Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Taranto, morti e tangenti

Taranto, morti e tangentiSe girassi un film su Taranto, lo titolerei Morti e tangenti e lo ambienterei nell’Ilva e nella Marina Militare: i due cancerosi polmoni produttivi della devastata città pugliese.

In pochi giorni un operaio è morto nell’Ilva schiacciato da un carrello, mentre due pezzi da novanta della Marina sono stati arrestati dalla Guardia di Finanza per tangenti su una serie di appalti. Questa è la fotografia dell’affarismo tarantino: cadaveri e corruzione.

La città – che dai Tamburi a Paolo VI rivela il suo declino sociale e culturale, afflitta da una disoccupazione dilagante, dalla criminalità sempre più organizzata e violenta, da un governo locale inesistente e incapace – viene ora scossa da una prima ondata di arresti nel cuore dell’amministrazione militare.

Non si tratterebbe di casi isolati ma della punta di un iceberg, del primo tentacolo di una piovra dei colletti bianchi di cui tutti, a Taranto, dicono a mezza voce di sapere da decenni. E in effetti è inspiegabile che una città così grande possa essere stata stuprata e deprivata in modo così brutale se non fossero circolate tangenti. Del resto, è pratica nazionale di cui si parla poco.

 

LEGGI ANCHE – Taranto, città senza vita

 

La coincidenza temporale tra morto e arresti ci consente di fare due più due. L’Ilva sembrerebbe ormai alla sua fine, trascinando con sé il peggio del Novecento meridionale e una lunga scia di morte che durerà almeno mezzo secolo ancora; la Marina non ha più grande motivo di sostare a Taranto dal momento che i conflitti nel Mediterraneo non necessitano più di un grande dispiegamento di mezzi e di uomini, ma di intelligence.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Pertanto, il morto e gli arresti ci portano a riconsiderare la plausibilità di un progetto alternativo per il futuro della città. E lo facciamo dicendoci innanzitutto che Taranto non ha più bisogno di un’economia pesante (acciaio e armi), ma di un'economia sostenibile (energie rinnovabili e pace). Può davvero diventare la capitale mediterranea della sostenibilità, a patto che cresca la consapevolezza civica.

 

LEGGI ANCHE – La lenta morte di Taranto

 

Purtroppo visitando il centro storico e le summenzionate periferie, ci si rende conto che il civismo qui non alberga, che i cittadini contribuiscono, e non poco, alla decadenza locale. Abbandono scolastico, immondizia, sporcizia, microcriminalità, tossicodipendenza, prostituzione, truffa e lavoro nero. Tutti ingredienti autoprodotti, non importati dall’Ilva o dai militari. Tutti comportamenti che rendono Taranto invivibile, a tratti insopportabile. Allora dobbiamo davvero provare a seppellire i morti e bruciare le tangenti con fierezza, senza l’autocommiserazione che contraddistingue l’antropologia tarantina. Con austerità, se vogliamo, e con il rigore di una rinnovata vitalità.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (6 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.