Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Sylvia Plath, scoperte due poesie inedite

Sylvia Plath, scoperte due poesie inediteLa notizia, riportata dal «Guardian», è destinata a risvegliare l’interesse di tutti gli studiosi e gli appassionati lettori di Sylvia Plath: un foglio di carta carbone nascosto in un vecchio taccuino della poetessa americana ha permesso di scoprire due poesie finora inedite dell’autrice di La campana di vetro. Il foglio, scoperto da due studiosi alle prese con un nuovo libro sulla Plath, è rimasto nascosto per cinquant’anni e offre, stando al «Guardian», uno sguardo interessante su come la poetessa lavorasse con quello che sarebbe diventato il suo futuro marito, Ted Hughes.

Gail Crowther e Peter K. Steinberg, questo il nome dei due ricercatori, hanno anche ritrovato alcune poesie di Hughes che rivelano il suo profondo turbamento per la morte della moglie. Le poesie erano state scritte per la sua ultima raccolta, Birthday Letters, in cui ruppe il silenzio sulla tumultuosa relazione con la Plath, che finì quando lei scoprì il suo tradimento.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Scritte all’inizio della loro relazione nell’autunno del 1956, le due poesie sono state decifrate da una carta carbone su cui la Plath aveva anche battuto l’indice per The Hawk in the Rain, la rivoluzionaria raccolta di Hughes, due sue poesie – The Shrike e Natural History – e forse anche una quinta poesia.

Oltre alle poesie, Crowther e Steinberg hanno anche ritrovato alcune foto inedite di Plath nell’archivio presso la Lilly Library dell’Indiana University.

 

LEGGI ANCHE – Il primo libri per bambini di Sylvia Plath

 

Tutte le scoperte sono esposte nella loro recente pubblicazione, These Ghostly Archives, ed entrambi gli autori sono studiosi di lungo corso dell’opera della Plath.

Steinberg, che ha ritrovato la carta carbone mentre faceva delle ricerche nell’archivio, ha dichiarato di aver sentito come “una scossa” quando ha compreso cosa aveva scoperto nel bel mezzo di «uno strano e aggrovigliato insieme di parole dattiloscritte» e ha aggiunto: «Ho pensato: “Potrei essere la prima persona in quarant’anni a lavorare su questo documento”».

 

LEGGI ANCHE – Quando Sylvia Plath sognava di diventare un’artista. Ecco i suoi disegni

 

Usando Photoshop, ha decifrato quello che era scritto sul foglio, filigranato con un’immagine che potrebbe essere apparsa in una poesia di Plath: una donna che osserva il suo riflesso in una piscina piena d’acqua.

Sylvia Plath, scoperte due poesie inedite

La prima a essere stata scoperta è To a Refractory Santa Claus, una poesia sulla Spagna e su un clima mite, un argomento sul quale Plath è ritornata in seguito in altre poesie. Scritta dopo la luna di miele di Plath e Hughes a Benidorm, consiste di due strofe di undici versi e auspica una fuga dalle crudeltà dell’inverno inglese verso climi più caldi con la loro frutta fresca e il sole.

 

LEGGI ANCHE – Ted Hughes, l'uomo dietro la maschera

 

Anche se i due studiosi ritengono che sia inferiore ai successivi lavori della Plath, descrivono l’immaginario della poesia come “spettacolare”, citando in particolare la descrizione della “nebbia del respiro” come una “maschera bianca”, simile al vapore che scappa dalla porta di un freezer lasciato aperto. Gli inverni inglesi erano un tema ricorrente per la Plath, che spesso dovette fare i conti con il clima freddo e austero dopo essersi trasferita dagli Stati Uniti.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

È stato più complicato invece decifrare la seconda poesia. Megrims, questo è il titolo, è un monologo indirizzato a un dottore da una persona paranoica che parla di una serie di “incidenti strani”, che vanno dalla scoperta di un ragno in una tazza di caffè fino a un gufo che sta per colpire.

Secondo Steinberg, è possibile che ci sia anche una terza poesia inedita, ma spera che la tecnologia possa rivelarne i segreti in un prossimo futuro.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.