Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di Editing

Corso online di Scrittura Creativa

Spiegare il femminismo a scuola. L'esempio svedese

Spiegare il femminismo a scuola. L'esempio svedeseLa Svezia è un esempio da seguire per quanto riguarda l'attualissima discussione sul femminismo e le discriminazioni di genere. Grazie all'intervento nelle scuole della Swedish Women’s Lobby, a tutti i sedicenni svedesi è stato distribuito We should all be feminists della scrittrice nigeriana Chimamanda Ngozi Adichie.

We should all be feminists è il titolo di un intervento tenuto dall'autrice nel 2012 per l'organizzazione TEDxEuston. La popolarità del discorso è aumentata, in seguito, grazie alla canzone Flawless di Beyoncé Knowles, nel cui testo sono stati inseriti alcuni campioni dell'intervento della  Adichie. We should all be feminists è disponibile anche nella traduzione in italiano: lo scorso maggio, la casa editrice Einaudi ha infatti pubblicato l'intero discorso, con il titolo Dovremmo essere tutti femministi.

Sul «Guardian» la Adichie ha dichiarato che, per lei, femministi sono tutti gli uomini e le donne che ammettono le discriminazioni di genere e tentano di trovare una soluzione al problema. «Le persone mi chiedono: “perché la parola “femminista”? Perché non definirti una semplice sostenitrice dei diritti umani, o qualcosa di simile?”. Perché questo sarebbe disonesto. Il femminismo è, naturalmente, una parte dei diritti umani, in generale. Ma utilizzare una vaga espressione come “diritti umani” significa negare un problema specifico relativo al genere» ha concluso la Adichie.

Spiegare il femminismo a scuola. L'esempio svedese

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Il presidente di Swedish Women’s Lobby, Clara Berglund, ha ammesso che We should all be feminists è il testo che tutti i maschi della sua generazione avrebbero dovuto leggere da adolescenti. «È fondamentale offrire un contributo a questo progetto. È un dono agli studenti, ma, soprattutto, è un dono per noi stessi e per tutte le generazioni future» ha dichiarato la Berglund.

Spiegare il femminismo a scuola. L'esempio svedese

In un video indirizzato agli studenti di una scuola di Stoccolma, la Adichie ha dichiarato di voler vivere in un mondo dove non esistono discriminazioni di genere, ma pari opportunità per le donne e gli uomini («voglio vivere in un mondo dove le donne e gli uomini sono davvero uguali, ed è per questo che sono una femminista»).

Quella nelle scuole svedesi è per ora una singola iniziativa, ma non è da escludere, in futuro, l'adozione dell'opera della Adichie nella lista ufficiale dei libri di testo negli istituti del Paese scandinavo. Ci auguriamo che anche nelle scuole italiane, sulla scia dell'esempio svedese, si possa intraprendere un discorso sempre più approfondito sulle discriminazioni di genere e sul ruolo del  femminismo nella moderna società.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (8 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.