Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Storie di migranti e di diritti negati: intervista all’avvocata Alessandra Ballerini

Alessandro BalleriniSi occupa di migranti e di diritti negati l’avvocata Alessandra Ballerini, di recente intervenuta al Festival Questioni Meridionali. Di quelle storie che probabilmente non interessano a nessuno e che non fanno guadagnare molti soldi. Invocata da Erri De Luca come “Avvocata Nostra” nella prefazione di La vita ti sia lieve, si è fatta le ossa al G8 di Genova e continua imperterrita a girare l’Italia su e giù, da Lampedusa al Ghetto di Rignano, in provincia di Foggia, per vedere con i suoi occhi la disperazione più cupa, per occuparsi in questo Paese degli ultimi di cui non si occupa (quasi) nessuno.

Alessandra Ballerini, blogger anche per «Il Fatto Quotidiano» è coraggiosa, porta avanti questa battaglia che la espone a rischi e a battutine poco eleganti – alcuni l’hanno apostrofata come “l’avvocata dei negri” – per difendere fieramente i diritti inseriti nella Costituzione Italiana. Quando parla è un fiume in piena di energia e di vitalità, di passione per il suo mestiere di avvocato civilista che lotta contro le ingiustizie, forte anche dell’esperienza e della vicinanza con don Andrea Gallo.

«La migrazione è un termine naturale – scrive Fabio Geda nella postfazione – le migrazioni esistono in natura, lasciano tracce di sé in ogni ecosistema. Da sempre si sposta l’uomo. A volte le migrazioni sono volute, più spesso obbligate. La clandestinità, invece, è un concetto artificiale, inventato dall’uomo che sempre si arroga il diritto di includere e di escludere; un’ecchimosi dovuta alla violenza che permea le società edificate sull’io, invece che sul noi». La vita ti sia lieve (Editore Melampo), pubblicato con il patrocinio di Amnesty International, sezione italiana, raccoglie le storie di migranti e di diritti negati incontrati da Alessandra Ballerini.

 

Perché c’è bisogno di parlare ancora di queste storie?

Quando parliamo di diritti e ci sembra di parlare dei diritti degli altri, in realtà stiamo parlando dei nostri perché i diritti sono indivisibili. Quando difendiamo i diritti essenziali dell’essere umano, tratti dalla Costituzione o dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, non lo stiamo facendo perché siamo buoni. Infatti, mi arrabbio molto quando mi dicono “Tu sei buona”. Io non sono buona, sono egoista perché difendo la mia Costituzione.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Dopo averne viste tante, forse pure troppe, c’è qualcosa che ancora la sconvolge?

La mia è un’operazione di memoria per evitare assuefazione: mi sono trovata di fronte a miriadi di situazioni in cui spesso mi sono sentita impotente ed è una sensazione terribile. Ho incontrato madri combattive che cercano di avere la custodia dei propri figli, bambini abbandonati a se stessi, prostitute ribelli, uomini naufraghi. Ciò che forse mi sconvolge è che si tratta di persone normali venute in Italia per sfuggire guerra, povertà e violenza, in cerca di un avvenire migliore e l’Italia è in grado di offrire solo un ginepraio intricato di norme e di codicilli. Per questo ho scelto La vita ti sia lieve, parafrasando l’estremo augurio “Sit tibi terra levis”. Questa frase mi sale alle labbra al momenti dei saluti come una silenziosa preghiera per queste creature che hanno già sopportato fardelli insostenibili.

 

Qual è la situazione a Lampedusa?

È una situazione di continua emergenza. Per esemplificare riporto un episodio inserito anche nel libro: racconto della mia visita a Contrada Imbriacola, il Centro di Primo Soccorso e Accoglienza di Lampedusa dove, quando arrivo per la visita, sono rinchiusi 231 migranti in fuga dalla Libia e tra loro minori non accompagnati e donne. Sono andata in compagnia di Sandra Zampa come parlamentare, Gabriella Guido per la campagna LasciateCientrare, la giornalista Claudia De Lillo, più conosciuta come Elasti. Al centro parliamo prima con le donne, che arrivano intorno a noi un po’ alla spicciolata. Dovrebbero stare in questo centro soltanto per poche ore, o al massimo qualche giorno, giusto il tempo di essere identificate e rimesse in sesto dopo il lungo viaggio, per essere successivamente inviate verso la collocazione finale, quali possono essere centri di accoglienza per i richiedenti asilo (come accade per la stragrande maggioranza negli ultimi sbarchi), case-famiglia per i minori non accompagnati, Cie per effettuare le eventuali espulsioni. Hanno bisogno di sapone, di assorbenti, di ciabatte. Potrei soltanto provare a descrivere l’odore degli stanzoni con 12 brande e le adiacenti latrine. Le donne chiedono di sapere perché stanno rinchiuse e perché non possono uscire. Perché accade questo in un Paese come l’Italia, libero e democratico. Hanno paura e nei loro occhi si riflette la violenza che hanno dovuto subire e affrontare, il dolore, la separazione da mariti e fratelli. Subiscono un’ingiusta prigionia. Ma poi ci sono i piccoli gesti, che ti fanno sorridere e tornare a sperare, dei cittadini che accolgono, supplendo alle nostre carenze, con cibo, parole e sorrisi. Anche questa è Lampedusa.


Leggi le interviste agli altri scrittori.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Mi autorizzi a condividere questo articolo su LinkedIn?

Salve,

nessun problema, l'importante è segnalare la fonte.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.