Corso online di Editing

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Corso online di Scrittura Creativa

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Storia di un papà prete. “Priestdaddy” di Patricia Lockwood

Storia di un papà prete. “Priestdaddy” di Patricia LockwoodTra le uscite di agosto si segnala l’opera di Patricia Lockwood, Priestdaddy (sottotitolo: Mio papà, il sacerdote) per Mondadori, collana Strade Blu, tradotto da Manuela Faimali.

L’autrice, americana, si è sempre definita “poeta per mestiere” e, stando al suo ritratto sul «The New York Times», che ha nominato Priestdaddy tra i libri migliori del 2017, la sua principale attività è stata sempre quella di «scrivere per ore ogni giorno, vivendo in modo proustiano». Tra le sue opere, nate anche grazie ai suoi pensieri in centoquaranta caratteri scritti sul suo account Twitter, annoveriamoRape joke (2013) e The Pinch (2017).

Il padre in questione è Greg, prete cattolico “sui generis”, che ha la sua canonica a Kansas City. Prima di leggere l’opera (che non è un romanzo, direi più un memoir) ho fatto delle ricerche, incuriosita dalla sua figura che non conoscevo: Lockwood padre ha trovato la vocazione durante la Guerra Fredda, impegnato come sommergibilista a bordo del USS Flying Fish. Per la sua ordinazione si è resa necessaria la dispensa da parte di Joseph Ratzinger, futuro papa emerito con il nome di Benedetto XVI. Come dice la figlia, l’uomo, infatti, ha «eluso la definizione di cattolico mentre il dizionario dormiva»: Lockwood è l’unico sacerdote cattolico sposato con figli, perché, dopo un passato da ministro luterano, il Vaticano gli ha concesso di poter mantenere legami con la famiglia che aveva costruito nel frattempo.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

L’opera inizia con quella che potremmo definire una “cornice”: Patricia, trentatré anni, e il marito Jason sono costretti per problemi economici a tornare nella canonica, per otto mesi di convivenza forzata. È da qui che parte, per la figlia, l’urgenza di raccontare la figura del padre, che da giovane era «angelico, satanico» e soprattutto «ateo e sprezzante».

Storia di un papà prete. “Priestdaddy” di Patricia Lockwood

La narrazione della Lockwood procede per metafore, come quella del mare (dove il giovane marinaio Greg si trova immerso, e matura la sua nuova consapevolezza) inteso come nuovo liquido amniotico: la conversione del padre al cristianesimo è, a conti fatti, una rinascita a nuova vita, dal sommergibile-utero d’acciaio uscirà un uomo nuovo. S’intuisce fin da subito come il rapporto tra il padre e la figlia Patricia sia particolare, rispetto a quello che Greg ha con gli altri quattro figli, che sembrano gravitargli intorno senza coglierne mai davvero l’essenza. Spetta dunque a Patricia tracciare per noi un quadro di questa strampalata famiglia («Siamo noi quelli anormali» dice la sorella minore, a un certo punto).

Storia di un papà prete. “Priestdaddy” di Patricia Lockwood

La sensazione che si prova, pagina dopo pagina, è che l’autrice sia una sorta di lepre marzolina che ci scorta nel suo mondo e a un certo punto, per festeggiare il nostro non compleanno, ci porga una tazza fumante di tè profumato e saporito, ma che poi si premuri di darci una martellata sulle dita: lo stile, infatti, è lapidario e secco; frasi brevi e nette si stagliano come coltellate nella mente del lettore, come se l’intero racconto fosse una raccolta di aforismi. Così sintetizza, per esempio, la conversione del padre: «Era stanco del succo d’uva. Voleva il vino». Ho trovato fantastica la metafora con la quale descrive il primo, impacciato bacio con Jason, definendo lo scontro delle due bocche giovani e pieni di denti l’incontro «tra due gabbie per uccelli». L’autrice alterna passato e presente in molti aneddoti, mescolando questo stile fulminante a quello che potrebbe essere definito “black humour”, facendo riferimenti sulle religioni che, spesso, sinceramente, ho trovato poco gradevoli.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Alcune battute strappano una risata (contrazione dei muscoli facciali che è particolarmente gradita soprattutto di questi tempi!), altre non mi sono neanche sforzata di capirle. Greg Lockwood è sicuramente un personaggio (pardon, un uomo!) che sarebbe piacevole incontrare almeno una volta nella vita, per farsi due chiacchiere sul suo divano, anche se lui, di certo, ci accoglierebbe in mutande.


Per la prima foto, copyright: Shalone Cason su Unsplash.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.