Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Corso online di scrittura creativa

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di editing

“Steve Jobs” di Walter Isaacson

Steve Jobs, Walter IsaacsonDopo quelle di Kissinger, Einstein e Franklin, il famoso scrittore e biografo statunitense, Walter Isaacson, è tornato al successo con la biografia di Steve Jobs, che, in breve tempo, è diventata un vero e proprio caso letterario. Sarà stato per la prematura scomparsa del genio di Apple, o perché è approdato in libreria il 24 ottobre, a pochi giorni dalla dipartita di Jobs, ma sta di fatto che il libro – includendo anche gli ebook – è balzato subito in vetta alle vendite di Amazon.

Edito negli Stati Uniti da Simon & Schuster e da Mondadori in Italia, il volume si compone di oltre 650 pagine ed è assai più che una semplice biografia.

La forza di questo testo risiede, prima di tutto, nel fatto di essere stato autorizzato dallo stesso Jobs, il quale – inaspettatamente – ha lasciato all'autore ogni libertà di scrittura. Il fine era quello di rendere il lavoro quanto più possibile aderente alla realtà. In pratica, Jobs ha fatto una scelta. Ha deciso di “denudarsi” davanti al mondo intero e lo ha fatto per essere considerato e ricordato per quello che realmente è stato: un genio, capace d’intuizioni incredibili e rivoluzionarie, ma, allo stesso tempo, un uomo lunatico ed introverso, dal carattere difficile e contradditorio.
Steve Jobs ha avallato l’idea della biografia anche per lasciare un testamento spirituale ai figli. Sentiva che presto avrebbe abbandonato questa terra ed ha tentato di imprimere la sua immagine nella memoria dei suoi bambini: «Volevo che i miei ragazzi mi conoscessero. Non sono stato sempre presente. Volevo che sapessero perché e che capissero cosa ho fatto».
Isaacson, dal canto suo, non si è fatto pregare ed ha tracciato un profilo netto e preciso di Jobs. Da grande professionista, è riuscito a portare davanti agli occhi del mondo l’icona di un personaggio eccentrico ed intelligentissimo, senza mai sminuirlo o mitizzarlo, ma semplicemente umanizzandolo. Ciò che ne è venuto fuori, in sostanza, è la figura di un uomo perspicace e brillante, un vero e proprio trascinatore; un perfezionista, capace di grandi slanci e di imprese titaniche, ma scostante e pieno di difetti, oltre che poco incline ai rapporti interpersonali.

Il racconto nasce da ben 40 colloqui privati tra lo scrittore e Jobs, avuti in un lasso di tempo di circa due anni, nonché da un centinaio di interviste ad amici, colleghi, conoscenti e rivali. Ripercorrendo la vita del grande informatico, dall'adolescenza alla presentazione dell'iPad 2, l’autore svela numerosi retroscena e tante curiosità, oltre naturalmente a tutto ciò che concerne la nascita di Apple. Ad esempio, si scopre che il nome dell'azienda è stato deciso da Jobs dopo aver seguito una dieta a base di sola frutta; si apprende che il cofondatore di Apple ha trascorso un breve e felice periodo in Italia; si comprende l'importanza che l'uomo d'affari ha avuto nello sviluppo e nel rilancio di aziende come Next, Disney e Pixar; si parla del rapporto con le droghe, mai rinnegato da Jobs, e che, anzi, lui ritenne sempre fondamentale e stimolante per la sua creatività.

Uno degli aspetti più bizzarri che emerge, poi, è il fatto che, a detta di tutti coloro che ebbero occasione di stargli vicino, egli puzzasse. La matrice hippie, che formò il suo pensiero, unita ad una naturale trasandatezza e, soprattutto, alla stana convinzione che, mangiando solo frutta e verdura, non fosse necessario lavarsi, gli creò non pochi problemi nei rapporti lavorativi; almeno fino a quando i partner non si rendevano conto che era assai più produttivo guardare al suo intelletto piuttosto che al suo aspetto.

Il libro è scritto in modo brillante ed è capace di tenere sempre alta l'attenzione del lettore, essendo di fatto più vicino ad un romanzo che ad una vera e propria biografia.
In definitiva, Steve Jobs è un libro da leggere. Consigliato a tutti. E non soltanto agli amanti della tecnologia.

Buona lettura!

Il tuo voto: Nessuno Media: 3 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.