14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Sopravvivere all’Olocausto. “Adamo risorto” di Yoram Kaniuk

Sopravvivere all’Olocausto. “Adamo risorto” di Yoram KaniukAdamo risorto è il titolo del romanzo scritto da Yoram Kaniuk, tradotto in italiano da Elena Loewenthal e pubblicato dalla Casa Editrice Giuntina, dal titolo originale Adam ben kelev. Ciò che si snoda, nel corso del racconto, è una storia che fa riflettere, ambientata in Israele, in un istituto riabilitativo. Chi sono gli ospiti di questo luogo? Sono i protagonisti principali del libro, si tratta di gente segnata dal dolore, che ha vissuto qualcosa che l'ha cambiata per sempre. Storie e avvenimenti che si snodano, davanti agli occhi increduli del lettore che può solo immaginare cosa sia successo e che forse non riuscirà mai a capire, fino in fondo, simili atrocità.

Tra le parole, a tratti inverosimili, prende forma la storia di Adam Stein:

«Adam si era svegliato già da un po' ma fece finta di dormire, come un bambino che pretenda così di nascondersi. Teneva le palpebre chiuse, ma non strette. Perciò intravedeva le ombre delle macchine muoversi sulle pareti rivestite di una tappezzeria lisa e sbiadita. Attraverso le palpebre semichiuse Adam vide se stesso».

 

Adam era in grado di vedere e di sentire molto più di quello che le persone comuni percepiscono. Per anni era stato un pagliaccio ebreo e quel tempo nessuno sarà più in grado di restituirlo. Adam avrebbe fatto la fine di tanti ebrei come lui, se non fosse stato in grado di colpire il comandante con le sue abilità circensi. Viene “ingaggiato” così dai nazisti, per farli divertire e per far divertire gli ospiti del campo. Quelle persone che dovranno andare incontro alla morte rideranno l’ultima volta proprio grazie a lui e Adam vedrà scomparire per sempre la sua famiglia, continuando a ridere. Un clown che cela le lacrime dietro a un finto sorriso e che perde ogni forma di dignità umana per il riso di chi lo tratta al pari di un animale. È questa la storia di quest’uomo così sofferente, che ha visto morire chi amava, spegnendosi poco a poco.

Sopravvivere all’Olocausto. “Adamo risorto” di Yoram Kaniuk

Non è Gesù che risorge, questa volta, è Adam, che ha la possibilità di vivere dopo la guerra, che riesce a vedere di nuovo il sole. Ma una prigione è solo quella formata da sbarre e filo spinato, oppure è quella della nostra mente? Un interrogativo che, forse, rimarrà per sempre irrisolto.

«La bella, delicata moglie di Adam, la madre di Rut, la sua buffa moglie che gli era passata davanti mentre lui faceva ridere gli ebrei del Kommandant Klein, e aveva percorso la sua ultima strada senza sapere che era l'ultima, sua moglie Gretschen l'aveva conosciuta quando era ancora studente e per mantenersi suona va il violino in un cinema muto di Berlino.»

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Non si può pretendere di dimenticare ciò che ha segnato una vita, per sempre, non si può far finta che non sia successo nulla, perché il passato ritorna, fa capolino nel presente e impedisce di programmare l'esistenza, arrivando ad annullare la linfa vitale degli uomini.

Una storia struggente, descritta con un linguaggio scarno, con il quale si sono narrate le modifiche che avvengono nelle menti che hanno visto troppo. La letteratura della Shoah è ricca di volumi, su di essa sono state spese tante parole, eppure Adamo risorto ci dice qualcosa di nuovo. Nonostante le sue lunghe digressioni e descrizioni minuziose, questo romanzo ha il compito di tramandare ciò che comunemente viene definito uno sterminio, concentrandosi sugli effetti subiti da chi è rimasto, si tratta di coloro i quali sono riusciti a sopravvivere al nulla, al male senza fine, a logiche malate che fanno ammalare.

Sopravvivere all’Olocausto. “Adamo risorto” di Yoram Kaniuk

C'è un rapporto speciale che fa da sottofondo alla narrazione, è quello tra Adam e i cani, che si svelerà con una Rivelazione sul passato che si riprende il presente.

«Non c'è giustizia a questo mondo. Solo il mio bambino è giusto. Il cane. Le sue dita volano. Sfiorano. Tese, anelanti come uccelli in volo verso l'estate.»

 

Non è facile dimenticare i volti di chi non c'è più, le lacrime dei bambini, le case distrutte, i corpi senza vita ammassati, le madri che hanno pianto per i propri figli. Cosa rimane di tutto ciò? Non resta altro che la pazzia, questa malattia che impedisce di distinguere la realtà dalla fantasia, ciò che è stato da quello che è. È semplice giudicare qualcuno, definendolo semplicemente folle, non sapendo cosa ci cela dietro il suo comportamento. Ogni azione ha le sue conseguenze, è questo l'ultimo insegnamento di Yoram Kaniuk, che ha fornito al mondo gli spunti essenziali per non dimenticare, dando alle nuove generazioni una riflessione sul passato, che sia in grado di costruire il futuro.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Adamo risorto non è un libro semplice da leggere, non rappresenta uno svago, è un romanzo che scava le coscienze, perché le sue pagine portano al loro interno tutto il peso della memoria. 

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.