Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

“Stalin + Bianca” di Iacopo Barison

Iacopo Barison, Stalin + BiancaStalin + Bianca (edito da Tunué, 2014, nella nuova collana di narrativa curata da Vanni Santoni) di Iacopo Barison comincia così: «Vorrei aggiungere che lo stadio è completamente vuoto. Gli orizzonti scompaiono, i riflettori puntati sul campo si spengono all’improvviso. Siamo giovani e soli, avvolti nel buio molecolare del tardo pomeriggio».

E mi è venuto da pensare a quel «Poi veniva la brutta stagione» con cui Hemingway approccia la narrazione di Festa mobile, senza dubbio tra i più efficaci inizi in media res che si ricordino.

Ora, non voglio dire che questo ragazzo di ventisei anni alle prese con la seconda fatica letteraria sia Hemingway, per carità, semmai che Barison conquisti subito qualche punto nei confronti del lettore grazie a un funzionale espediente. Ci troviamo senza preamboli nella testa di Stalin, un adolescente che non è mai felice e che sta per compiere diciotto anni, folti baffi (motivo principale del soprannome), una vespa per girare tra le vie degradate di un’imprecisata città e qualche problema di gestione della rabbia. Poi c’è il suo amore platonico Bianca, dolcissima, non vedente, appassionata di musica classica, «scrive poesie, è innamorata di un mondo che non ha mai visto». Va da sé che la prima parte del romanzo ci presenti i due protagonisti del titolo, tuttavia facendo sfilare anche i comprimari della storia in una carrellata che sa fermarsi su ognuno di loro: Jean (chiamato così per la somiglianza con l’attore francese Jean Gabin), custode di uno stadio che però fa il grosso del guadagno con lavori sporchi, dei quali Stalin è partecipe; una mamma quasi invisibile, relegata dietro messaggi affettuosi eppure in qualche modo distanti; infine il compagno della madre, ex raver che ora fa l’assicuratore e per il quale Stalin non nutre una gran simpatia.

È proprio un episodio legato a quest’ultimo che dà l’avvio alla seconda parte, una movimentata evoluzione on the road: Stalin, che già sente il bisogno impellente di fuggire dalla propria vita, trova il pretesto per andarsene davvero, perché ancora una volta ha perso il controllo, ma il problema è che stavolta ha colpito il patrigno; credendolo morto, si dà alla fuga, nella quale coinvolge anche Bianca. Diventa un viaggio tra città senza nome e una capitale da raggiungere, in un mondo alla deriva, un mondo che vive nell’autocommiserazione e nel disagio metropolitano, ed è un susseguirsi di quartieri grigi e quartieri morti, deserti, spacciatori di droghe e psicofarmaci a ogni angolo, fabbriche abbandonate e palazzi incompiuti, la neve, le rovine dei bombardamenti, le macerie di una chiesa, il museo del degrado ambientale.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Iacopo BarisonLa forza dell’autore è quella di richiamare a scenari post-apocalittici senza dare riferimenti precisi, senza necessità di spiegare, basti solo sapere che si sono estinti gli arcobaleni. Il futuro prossimo è un posto pieno di contraddizioni, dove coesistono raffinati Veg Burger e cibi in scatola da consumare in strada, il biologico solo per i ricchi, il colosso Starbucks, elementi anacronistici come la carta da parati, la gente che ragiona in codici binari e indossa maschere antigas un po’ per moda e un po’ per protesta. «Sembra un’altra epoca. Un mondo senza coscienza storica, in cui tutto deve ancora succedere».

È un libro che si può collocare nel filone postmoderno, distopico per ambientazione e contesto sociale, basato su una storia nella quale si avvertono gli echi di Don DeLillo (Cosmopolis in particolare) e Cormac McCarthy (La strada). Lo stile di Barison è già maturo e in effetti molto americano, nel novero dei minimalisti, denso di dialoghi con taglio da sceneggiatura e con qualche tono da pulp. Eccede forse in pensieri didascalici e digressioni sociologiche, anche se ne nascono interessanti spunti di riflessione su possibili visioni del futuro. Stalin + Bianca è anche un’esplosione cinefila, alla quale prendono parte Truffaut, Godard, Jean Vigo e Dziga Vertov; si citano poi l’espressionismo tedesco e persino Godzilla. Il protagonista non dimentica mai di portare con sé la sua macchina da presa per firmare ciò che lo circonda, frammenti di realtà e di verità da montare insieme proprio alla maniera di Vertov (“Perché la videocamera?” gli chiedono. “Perché non ho una penna. È come tenere un diario di viaggio, con le immagini al posto delle parole”, risponde lui). Le pagine stesse del romanzo si muovono tra campi medi e campi lunghi, totali di paesaggi, persone in campo e fuoricampo. “Vorrei tornare indietro, quando i film finivano con un bacio”, dice poi, e rimpiange tempi che non ha mai vissuto, come il Woody Allen di Midnight in Paris. Infine i riferimenti letterari, Guerra e pace e La montagna incantata su tutti (tra parentesi voglio dire che condivido con Stalin la passione per i racconti di Maupassant), e quelli musicali, con What a wonderful world come colonna sonora (nella doppia versione, classica e rivisitata, di Louis Armstrong e Joey Ramone), che accompagnano la lettura di Stalin + Bianca

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (6 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.