Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Steven Soderbergh adatta John Barth

Steven SoderberghJohn Barth è considerato uno tra i più influenti scrittori del Novecento, e i suoi romanzi rappresentano alcuni tipici esempi di postmodern fiction.

 

Barth debuttò nel ‘56 con The Floating Opera (L’opera galleggiante), mentre è del 1958 The End of the Road (La fine della strada). Al 1960 risale invece The Sot-Weed Factor, uscito in Italia nel 1968 col titolo Il coltivatore del Maryland, nella traduzione di uno scrittore fondamentale nel panorama della letteratura italiana negli del boom economico, Luciano Bianciardi.

 

È proprio a Il coltivatore del Maryland che si è rivolta l’attenzione di Steven Soderbergh, regista eclettico (sono suoi Full Frontal (2002), Solaris (2002), Contagion (2011), tra gli altri), per un adattamento del mastodontico romanzo di Barth.

 

L’adattamento è stato affidato a James Greer, romanziere, sceneggiatore, musicista, il quale si è immerso nel mondo di Barth per un paio d’anni, riemergendone con uno script più esteso del romanzo stesso. E il risultato sembrerebbe essere altrettanto monumentale: dodici ore, in dodici episodi da un’ora ciascuno.

 

Soderbergh, dal canto suo, crede che sarà possibile realizzare il progetto senza un grandissimo budget, e non sappiamo se ci si può scommettere; del resto, la complessità del romanzo-parodia di Barth è tale da far risultare un’impresa il solo pensiero di farne un prodotto filmico.

 

Staremo a vedere se Soderbergh riuscirà a stupirci positivamente, e in che modo il romanzo di John Barth vedrà la luce attraverso il mezzo della cinematografia.

 

Con buona pace del dibattito sul Postmoderno.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.