Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Speciale Campiello Giovani 2016 – Intervista a Sonia Aggio

Speciale Campiello Giovani 2016 – Intervista a Sonia AggioNata nel 1995, Sonia Aggio ha deciso di partecipare al Premio Campiello Giovani spinta dalla voglia di mettersi alla prova e confrontarsi con altri ragazzi che, come lei, amano la scrittura.

Moritz Gruber, il racconto che le ha permesso di entrare nella cinquina finalista, è ambientato nella primavera del 1918: Gruber è un soldato austriaco, il quale vede morire i suoi compagni sotto il fuoco dell'aviazione italiana. Per l'uomo arriva il momento della vendetta che, tuttavia, lo lascia confuso, colpevole, vittima di un'infinità di emozioni contrastanti, le stesse provate da milioni di militari nel corso delle più sanguinose guerre della Storia.

 

Sonia, per prima cosa una curiosità legata al protagonista, Moritz Gruber. È realmente esistito, e per il tuo racconto ti sei basata su documenti e testimonianze storiche, oppure è frutto della tua fantasia? In quest'ultimo caso, che strada hai seguito per costruire questo personaggio?

Moritz è nato per rispondere a una domanda: chi ha abbattuto Francesco Baracca, nella primavera del 1918? Una domanda che è ancora senza risposta. Mi sono detta: “perché non scrivere la storia di un uomo che è rimasto fuori dalla vera Storia?”. Ho scelto nome e cognome sulla base di quelli più utilizzati in Austria. Per l’ambientazione, invece, mi sono affidata ai libri di storia — specialmente quelli universitari — e a Internet.

 

LEGGI ANCHE – Premio Campiello Giovani, ecco la cinquina 2016

 

La guerra cancella il confine che esiste tra oppressi e oppressori, la distanza tra giusto e sbagliato diventa sempre più debole. In che modo hai sviluppato questa riflessione nel tuo racconto? Quanto pesa e incide sul tuo personaggio questo passaggio da vittima a carnefice?

Diciamo che questo passaggio è il nucleo, lo zoccolo duro del racconto. Per citare De Gregori, la guerra è “solo l’occasione” per narrare il dramma di un ragazzo, che non riesce a superare il senso di colpa, inspiegabile, per una morte che fa parte della guerra. Lui stesso, in un brano, si chiede perché soffra, dato che in tre anni di guerra ha ucciso altri uomini. Si può dire che l’abbattimento di Baracca segna l’apertura di un cerchio di sofferenza che si chiuderà con la morte stessa di Moritz.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Speciale Campiello Giovani 2016 – Intervista a Sonia AggioCi sono dei generi letterari che prediligi, come lettrice e come scrittrice?

Il genere storico, ovviamente, anche se sono molto selettiva a riguardo. Romanzetti rosa e improbabili thriller medievali riempiono gli scaffali, ma non hanno nulla di storico, tranne l’etichetta. Ogni tanto riscopro i classici e la poesia (come lettrice, come scrittrice preferisco la prosa). Non mi fido dei best-sellers e delle grandi operazioni di marketing, sono stata delusa più di una volta. In generale, preferisco scrivere racconti, storici o sovrannaturali. Spesso mi concentro su un solo personaggio, affinché il lettore si identifichi con lui.

 

Leggo che sei una lettrice e un'ascoltatrice onnivora. Soprattutto, ascolti colonne sonore di serie tv e film per sviluppare il tuo estro creativo nella scrittura. Se dovessi compilare una tua personalissima classifica di cinque libri che ti hanno particolarmente colpita (e magari ispirata) e cinque brani particolarmente stimolanti, cosa ci suggeriresti?

Tra i libri citerei, in ordine sparso: Wolf Hall di Hilary Mantel, Ascolta il mio cuore di Bianca Pitzorno (nonostante sia un libro per ragazzi, consigliatissimo anche agli adulti!), Il grande Gatsby di Francis Scott Fitzgerald, Memorie di Adriano di Marguerite Yourcenar, Myricae di Giovanni Pascoli. Tra i brani, The Children e Dance of Dragons di Ramin Djawadi (dalla colonna sonora de Il trono di spade), Anne dreams of her childhood e Wolsey commits suicide di Trevor Morris (dalla colonna sonora della serie tv I Tudors), Chevaliers de Sangreal di Hans Zimmer (dalla colonna sonora de Il codice Da Vinci).

 

LEGGI ANCHE – Premio Campiello: interviste e ultime novità

 

Quali emozioni hai provato quando sei entrata nella cinquina finalista al Premio Campiello Giovani?

Onestamente, quando ho sentito parlare gli altri semifinalisti, ho pensato che il mio racconto fosse troppo banale per poter aspirare alla Cinquina finalista; mi ero quasi rassegnata. Per questo, quando ho riconosciuto le mie parole (per svelare i finalisti vengono letti gli incipit dei racconti, senza far nomi) sono stata doppiamente felice. È stata veramente una grande soddisfazione, il coronamento di un sogno.

 

Progetti per il futuro? Magari, un romanzo nel cassetto?

Continuerò a scrivere, ma mi piacerebbe pubblicare un libro, un giorno. Sarebbe una grande emozione se le mie parole venissero lette da perfetti sconosciuti, non soltanto dalla mia famiglia e dai miei amici. Ora come ora, però, non mi sento in grado di scrivere un intero romanzo. Il racconto mi è molto più congeniale.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (5 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.