dopo l’altra alto arriverai (Canzone di san Damiano)
nel dai e dai delle meretrici (I. Fossati, Oh, che sarà).
STORIA
L’imperativo da’ ha sostituito la grafia da, in uso ancora nell’Ottocento
Or da retta a’ miei sensi (Il fiore della letteratura greca).

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.