Corso online di scrittura creativa

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di editing

Spigolature sulla vita. “Finché splendi amore” di Anna Buoninsegni

Spigolature sulla vita. “Finché splendi amore” di Anna BuoninsegniSe è vero (per dirla con Fabrizio Caramagna) che «il verseggiatore ama giocare con l’invisibile: prende l’aria intorno a una farfalla e costruisce il sorriso di un bambino», la forza paradigmaticamente evocativa della forma d'arte nata prima della scrittura consiste proprio nella capacità di duettare con l'ignoto e trascendere, esplorando l'immateriale, la mera finitezza terrena. E tanto gli esperimenti più sfrontati dell'odierna avanguardia contemporanea, quanto la primigenia oralità, testimoniata dagli antichissimi canti a batocco dei contadini, suggellano la sua recondita vocazione.

Questa (tutt'altro che illusoria) bramosia di scalpellare l'eterno, emerge dirompente nell'ultima opera di Anna Buoninsegni, Finché splendi amore (Le Farfalle).

La poetessa e giornalista – di origini toscane – percorre da sempre gli accidentati sentieri dominati dalla metrica, denotando una sensibilità (emersa nitidamente nelle raccolte di versi La stanza di Anna del 1997 e Ad occhi aperti del 2005, entrambe edite da Crocetti e introdotte da una prefazione di Mario Luzi) che ora rivela un’organica maturazione espressiva. Figlia di un perfezionamento stilistico ed estetico elegante e compiuto, non disgiunto da un ormai più che solido background speculativo, simbolizzato egregiamente.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Anna Buoninsegni circumnaviga sapientemente l'arcipelago frastagliato dell'amore, del dolore e della stessa parola. In un connubio tra significato semantico dei fonemi e loro intrinseca musicalità, che annichilisce, non mancando di spiazzare anche i lettori più avvezzi al genere.

Spigolature sulla vita. “Finché splendi amore” di Anna Buoninsegni

L'irrimediabile perdita della propria metà, l'imperitura presenza di chi è scomparso, l'attimo in cui svanisce il battito della vita: non vi è cruciale snodo esistenziale che Anna Buoninsegni non vivisezioni, innervando i suoi chiaroscuri con accenti di sconfinata dolcezza. E trepidante stupore. E ancora: i colori silenziosi dell'estate, i giochi (talvolta feroci) del destino, le suggestioni oniriche del vissuto, l'attesa di scoprire l'eternità in ogni attimo. Il tutto incastonato in una dimensione in cui realtà e sogno, fisicità ed etereo, sgomento e beatitudine magicamente si conciliano, convivendo e dando vita a una prefigurazione tangibile e insieme traboccante d'infinito.

Per Davide Rondoni, l'autrice «è diventata una testimone della dismisura». Ma non è forse oltremodo smodata e incandescente la materia trattata? Che affonda fino alle viscere sanguinolente del mal di vivere di montaliana memoria? Non sono permeati di un’insopportabile eccessività gli strazi, le fratture, le dicotomie dell'animo, che non di rado puntellano la nostra cavalcata esistenziale? Anna Buoninsegni non può far altro (consapevole com'è della solidità del suo ostico avversario) che attrezzarsi di tutto punto, e rispondere colpo su colpo alle frustate. Menando fendenti a destra e manca, con la forza di una guerriera illuminata.

Spigolature sulla vita. “Finché splendi amore” di Anna Buoninsegni

Una guerriera però che mai cede a quella venatura inquieta, disillusa e tormentata che agli albori del Novecento prese il sopravvento. Nulla la accomuna all'autore di Ossi di seppia, e men che meno alla sua concezione negativa della vita e della poesia.

Lungi dal fornirci risposte definitive e dall'elaborare ricette salvifiche, purtuttavia riesce a delineare un quadro di sistema valoriale, con riferimento al senso esistenziale dell'immanente, sufficientemente robusto e convincente. Preannunciando, in un mix di simboli e allusioni – che a dispetto della forma, poco hanno di evanescente – un orizzonte spazio-temporale non privo di asperità, ma risolto e fortemente rigeneratore.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Pur facendo tesoro dell'ammonimento che amava ripetere Alda Merini, «non cercate di prendere i poeti perché vi scapperanno tra le dita», talvolta – e ancor di più in tempi massimamente omologati come quelli attuali – afferrare le ciambelle di salvataggio che a noi appare ci vengano da loro lanciate può costituire un esercizio se non dirimente, quantomeno utile. Per almeno provare a dipanare quella matassa aggrovigliata, che è dentro di noi.


Per la prima foto, copyright: Pradeep Ranjan.

Nessun voto finora
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.