Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

“Suburra” di Carlo Bonini e Giancarlo De Cataldo

Giancardo De Cataldo, SuburraC’erano una volta il Libanese, il Freddo e il Dandi e i fatti della Banda della Magliana che ispirarono il Romanzo criminale di Giancarlo De Cataldo, edito da Einaudi nel 2002. Il libro ebbe notevole successo, tanto che nel 2005 uscì l’omonimo film diretto da Michele Placido e nel 2008-2010 la fortunatissima serie televisiva SKY ideata da Stefano Sollima.

De Cataldo poi scrisse, nel 2007, Nelle mani giuste e, nel 2012, Io sono il Libanese, sempre per i tipi di Einaudi: rispettivamente il sequel e il prequel di Romanzo criminale. Ora, in sinergia con Carlo Bonini – autore di Acab. All Cops Are Bastards, adattato per il grande schermo lo scorso anno da Stefano Sollima – De Cataldo ha scritto Suburra, uscito nella collana Stile Libero Big di Einaudi. Il crimine qui si fa caricatura e pantomima, in un crescendo di violenza in cui buoni e cattivi si confondono, in una cupidigia del nulla che confonde assassini, politici, spacciatori, mafiosi e alti prelati.

Libanese, Freddo e Dandi non ci sono più, sono morti. Di criminale sono rimasti solo i continui ammazzamenti di una guerra per il controllo di Roma: «Ostia assale Cinecittà, e Cinecittà risponde: è cominciata la guerra. Guerra di mafia. Perché le cose bisogna chiamarle con il loro nome».  E del romanzo invece cosa è rimasto? Direi molto poco. Per me che ho amato e divorato Romanzo criminale, Suburra è stato poco meno di una delusione. Il sequel del sequel infiacchisce anche il dialetto romano che non risulta efficace nella narrazione. I personaggi sono stereotipati e la trama poco convincente

A capo dei cattivi vi è il Samurai, «alto, con i capelli grigi cortissimi. Vestiva sempre con eleganza sobria, il suo colore preferito era il nero. Amava indossare, sotto le giacche di Kiton, magliette stretch che mettevano in risalto una muscolatura agile e naturale. Non pippava coca, non fumava sigarette, e soltanto in rare occasioni si concedeva un dito di whisky di puro malto. Il Samurai non era schiavo di niente e di nessuno. Il Samurai non si lasciava controllare da niente e da nessuno. Era lui a controllare ogni cosa. Era lui il padrone».

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Giancardo De CataldoEra stato soprannominato così proprio dal Dandi e aveva cercato di esserne degno. Ha un Grande Progetto in mente: un affare edilizio di gigantesche proporzioni che trasformerà le periferie romane, soffocandole sotto una colata di cemento. Casinò, alberghi, ristoranti, palestre, yacht, negozi. Ostia come Atlantic City. Il Waterfront di Roma. Perché ciò divenga realtà, è necessaria una delibera che stravolga il piano regolatore, moltiplicando le cubature già esistenti o in licenza fino a cinque volte oltre i limiti fissati dalle  norme paesaggistiche, purché ogni ventimila metri cubi sia costruito un edificio di culto.

Dall’altra parte, il colonnello Marco Malatesta si adopera perché questo non accada, smascherando i caporioni del crimine, le mele marce all’interno della polizia e le connivenze con la politica. Vi è un sottoproletariato culturale che trova il suo corrispettivo nel crimine in uomini che non hanno la stoffa del capo e ne sono solo la caricatura grottesca. Vi è un sottoproletariato politico che sta per crollare, facendo l’eco a vicende recenti che tutti conosciamo: da quel 15 ottobre di pochi anni fa in cui Roma fu devastata dai black bloc a quel 12 novembre che fu l’alba e tramonto di un governo tecnico. È la Suburra dell’essere, «immagine eterna di una città irredimibile. Casa di una plebe violenta e disperata che secoli prima si era fatta borghesia e che della città occupava il centro geografico. Perché ne era e ne restava il cuore. La Suburra, l’origine di un contagio millenario, di una mutazione genetica irreversibile. Era quello il luogo. Come non averci pensato prima».

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.