Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Teatro Valle: braccio di ferro tra Comune e occupanti

Teatro ValleIl 28 luglio ha avuto luogo un incontro tra la Fondazione Teatro Valle Bene Comune con il neoassessore alla Cultura di Roma Capitale Giovanna Marinelli, la presidente della Commissione Cultura Michela Di Biase e con i rappresentanti del Teatro di Roma, Marino Sinibaldi e Antonio Calbi, in veste di mediatori. È stato ribadito il pieno riconoscimento culturale e artistico dell’esperienza del Teatro Valle Occupato e la necessità di un chiaro riconoscimento politico della Fondazione Teatro Valle Bene Comune – avvenuta il 18 settembre 2013 – , che rappresenta una proposta giuridicamente innovativa di uscita dall’illegalità verso una forma di istituzione partecipata. Agli occupanti del teatro è stata imposta, però, come scadenza la data del 31 luglio per sgomberare la struttura: bisogna «riconsegnare il teatro alla Soprintendenza perché i lavori possano cominciare, il Valle va messo a norma», ha spiegato l’assessore.

Gli artisti del Valle non hanno gradito l’ultimatum, temono che il restauro e l'inagibilità siano solo scuse per cancellare la loro esperienza. Essi auspicano un momento di transizione che porti all'uscita dall'attuale stato di occupazione, attraverso l'apertura di un percorso pubblico per il conseguimento di un nuovo modello partecipato che raccolga le sperimentazioni elaborate nel corso di tre anni di occupazione.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Dopo una conferenza stampa alla Camera dei Deputati avvenuta il 31 lugliogli occupanti si sono detti disponibili ad accettare i termini della proposta avanzata dal Teatro di Roma e hanno fissato per il 10 agosto la data della loro uscita dalla struttura culturale. Scongiurata la privatizzazione del teatro grazie alla loro resistenza artistica, lavorano alla definizione di un documento per una elaborazione condivisa del teatro partecipato. L’auspicio è che il Sindaco Ignazio Marino riporti la situazione del Teatro Valle nella legalità, senza disattendere le legittime richieste degli occupanti. 

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.