In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Stephen Dedalus: martire cristiano e figura mitologica come paradigma dell’esordio dell’artista

[Articolo pubblicato nella Webzine Sul Romanzo n. 2/2013, La difficoltà dell'inizio. Il coraggio del primo passo]

James Joyce, Dedalus. Ritratto dell'artista da giovanePortrait of the Artist as a Young Man di James Joyce è noto in Italia come Dedalus. Ritratto dell’artista da giovane (Adelphi 1976, traduzione di Cesare Pavese). Fu pubblicato, per la prima volta, a puntate sulla rivista The Egoist tra il 1914 e il 1915 e, poi, in volume nel 1916. Vengono narrati gli anni formativi della vita di Stephen Dedalus: l’infanzia, gli anni in collegio e il periodo universitario si dipanano in cinque capitoli, attraverso la costruzione di un affresco metaforico della figura dell’artista e della fatica per la sua affermazione, mettendo in scena come la liberazione dall’esterno, cioè, dalle condizioni pre-esistenti che limitano l’avverarsi dell’inizio estetico-artistico, sia propedeutica all’esordio, che viene a connotarsi non come un gesto, ma come un vero e proprio processo.

Il nome del protagonista è già di per sé emblematico: Stephen è il primo martire cristiano – Santo Stefano – e, in una curiosa contrapposizione, il cognome si riferisce alla figura mitologica di Dedalo, un abile artigiano che costruì per Minosse il labirinto dove fu rinchiuso il Minotauro e dove venne imprigionato lo stesso Dedalo, il quale fabbricò due ali di cera per sé e per suo figlio Icaro per scappare. Icaro, però, non diede ascolto alla raccomandazione del padre e volò in alto, troppo vicino al sole, così la cera che legava le piume si sciolse e cadde nel mare. Un martire cristiano, dunque, e una figura mitologica sono il nome e il cognome del protagonista di questo romanzo, che, assieme a Gente di Dublino e all’Ulisse, costituisce uno dei tre libri più importanti di James Joyce.

Stephen vive a Dublino, la sua famiglia è molto cattolica e permeata da forti sentimenti nazionalistici. Fin da bambino, viene mandato dai genitori a studiare presso il collegio gesuita di  Clongowes. La vita del collegio è dura: un fitto insegnamento si accompagna a un clima austero e alle angherie dei compagni. Il giovane vi si adatta, ubbidiente, da un lato, alla disciplina impartitagli e, dall’altro, maturando un progressivo senso d’inadeguatezza, come quando Wells lo fa cadere in un canale di scolo e Dedalus si ammala, finendo in infermeria, o quando, a causa di un incidente nel quale gli si rompono gli occhiali da vista, viene esonerato per qualche giorno dagli studi; ciononostante, viene preso a bacchettate dal prefetto Padre Dolan, il quale riteneva che quella del ragazzo fosse solo una scusa e non una causa impediente. I colpi della bacchetta reiterati per ben sei volte sulle mani gli dolevano nell’animo come una punizione immeritata: «Era ingiusto; era iniquo e crudele: e seduto nel refettorio Stephen soffrì di momento in momento nella memoria la stessa umiliazione». Il prefetto aveva anche ironizzato sul suo nome, schernendolo oltre modo davanti alla classe; con occhi incolori gli aveva raddrizzato la mano con le dita morbide, per colpirlo meglio e con più forza. Il giovane prende coraggio e va a lamentarsi dal rettore per il torto subito.

[Per continuare a leggere clicca qui, e vai a pagina 31]

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.