Corso online di Scrittura Creativa

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di Editing

Streghe o guaritrici? L’arte delle segnatrici

Streghe o guaritrici? L’arte delle segnatriciÈ difficile descrivere cosa sono le segnatrici, hanno in loro mille sfaccettature, sono donne enigmatiche che appartengono a un mondo quasi magico o immaginario e che per anni sono state l’unica risorsa per un piccolo borgo tra le montagne, Borgo Cardo. In tutto il romanzo infatti sono state viste in due diverse angolazioni dai vari personaggi, sia buone che cattive. Per tratteggiarle usando le parole della scrittrice: le segnatrici sono il confine sottile tra una strega e una guaritrice. Queste donne sono proprio il punto da cui parte tutto il romanzo dal titolo appunto Le segnatrici di Emanuela Valentini edito da Piemme.

«Il folletto che fa i dispetti se non gli lasci il latte appena munto. La paura che si nasconde tra le dita dei piedi e va lavata via con un bagno di fiori bianchi. Il malocchio. Le male parole. L’anima che cade per terra. Il sangue mestruale per legare l’uomo amato. Il confine sottile tra guaritrice e strega.» Mi guardò con intensità. «Le segnatrici sono sempre state una realtà vivida e importante di queste montagne […]»

 

L’inizio della storia è d’impatto: Sara, un medico che lavora a Bologna, ritorna nel suo paesino d’infanzia per il funerale di Claudia, un’amica che era scomparsa da tempo. Le sue ossa sono state ritrovate e per Sara questo avvenimento è una ferita che si riapre e che la riporta indietro nel tempo a quando l’accaduto ebbe luogo. Nei pochi giorni che rimane al borgo la protagonista fa la conoscenza di una bambina, Rebecca, che le cura una ferita segnandola. Questa è l’ultima segnatrice che si trovi in paese alla quale è stata insegnata quest’arte, la ragazza però sparisce poco dopo proprio come era successo per Claudia.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Iniziano le ricerche e Sara cerca di indagare ricostruendo la vicenda e interrogando varie persone, scoprendo così che la storia si sta ripetendo. Infatti molti anni prima delle ragazze che erano segnatrici fuggirono lasciando solo una lettera ai genitori, capiamo attraverso gli sviluppi della vicenda che la recente scomparsa della bambina non è una coincidenza ma segue la scia delle sparizioni passate.

Streghe o guaritrici? L’arte delle segnatrici

Con l’andare avanti delle pagine il romanzo si fa sempre più intrigante poiché inizia la vera e propria investigazione di Sara per riuscire a salvare Rebecca. Entriamo così nel vivo della cultura di questo piccolo paese, un luogo in cui ormai i tempi si sono evoluti e non si crede più nella segnatura che ti faceva guarire ogni malattia con una formuletta ma nella medicina. A oggi infatti al borgo tutte le giovani che praticano quell’arte vengono considerate come il male. Sara deve fare i conti con gli intrighi passati e gli avvenimenti che quando era piccola non era riuscita a comprendere totalmente.   

«Su queste montagne la segnatura è sempre stata la vera religione, lo sanno tutti che hanno rubato le parole alle preghiere per non essere bruciate sul rogo nel secolo buio, quelle lì. Sono state furbe. Hanno trasformato i loro riti in false preghiere, ritornelli, filastrocche che sembrano qualcosa ma sono altro: sono cose antiche, lontanissime da Dio.»

Streghe o guaritrici? L’arte delle segnatrici

La protagonista però non si lascia abbattere dalle persecuzioni e dalle intimidazioni e continua la ricerca del colpevole che vuole uccidere ogni segnatrice del paese. È una donna determinata e combattiva.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

La narrazione procede in modo sempre attento e lineare senza affrettare i tempi lasciandoci capire in modo fulmineo cosa sta succedendo e quale sarà il passo successivo del personaggio. La tensione tipica di un giallo si fa sempre più viva mano a mano che si procede nella narrazione e tocca il massimo punto nelle ultime pagine quando si comprende pienamente tutta la vicenda.

Le segnatrici è un romanzo particolare e interessante, una storia che di certo vale la pena leggere.


Per la prima foto, copyright: Katherine Hanlon su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.