Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Superare le avversità della vita. “Faremo Foresta” di Ilaria Bernardini

Superare le avversità della vita. “Faremo Foresta” di Ilaria BernardiniLa vita non sempre è facile. Accadono eventi che mettono alla prova una persona: la fine di un amore, un incidente, una morte. Turbamenti, ansie, cambiamenti. Spetta solo a ciascuno di noi decidere se lasciarci soccombere da che ciò che accade o se al contrario reagire, lottare, rinascere. Le stagioni si succedono, gli anni passano. La vita non aspetta. È come una corsa. Proseguire o arrestarsi? Appassire o germogliare? Morire o fare foresta?

Ilaria Bernardini, scrittrice e sceneggiatrice italiana, torna in libreria con un nuovo romanzo edito da Mondadori, Faremo Foresta, e lo fa narrandoci una storia delicata, quasi un inno alla vita e alla positività. Come la scoperta di un fascio di luce che brilla luminoso e prepotente alla fine di un lungo, oscuro e tortuoso percorso.

Il termine foresta utilizzato nel titolo è chiaramente una metafora che allude a un significato più profondo da decifrare. Basti pensare alle fiabe nelle quali è sempre presente un bosco o una foresta che il protagonista deve attraversare. Anche nei rituali d’iniziazione delle tribù primitive il passaggio dall’infanzia all’età adulta si svolge all’interno di una foresta. Essa è un luogo di passaggio che l’eroe deve percorrere come parte integrante e necessaria del proprio cammino. Dopo un primo momento di smarrimento e dopo aver superato tutte le avversità il viaggio riprende e l’eroe può uscire dalla foresta con una consapevolezza maggiore dei propri limiti e dei propri punti di forza. La foresta è un’allegoria del cammino della vita. È piena di alberi e al suo interno tutto è vita. Anche per questa ragione viene spesso associata all’inconscio, poiché la psiche umana è ricca di aspetti del sé inesplorati, che non sempre si conoscono tutti e che spesso impauriscono.

Superare le avversità della vita. “Faremo Foresta” di Ilaria Bernardini

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Per intraprendere un percorso di rinascita bisogna necessariamente attraversare la foresta. Affinché un cambiamento avvenga occorre attuare un’esplorazione di sé. Bisogna perdersi per potersi ritrovare e acquisire una nuova percezione di se stessi e della realtà. La scelta è tra l’essere un individuo attivo o un individuo passivo, tra il restare intrappolati all’interno della foresta o il fronteggiarla e uscirne vittoriosi.

Protagonista di questo breve ma intenso romanzo dal sapore autobiografico è Anna, una donna che viene messa alla prova da alcuni avvenimenti che le accadono: la fine del matrimonio, un figlio di quattro anni da proteggere e a cui non far subire il trauma della separazione dei genitori, la malattia di un’amica, un incidente al fidanzato della sorella. Avviene tutto all’improvviso e Anna si ritrova quasi schiacciata dal verificarsi di tutto ciò e piena di paure e di sensi di colpa, «Nella mia storia d’amore avrei potuto essere più forte. Resistere». «Eravamo una coppia da quindici anni e i nostri corpi si erano incastrati per quindici anni […] c’eravamo amati moltissimo e non era successo niente di specifico se non la fine dell’amore».

Ma come dire ad un bambino di quattro anni («che a volte voleva dire che è grande abbastanza per capire e altre volte dire che è così piccolo che non può capire») che la mamma e il papà non avrebbero più vissuto insieme? Che il loro amore era finito? Lo avrebbe compreso? Ne avrebbe sofferto?

Faremo Foresta è un romanzo intimo, al cui interno s’intrecciano tuttavia molteplici altre storie: la storia di Maria colpita da un aneurisma cerebrale, la storia di Alessandro che ha un grave incidente in moto. E poi la storia dei suoi nonni e quella dei suoi genitori, del rapporto di Anna col padre che dopo la separazione dalla madre «era quasi morto per me. Chi l’aveva più frequentato? Chi aveva mai più ricevuto una carezza da lui? Non mi telefonava mai, non lo vedevo mai».

Superare le avversità della vita. “Faremo Foresta” di Ilaria Bernardini

Attraverso un esercizio mnemonico Anna ripercorre i momenti più salienti della propria vita e lo fa narrandoli a una bizzarra cartomante inglese che rappresenta la metafora della coscienza. La cartomante è come una voce interiore che la sollecita a stimolare i ricordi e che lentamente la guida in un progressivo ma intenso percorso di rinascita. «Ho fatto un passo epico come per raggiungere la luna, per entrare nel cortile della galleria e dentro il mio presente e dentro il mio passato». Percorrere il passato è necessario se si vuol affrontare il futuro senza ansie e paure perché è il passato che ha condotto Anna in quel presente che adesso vive in cui tutto è «sabbia, deserto, privo di radici e di senso».

La rinascita interiore della protagonista avviene parallelamente alla rinascita di alcune piante trovate nel terrazzo dell’appartamento in cui si è trasferita dopo la separazione dal marito e che si erano quasi tutte essiccate. Imparare a prendersi cura delle piante diventa un dover imparare a prendersi cura di se stessa. Imparare a chiamare ogni pianta col proprio nome significa renderla presente. Imparare a collocare ogni emozione nel posto giusto significa ritrovare la vera Anna. Annaffiare le piante equivale a riscoprire sentimenti sopiti, dare attenzioni ai propri bisogni. Anna impara a «seminare e rinominare piante. A seminare e rinominare la famiglia, la casa, le voragini sul terreno, i cadaveri nei vasi». Così facendo avverte che lentamente tutto intorno a lei comincia a cambiare o forse è semplicemente lei che comincia a vedere le cose con occhi diversi. Giunge infine il presente ed è un presente nuovo. «Rimetto in ordine le mie piante e imparo a conoscere una nuova emozione». Le piante appassite germogliano e nascono i fiori, «aumentano le ore di sole e quelle di pace nel nostro cuore». Una nuova casa, un nuovo inizio, un nuovo amore pronto a germogliare insieme alle piante.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Faremo Foresta è un inno alla vita e alla positività. È un invito ad affrontare la vita con spirito combattivo, a non arrendersi dinanzi alle avversità, perché «saremo tutti foresta, faremo tutti foresta». La scrittura della Bernardini è coinvolgente, rapida e ritmata. Il messaggio che questo romanzo botanico e sentimentale trasmette è che qualunque pensiero, persino il più gelido, prima o poi si scioglierà, che giungerà la primavera e con essa la rinascita e che ogni foresta presente in ciascuno di noi potrà continuare a crescere e a germogliare sempre di nuova vita.


Per la prima foto, copyright: Trần Anh Tuấn.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.