Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

“Sotto un cielo sempre azzurro” di Andrea Vitali. Un divertente elogio alla follia? Forse

“Sotto un cielo sempre azzurro” di Andrea Vitali. Un divertente elogio alla follia? ForseSotto un cielo sempre azzurro (Garzanti, 2019), di Andrea Vitali, sembra quasi un divertente elogio alla follia. O almeno così lo ha definito qualcuno. Personalmente, l’ho trovato un testo forzato, scritto senza una vera ispirazione. Che non decolla mai sul serio. Un libro che, purtroppo, non ha niente a che vedere con i precedenti dello stesso autore (a mio avviso ottimi romanzi!). Questo, invece, presenta sì numerose caratteristiche stilistiche e narrative interessanti, ma appare ancorato a una narrazione priva di colore, senza una vera vivacità. Una sequenza di eventi forse costruita a tavolino per strappare qualche sorriso nel lettore, ma che non trova mai gli sbocchi giusti, e resta confinata in frasi e concetti a stento etichettabili come “simpatici”. Una cosa voluta da Vitali? Può darsi, visto il tema del romanzo, ma che – quasi sicuramente – poteva essere costruita con maggiore enfasi. Procediamo però per gradi e partiamo dalla trama.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

La storia è quella di Mattia, un bambino che, un giorno, si ritrova a casa un nuovo coinquilino: il nonno Zaccaria. «Un tipo alto, magro, con i baffi e un vocione che fa tremare i vetri alle finestre». Zaccaria si sistema nella sua stanza e due legano moltissimo da subito. Il vecchio racconta al nipote leggende e aneddoti, particolari della sua giovinezza e storie di personaggi fantastici. Di giorno, poi, passeggiano nei boschi vicini per ascoltare i versi degli uccelli e capire come gli alberi comunichino fra di loro. Si divertono tanto, al punto che Zaccaria diventa il migliore amico di Mattia e quest’ultimo non vede l’ora di tornare da scuola per stare con il nonno.

Ma un giorno accade qualcosa: Zaccaria si sveglia e non sembra più lo stesso. Inizia a parlare in francese ed è serio e nervoso. È convinto di essere Napoleone e pretende di essere chiamatoEmpereur.

“Sotto un cielo sempre azzurro” di Andrea Vitali. Un divertente elogio alla follia? Forse

La diagnosi del medico non lascia dubbi: non è più possibile tenerlo lì. Così Napoleone-Zaccaria viene ricoverato in una clinica specializzata in casi simili... Per Mattia è un duro colpo. Difficile da accettare. «Possibile che il nonno sia così grave e non si tratti invece di uno dei suoi scherzi? Oppure è entrato in una realtà tutta nuova che si apre solo davanti agli occhi di chi la sa vedere?».

Vitali sceglie come io narrante della vicenda Mattia, che guida il lettore attraverso gli ostacoli imposti da un tema serio e spigoloso come quello della follia. E lo fa però con gli occhi di un bambino ingenuo, inconsapevole e restio ad accettare ciò che succede al nonno, e raccontando una trama intessuta di eventi e personaggi pittoreschi e ben costruiti. Elementi narrativi, questi, degni del miglior Vitali che, nel tempo, ha abituato i suoi lettori a rocambolesche e divertenti costruzioni. Ma che in questo romanzo appaiono “edificate” in maniera quasi forzata e non spontanea. Certo, leggendo il libro mi sono imbattuto in diversi spunti interessanti (a volte seri e a volte divertenti) ma mai davvero naturali. Ciò che mi ha colpito e fatto sorridere di più – ribadisco – sono sicuramente le personalità e i caratteri, creati con dovizia di particolari e mai banali, come il dottore di famiglia che si esprime quasi esclusivamente con i proverbi, o il vero Babbo Natale, che a un certo punto salta fuori, o ancora lo specialista della clinica. Insomma, una serie di personalità lontane da stereotipi o macchiette già confezionate.

“Sotto un cielo sempre azzurro” di Andrea Vitali. Un divertente elogio alla follia? Forse

Altro punto a favore del libro di Andrea Vitali è probabilmente una costruzione della struttura narrativa della storia ben azzeccata, che sembra in linea con vari canoni della scrittura creativa classica. Che sia voluto? Difficile dirlo. Sta di fatto che la vicenda parte con l’introduzione di un nuovo elemento che “sconvolge” una situazione di equilibrio (l’arrivo di Zaccaria), continua con la creazione di uno stato di pace (il forte legame tra nonno e nipote) e l’arrivo di una nemesi (stavolta individuabile nella follia) che risconvolge il tutto.

L’umorismo legato al paradosso è il filo conduttore che regge (a stento, ripeto) l’intero volume. Un testo che, suppongo – visto l’argomento illustrato e il modo con cui è stato trattato –, aveva sicuramente mire più alte. O, almeno, a mio avviso, avrebbe potuto ambire a risultati superiori. In altre parole: l’idea è ottima, ma l’esito non è quello sperato.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Sotto un cielo sempre azzurro merita comunque una lettura, se non altro per il coraggio di Vitali di trattare un argomento così delicato con ironia ed eccentricità; per i magnifici personaggi che lo popolano e per il bel racconto Sui matti non piove mai inserito in appendice.

Il tuo voto: Nessuno Media: 3 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.