In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Corso online di Scrittura Creativa

Corso online di Editing

Sulla comunicazione turistica

Comunicazione turismoTempo d'estate, tempo anche di turismo, almeno per chi ha avuto la possibilità di prendersi qualche giorno lontano da casa. La scelta della meta si riconduce a informazioni che possiamo spesso reperire sul web, oppure da consigli degli amici e dei famigliari, o ancora al bagaglio di ricordi che magari abbiamo racimolato nel corso degli anni. Già prima della partenza, in ogni caso, ci appare evidente che molte delle bellezze che troveremo in loco sono misteriosamente nascoste ai nostri occhi e alle nostre ricerche; non troviamo tracce di quel monumento di cui ci ha parlato la zia, né riusciamo a reperire informazioni esaustive sul modo di raggiungere l'isola che si trova di fronte al nostro albergo.

Se questo, poi, avviene in una regione che amiamo particolarmente, la sensazione di spaesamento e impotenza diventa anche di fastidio: perché tanta bellezza non viene comunicata in modo consono? Per varie ragioni io amo la Puglia, una regione molto variegata che mi ha sempre fatto sentire a casa e mi ha donato sensazioni e ricordi che consiglio a molti.  

Durante la vacanza di quest'anno (potrei chiamarla un "ritorno") prima nel Gargano e poi nella parte centrale della regione (tra Bari e Ostuni) sono stato colpito dall'enorme quantità di eventi organizzati da Comuni, Province, Regione, ma anche da singole associazioni o privati. Un'offerta eccezionale, che spaziava dai concerti con nomi eccellenti della musica a presentazioni letterarie (frequenti, in questo momento, quelle con Luca Bianchini), a personali di pittura. Non solo: la Regione ha predisposto grandi quantità di materiali informativi. Negli uffici turistici, ma anche negli hotel o nelle altre strutture ricettive, è possibile reperire brochure, mappe stradali della regione, piccole guide sulle singole zone (Gargano, Puglia imperiale, Salento, etc), fascicoli con descrizioni accurate delle spiagge, volantini degli eventi. Molto affascinanti, poi, i percorsi e gli eventi legati alle specificità regionali, accuratamente descritti in apposite cartine.
Ma l'ho saputo un po' tardi.

Ovvero, siamo onesti: le locandine c'erano ovunque e non serviva una grande guida o una mente illuminata per leggerle. Però non basta. Il giorno successivo al mio arrivo mi sono recato all'ufficio per il turismo di Vieste, ricavato da una pescheria in disuso ben recuperata e ridonata alla collettività. Il personale all'interno non ha saputo darmi informazioni, se non consigliarmi di prendere e portare con me più volantini possibili. A quanto pare, però, nessuno aveva pensato di dividerli ordinatamente per lingua, e solo a casa mi sono reso conto che delle sei guide che possedevo tre erano in italiano, una in francese e due in tedesco.

Ben diversa l'esperienza a Polignano a Mare. Entrato per chiedere una banale informazione sul modo per raggiungere una spiaggia, l'impiegata allo sportello, dopo avermi fornito le indicazioni di cui avevo bisogno, mi ha chiesto se poteva illustrarmi anche altre iniziative. Incuriosito, mi sono quindi fatto trasportare in un viaggio (purtroppo solo immaginario) all'interno delle molteplici possibilità della regione. Alcune carto-guide informavano, ad esempio, sui percorsi sul gusto (ogni giovedì), sulla natura (ogni venerdì) e sull'arte (ogni sabato) che vengono proposti in varie parti e a cui è possibile accedere gratuitamente. Peccato aver avuto tali notizie solo poche ore prima di ripartire per il Veneto... Stessa cordialità e competenza ho incontrato, per altro, anche a Martina Franca e a Ostuni.

Due considerazioni. Intanto, ho rinnovato il mio amore per la Puglia e ho avuto modo di riscontrare il lavoro che da molte parti si sta facendo per valorizzarne il turismo, creando alternative allettanti nella nostra Italia rispetto ad altre mete, che certo meritano considerazione, ma che forse hanno meno da dire. Di parallelo, ho compreso che l'informazione e la comunicazione, e qui mi riferisco a quella turistica ma lo stesso si può dire in generale per ogni tipo di comunicazione, funziona e assume valore pieno solo in concomitanza di qualcuno che la sappia valorizzare davvero. Il turista è in generale pigro, spesso bombardato da un eccesso di dati che non ha interesse a gestire perché impegnato  solo a non pensare per alcuni giorni dopo un anno di lavoro. Organizzare attività ricche e diversificate è di certo un pregio, ma esse rimangono e rimarranno lettera morta se poi non sono accompagnate da una corretta comunicazione per spiegare l'uso dei materiali cartacei proposti.

[Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.